4 piante medicamentose per disintossicare il fegato

· 9 Febbraio 2016

Sapevate che alcune piante medicamentose possono aiutarci a prenderci cura del fegato? Questo organo è considerato uno dei più importanti del corpo, essendo responsabile di alcune delle funzioni più importanti, come la filtrazione di tossine, la produzione di ormoni e proteine e il controllo della glicemia.

È anche uno dei più grandi del corpo umano, con dimensioni simili ad un pallone da football e un peso tra i 1,5 e i 2 kg (in età adulta). Si stima che contenga all’incirca il 10% del sangue totale di tutto l’organismo e che pompi più o meno 1,4 litri di sangue al minuto.

Per le funzioni che svolge, fa parte del sistema di depurazione del corpo ed è incaricato di eliminare gran parte delle sostanze di rifiuto. Anche se è capace di auto-depurarsi, oggigiorno molte persone presentano disfunzioni di quest’organo, come conseguenza delle troppe sostanze di rifiuto di cui si deve liberare giornalmente.

È comune che i problemi epatici vengano ignorati poiché, in generale, durante le prime fasi non si presentano sintomi evidenti. Per questo motivo, si consiglia di stimolare la disintossicazione, in modo da garantirne il funzionamento ottimale.

Oggi vogliamo condividere con voi 4 piante medicamentose che, grazie alle sostanze che le compongono, hanno la capacità di depurare il fegato in modo naturale. Scopritele!

1. Cardo mariano, tra le piante per il fegato

cardo mariano

Per molti anni è stato valorizzato come una delle migliori erbe per la cura del fegato. Agisce come disintossicante, sia per il fegato che per la cistifellea, ed è capace di proteggere e ridurre le infiammazioni che danneggiano i tessuti.

Stimolando l’eliminazione delle sostanze tossiche accumulate in quest’organo, il cardo mariano agisce come un eccellente rimedio per prevenire e trattare diverse patologie associate alla sua intossicazione. In più, riduce l’impatto negativo causato dall’uso di droghe, alcol e altre sostanze dannose che colpiscono direttamente il fegato.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di cardo mariano (10 gr)
  • 1 bicchiere d’acqua (250 ml)

Procedimento

  • Per iniziare, spezzettate il cardo mariano in un mortaio.
  • Fate bollire l’acqua e, prima che arrivi ad ebollizione, aggiungete il cardo mariano, abbassate il fuoco e lasciate bollire per altri 5 o 10 minuti.
  • Colate il liquido ottenuto e bevetelo fino a due volte al giorno, per un mese.

Leggete anche: Perché prendere un infuso per il fegato tutte le sere?

2. Asparagi, tra le piante medicamentose per il fegato

Tra i benefici poco conosciuti degli asparagi prevale la loro capacità di ridurre la tossicità del fegato e incrementarne l’attività enzimatica. Gli asparagi contengono un potente antiossidante conosciuto come glutatione, che migliora la scomposizione dell’alcol e delle sostanze sintetiche contenute in certe medicine.

Ingredienti

  • ½ litro d’acqua
  • 30 gr di asparagi

Procedimento

  • Fate bollire ½ litro d’acqua con 30 gr di asparagi. Una volta che l’acqua arriverà ad ebollizione, lasciate bollire per altri 3 minuti a fuoco lento e successivamente colate.
  • Potete assumere l’infuso ottenuto fino a 3 volte al giorno, iniziando con una tazza a digiuno.

3. Denti di leone, fantastiche piante medicamentose

piante medicamentose denti di leone

È uno dei migliori alleati per mantenere pulito il flusso sanguigno e per decongestionare il fegato. Presenta proprietà antinfiammatorie, lassative e riparatrici, che stimolano le normali funzioni di quest’organo, affinché effettui un’adeguata depurazione.

Il dente di leone, inoltre, ha un’azione diuretica, che favorisce l’eliminazione dei liquidi dal corpo, condizione che permette di ridurre i processi antinfiammatori che influiscano sui problemi epatici.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di dente di leone (20 gr)
  • 1 bicchiere d’acqua (250 ml)

Preparazione

  • Fate bollire l’acqua e, prima che arrivi a bollore, aggiungete il dente di leone, e abbassate il fuoco, continuando la cottura per altri 5 minuti.
  • Filtrate il liquido e assumete fino a 3 infusioni al giorno.

Leggete anche: Dente di leone: un efficace alleato contro il cancro

4. Bietole, ottime piante medicamentose per il fegato

mazzo di bietole

Così come molte altre verdure a foglia verde, le bietole contengono agenti antiossidanti e diuretici, che favoriscono la depurazione dell’organismo in modo sano e naturale.

Contengono vitamine A e C e minerali, come il potassio, il calcio, il magnesio, il ferro e lo iodio. Grazie alla loro composizione nutritiva e al loro effetto sull’organismo, sono consigliate per depurare organi vitali come il fegato e i reni.

Ingredienti

  • ½ litro d’acqua
  • 30 gr di bietole

Preparazione

  • Fate bollire ½ litro d’acqua con 30 gr di bietole, lasciate a fuoco basso per 5 minuti e, passato il tempo, colate e bevete l’infuso.
  • Potete assumerlo fino a 3 volte al giorno, per potenziarne l’azione.

In caso soffriate di problemi biliari o alla cistifellea, potete mescolare in parti uguali il succo di questa pianta con quello di crescione,per integrare il trattamento.

  •  Cellular Mechanisms of liver regeneration and cell-based therapies of liver diseases. Kholodenko IV and Konstantin NY.BioMed Res Internat 2017, https://doi.org/10.1155/2017/8910821.
  • Liver regeneration. Michalopoulos GK, DeFrances MC. (1997) Science 276:60
  • . Liver: Anatomy and functions.  Johns Hopkins Medicine. (n.d.)
    hopkinsmedicine.org/healthlibrary/conditions/liver_biliary_and_pancreatic_disorders/liver_anatomy_and_functions_85,P00676