5 semplici modi per pulire i reni

· 12 febbraio 2015

Vale la pena di ricordare che i reni purificano tutto il sangue ogni giorno, eliminando scarti e tossine. Non bisogna trascurare questa importante funzione poiché da questa dipendono la salute e la qualità di vita. Perché non imparare cinque metodi per mantenere i reni sani e puliti?

L’importanza di pulire i reni

I reni non si fermano mai un istante. Filtrano, purificano, eliminano elementi estranei e l’eccesso di sale, liberano ormoni e controllano la pressione arteriosa e l’importante equilibrio di elettroliti nel corpo. Sono molte le persone che si dimenticano dell’importanza dei reni e che, senza saperlo, cadono negli eccessi o semplicemente non si prendono cura delle loro abitudini di vita. Alla fine arriva un momento in cui sorgono dei problemi. La creatinina aumenta, la funzionalità dei reni diminuisce e questi smettono di filtrare il sangue nel modo adeguato. Ci si gonfia, ci si sente stanchi e ci si ammala. Bisogna pensare che il tutto può diventare molto complicato se si è in dialisi. Sicuramente conoscete qualcuno che sta vivendo questa situazione e comprenderete l’importanza di mantenere sani, puliti e forti i reni. Dunque, perché non iniziare oggi stesso?

Sintomi di un problema ai reni

problema ai reni

Ogni persona presenterà uno o più sintomi di quelli di seguito riportati, ma bisogna prenderli in considerazione quando si tratta di una ricorrenza costante. Per esempio, ci sono giorni in cui ci si sente più stanchi e le gambe si gonfiano, può capitare, ma se il sintomo persiste e in più si aggiunge il malessere o il costante stimolo a urinare allora bisogna consultare un medico.

  • Stanchezza quasi continuata.
  • Gambe gonfie, in particolare le caviglie.
  • Prurito in tutto il corpo e nervosismo.
  • Forte stimolo a urinare, molto più forte del normale.
  • Perdita dell’appetito, senso di nausea e vertigini.
  • Torpore a mani e gambe.
  • Sensazione di sonnolenza quasi costante.
  • Parti del corpo che si scuriscono un po’.

5 modi di pulire i reni

1. Il rimedio del bicarbonato

bicarbonato di sodio

Di sicuro avete già sentito parlare di questo rimedio. Il bicarbonato agisce da elettrolito di origine naturale che permette di controllare e di regolare l’acidità del sangue (livello del pH). Quando si ha un problema ai reni, è molto comune soffrire di acidosi renale, che altera il funzionamento dei reni. Il bicarbonato di sodio permette di mantenere un equilibrio ottimale evitando tale acidosi e, in più, fa sì che non si formino calcoli renali, migliorando inoltre la funzionalità dei reni. Sarebbe ideale, quindi, bere un bicchiere di acqua con un cucchiaio scarso di bicarbonato tre volte a settimana.

2. I benefici dell’aceto di mele

aceto di mele

In questo caso l’aceto di mele contiene un acido benefico per i reni. A prima vista può sembrare contraddittorio visto che non bisogna alzare i livelli di acidità del sangue, ma quello che in realtà fa l’aceto di mele è favorire la digestione e aiutare a depurare e a disintossicare. Per questo vale la pena bere un bicchiere di acqua con un cucchiaio scarso di aceto di mele dopo il pasto principale. Tutto chiaro?

3. Le migliori erbe naturali per i reni

dente di leone

La fitoterapia è ideale per pulire, filtrare e disinfiammare i reni e per evitare che si formino calcoli renali. Quali sono le migliori piante da assumere sotto forma di infuso a metà pomeriggio? Prendete nota.

  • Basilico: è un eccellente tonificante dei reni, perfetto per evitare i calcoli. Potete preparare un infuso con cinque foglie e poi aggiungere un cucchiaio di miele.
  • Dente di leone: è una delle migliori erbe per prendersi cura della digestione, del fegato e dei reni. Si tratta di una delle migliori erbe per depurarsi dalle tossine. È sufficiente preparare un infuso con due cucchiai di dente di leone e lasciare bollire per 15 minuti. L’ideale è berlo una volta al giorno.
  • Zenzero: se siete degli appassionati dello zenzero siete fortunati. Viene considerato una delle migliori radici naturali ideali per trattare infiammazioni, dolore o infezioni, oltre a depurare e rafforzare fegato e reni.

4. La frutta e i succhi migliori

succo di melograno

  • Cocomero: viene considerato un frutto curativo e un medicamento naturale per i reni. Perché? Perché contiene molta acqua e soprattutto perché permette di pulire i tessuti e il sangue. Ricordate che è meglio consumarlo fresca.
  • Succo di melograno: grazie alle sue proprietà astringenti e acide, questo succo rappresenta una risorsa indispensabile da non trascurare.

5. Un cucchiaio di olio d’oliva e limone la mattina

olio e limone

Come già sapete, l’olio d’olva è ricco di acido oleico, un acido dalle proprietà antinfiammatorie perfette per prendersi cura dell’organismo. Un altro dato da prendere in considerazione è che dispone di grassi monoinsaturi ideali per evitare e per prevenire l’ossidazione. Se mescolate questo cucchiaio mattutino con qualche goccia di succo di limone, starete anche combattendo la comparsa di calcoli renali. Dunque, perché non iniziare a metterlo in pratica?

Guarda anche