Problema al fegato: 8 sintomi da non trascurare

· 21 giugno 2014
Alcuni sintomi possono indicare la presenza di un problema al fegato. È importante riconoscerli in tempo e rivolgervi a uno specialista.

È importante non trascurare un problema al fegato. Si tratta dell’organo più grande del nostro corpo e svolge numerose funzioni fondamentali e imprescindibili per la nostra salute e per il corretto funzionamento dell’organismo.

Per questo motivo, è molto importante conoscere ogni sintomo che indichi la presenza di un problema al fegato.

Bisogna ricordare che il fegato ha tre funzioni base:

  • depurare il sangue eliminando le tossine e le cellule inutili;
  • aiutare a sintetizzare i glucidi e i lipidi permettendo, inoltre, di evitare le emorragie;
  • immagazzinare vitamina A, D, K, E, essenziali per ottenere energia.

Segnali di un problema al fegato

fegato21. Nausea

È il primo sintomo e il più evidente di un problema al fegato. Per esempio, dopo mangiato non vi sentite bene e provate una sensazione di pesantezza, nausa e a volte vomito.

Non sempre è il caso di allarmarsi, questi sintomi possono essere causati da altri fattori, e non si tratta sempre di un problema epatico. In ogni caso, se i dolori persistono o sono frequenti, non esitate a consultare un medico.

2. Dolore nella parte superiore dell’addome

Il dolore al fegato comincia nella parte superiore dell’addome, proprio sotto le costole, può raggiungere anche la schiena e provocare gonfiore addominale.

A volte provoca una sensazione di bruciore o di febbre, ma di fronte a qualsiasi sintomo rivolgetevi al vostro medico. Può essere dovuto ad un’infiammazione o a una colica biliare.

3. Ittero

L’ittero si presenta come una decolorazione della pelle, un tono giallognolo molto caratteristico del viso e del corpo.

Si deve a un eccesso di bilirubina (bile) nell’organismo e nel sangue causato da un problema al fegato. Si tratta di uno dei sintomi iniziali, associato soprattutto ad un’epatite contagiosa.

4. Fatica e debolezza

Quando si soffre di un problema al fegato è comune sentirsi stanchi, angosciati e senza molto appetito.

A volte può essere associato ad altri fattori e non viene data importanza alla cosa poiché è abituale avere uno o più giorni di debolezza. Tuttavia, quando la debolezza è continua e soffritte spesso di inappetenza o di angoscia, vi suggeriamo di consultare un medico.

5. Febbre

Se oltre al dolore all’addome, il gonfiore e la stanchezza aveta anche la febbre mantenete quest’ultima sotto controllo.

Davanti a queste situazioni bisogna prestare molta attenzione alla temperatura, poiché la febbre potrebbe essere un sinonimo di infiammazione e infezione. Non sottovalutatela.

Vi può interessare: Rimedi naturali utili per abbassare la febbre

6. Feci chiare

Controllate le vostre feci quando andate in bagno. Se queste sono di colore chiaro potrebbe essere un segnale di un problema al fegato.

È anche possibile che soffriate di colon irritabile, associato a sua volta a possibili problemi epatici.

7. Prurito sul corpo

Questo è dovuto ad un accumulo di bile sotto la pelle. Il corpo prude e si prova fastidio poiché il sangue reagisce a questo accumulo di tossine che il fegato ha smesso di depurare.

8. Sanguinamenti e lividi

Si tratta di un sintomo meno frequente, ma associato sempre a un problema epatico. Se vi sanguina spesso il naso o notate la comparsa di lividi senza cause apparenti consultate un medico.

Infatti, questi sintomi potrebbero essere associati a una carenza di proteine dovuta a un mal funzionamento del fegato.

Tutti i sintomi qui elencati si devono a un problema al fegato, ma sarà il vostro medico a stabilire se sono causati dalla malattia del fegato grasso, da un’infiammazione, da un’epatite o da altre cause.

Solamente realizzando una serie di analisi cliniche è possibile stabilire con certezza se si tratta di una malattia epatica.

Come curare il fegato

Alcune abitudini alimentari e di vita corrette possono aiutare a prevenire molte malattie del fegato. Potete cominciare da questi semplici consigli:

  • Mangiate frutta e verdura ogni giorno, in particolare quella che aiuta a pulire il fegato, ossia mele, kiwi, uva, ciliegie, spinaci, carciofi, asparagi e ravanelli.
  • Evitate gli alimenti fritti, surgelati e l’assunzione eccessiva di proteine e carboidrati.
  • Consumate antiossidanti come arance, limone, mirtilli e pomodori.
  • Tenete sotto controllo l’assunzione di farmaci, dato che sono grandi nemici del fegato.
Guarda anche