Fegato grasso: 5 rimedi a base di carciofo

Combinando le proprietà del carciofo con altri ingredienti è possibile depurare il fegato e ottimizzarne la funzionalità.

Il fegato grasso è un disturbo caratterizzato da un accumulo di trigliceridi, infiammazione delle cellule e diversi gradi di fibrosi. Si manifesta con una serie di sintomi, ma in alcuni casi può anche essere asintomatico.

Nell’articolo di oggi vi parliamo di 5 rimedi naturali ed efficaci a base di carciofo. Grazie alle virtù di questo ortaggio e a quelle di altri ingredienti curativi, potete prevenire e trattare il fegato grasso e migliorare la salute in generale. Provateli!

Carciofo per combattere il fegato grasso

Il carciofo (Cynara scolymus) è un ortaggio ricco di proprietà per la salute:

  • Protegge la funzionalità epatica e rigenera le cellule del fegato.
  • Migliora la produzione della bile.
  • Riduce il livello dei grassi.
  • Ha un alto potere antiossidante e quindi è in grado di prevenire l’invecchiamento.
  • Riduce i livelli di colesterolo.
  • Previene le malattie cardiovascolari.
  • Migliora la funzionalità dell’intestino.
  • Combatte la ritenzione idrica.
  • Riduce i livelli di zucchero nel sangue e previene l’insulino-resistenza.

Rimedi a base di carciofo

1. Brodo di carciofo e curcuma

Il brodo è una preparazione altamente depurativa, nutriente e a basso contenuto calorico. È adatto ad ogni stagione dell’anno. In questo caso proponiamo di aggiungere al carciofo un pizzico di curcuma, una spezia che fa molto bene al fegato ed è nota per le sue proprietà antinfiammatorie.  

Ingredienti

  • 2 carciofi
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere (4 g)
  • 2 bicchieri d’acqua (400 ml)
  • Sale marino (a piacere)

Preparazione e consumo

  • Fate bollire nell’acqua i carciofi e la curcuma per 30 minuti.
  • Salate a piacere.
  • Consumatelo mezz’ora prima dei pasti, come aperitivo.

2. Carciofi grigliati al limone

Gli amanti del carciofo possono sfruttarne appieno il sapore e le virtù con questa ricetta al forno o alla griglia. Potete avvolgere i carciofi nell’alluminio e farli cuocere per almeno 40 minuti. Il tempo sufficiente affinché il cuore del carciofo si intenerisca.
Per un tocco di sapore in più e per potenziare il potere depurativo contro il fegato grasso, vi consigliamo di condirli con succo di limone, pepe, olio d’oliva e sale marino.

Il risultato è un gustoso primo piatto o un contorno.

Carciofi e limoni

3. Insalata fredda di carciofi, ravanelli e barbabietola

Ecco un rimedio naturale che è, allo stesso tempo, un piatto fresco e adatto alle giornate calde. Lo accostiamo ad altri due ortaggi curativi ideali in caso di fegato grasso:

  • Ravanello: leggermente amaro e piccante, migliora la funzionalità epatica e stimola la produzione della bile. È, inoltre, ricco di vitamina C. Si possono mangiare anche le foglie, dotate di proprietà disintossicanti e medicinali.
  • Barbabietola: aiuta a trattare il fegato grasso e altri disturbi epatici grazie al suo alto contenuto di antiossidanti in grado di prevenire l’ossidazione dei grassi.

4. Infuso di carciofo e rosmarino

Un modo semplice per fare del carciofo un rimedio curativo è preparare un infuso con le foglie e i gambi. In questo modo sfruttiamo tutte le parti della pianta e non sprechiamo niente. Dobbiamo però avvertirvi che il sapore di questa tisana è piuttosto amaro.

In questa ricetta lo mescoliamo al rosmarino. Grazie al suo contenuto in acido ursolico, il rosmarino protegge il fegato, riduce l’infiammazione, migliora la circolazione e abbassa il colesterolo.

Infuso di carciofo

5. Integratori al carciofo e cardo mariano

Un modo comodo e veloce per usare il carciofo come rimedio per il fegato grasso, sono gli integratori. Le capsule o compresse di carciofo si vendono in farmacia o al supermercato; agevolano la digestione dei grassi e dei pasti abbondanti. È possibile anche trovare il carciofo in combinazione con altre piante medicinali, come il cardo mariano.

Anche il cardo mariano è un ottimo rimedio contro i disturbi epatici, in quanto dotato di proprietà rigeneranti. E, ancora, la curcuma, il boldo e il tarassaco. La vitamina B7 (colina), ostacola la formazione dei depositi di grasso nel fegato.

Assumete gli integratori sotto la supervisione del medico o del naturopata. È importante tenere conto che i rimedi naturali possono interferire con alcuni farmaci e che non vanno consumati per periodi prolungati senza fasi di riposo.

Categorie: Rimedi naturali Tags:
Guarda anche