Adulti che non sono stati amati da bambini

10 Febbraio 2021
Sentirsi amati durante l'infanzia è un ingrediente fondamentale dello sviluppo emotivo. Ma cosa succede quando prevale la mancanza di affetto e quali conseguenze possono aversi?

L’attaccamento è alla base dello sviluppo umano ed è un’indubbia fonte di soddisfazione di vita. Ma cosa succede agli adulti che non sono stati amati da bambini? Di fatto, tale situazione sembra essere la fonte di alcuni problemi comportamentali.

Alla nasciate, la protezione e la sicurezza di cui abbiamo bisogno si basano sull’amore che solo i genitori possono darci. Tuttavia, non sempre avviene e ciò si riflette in età adulta sul comportamento e nei rapporti con gli altri.

Cosa vivono gli adulti che non sono stati amati da bambini

La mancanza di amore durante l’infanzia può generare conseguenze inimmaginabili nell’età adulta. Qui di seguito ne abbiamo evidenziate alcune.

1. Indifferenza verso i sentimenti altrui

Di fronte al poco affetto ricevuto da bambini, è possibile che alcune persone mostrino difficoltà nel sintonizzarsi con i sentimenti altrui. Questo tratto è noto come “comportamento insensibile” o “emozioni prosociali limitate”.

In tal senso, studi come quello condotto dal Dipartimento di Psicologia dell’Università del Michigan hanno esplorato come la mancanza di affetto nei primi anni di vita abbia effetti verso i 10-12 anni e anche i 20 anni.

Nello specifico, gli autori osservano che tale carenza è correlata negli anni a una minore empatia da parte dei bambini e adolescenti i cui genitori sono stati più distaccati o addirittura aggressivi nella loro educazione.

Revisioni più recenti evidenziano anche come la qualità delle interazioni genitore-figlio sia associata a una maggiore comprensione dei sentimenti altrui. Ciò, di fatto, rende più facile stabilire relazioni positive con gli altri. Così sottolinea uno studio condotto da diversi ricercatori delle università olandesi di Tilburg e Utrecht.

Tali risultati pongono quindi l’attenzione sulle conseguenze che si sperimentano se, per motivi diversi, non si viene amati durante l’infanzia.

Tuttavia, in molti casi è possibile intervenire precocemente. Esistono, infatti, programmi studiati per aiutare i genitori ad affrontare determinati problemi (finanziari, personali, ecc.)  e insegnargli stili di comunicazione più sani.

Inoltre, come sottolinea l’ultima pubblicazione citata, i rapporti con i pari rappresentano un forte sostegno. Sono anche una chiara opportunità per allenare l’empatia e creare legami interpersonali positivi.

Leggete anche: Psicosi infantile: mio figlio ne è affetto?

2. Problemi nel relazionarsi e nell’esprimere le proprie emozioni negli adulti che non sono stati amati da bambini

Sulla base di quanto appena affermato, la mancanza di affetto nell’infanzia può costituire l’inizio di una catena di generazioni future problematiche.

La persona che non ha ricevuto affetto dai propri genitori può ripetere lo stesso schema con i propri figli. Ivvero, se non abbiamo ricevuto amore durante l’infanzia, corriamo il rischio di replicare, senza rendercene conto, ciò che abbiamo appreso.

E l’affetto nell’infanzia è il “motore” che guida le abilità altruistiche dell’essere umano. Man mano che cresciamo, esse sono il risultato della qualità dell’amore che abbiamo sperimentato nei primi anni di vita.

Pertanto, è difficile ignorare quanto questi bisogni insoddisfatti nell’infanzia si manifestino successivamente nell’età adulta. Inconsciamente, i protagonisti di questa situazione cercano di riempire quel vuoto, il che determina il loro comportamento e il modo di relazionarsi con gli altri.

Di fatto, ricerche come quella condotta dal professor Adam J. Rock e il suo team forniscono prove rilevanti in tal senso. Gli autori hanno scoperto come i diversi stili di attaccamento (sicuro, ansioso o evitante) siano legati al comportamento che assumiamo nelle interazioni sociali.

Importanza di avere genitori affettuosi

Leggete anche: Affetto significa toccare con rispetto l’anima degli altri

L’importanza di dare amore ai bambini

Come si vede, mostrare affetto ai bambini è estremamente importante per diverse ragioni. Va considerato, soprattutto, che il processo di umanizzazione delle persone si forma proprio attraverso l’amore ricevuto nell’infanzia.

E l’affetto sperimentato nei primi anni di vita è strettamente correlato allo sviluppo delle future capacità interpersonali. Quindi, se vogliamo impedire che i bambini crescano con tali carenze, è necessario dare loro l’affetto che meritano.

E se come genitori abbiamo bisogno di aiuto, non esitiamo di chiederlo. L’intervento precoce, il supporto sociale e la consulenza psicologica in questi casi sono, indubbiamente, le strategie più utili da tenere in considerazione.

adulti che non sono stati amati da bambini

  • Boele, S., Van der Graaff, J., de Wied, M., Van der Valk, I. E., Crocetti, E., & Branje, S. (2019). Linking Parent-Child and Peer Relationship Quality to Empathy in Adolescence: A Multilevel Meta-Analysis. Journal of Youth and Adolescence48(6), 1033–1055. https://doi.org/10.1007/s10964-019-00993-5
  • Lai, Y. H., & Carr, S. (2018). A Critical Exploration of Child-Parent Attachment as a Contextual Construct. Behavioral Sciences (Basel, Switzerland)8(12), 112. https://doi.org/10.3390/bs8120112
  • McAdams, T. A., Rijsdijk, F. V., Narusyte, J., Ganiban, J. M., Reiss, D., Spotts, E., Neiderhiser, J. M., Lichtenstein, P., & Eley, T. C. (2017). Associations between the parent-child relationship and adolescent self-worth: a genetically informed study of twin parents and their adolescent children. Journal of Child Psychology and Psychiatry, and Allied Disciplines58(1), 46–54. https://doi.org/10.1111/jcpp.12600
  • Qu, Y., Fuligni, A. J., Galvan, A., & Telzer, E. H. (2015). Buffering effect of positive parent-child relationships on adolescent risk taking: A longitudinal neuroimaging investigation. Developmental Cognitive Neuroscience15, 26–34. https://doi.org/10.1016/j.dcn.2015.08.005
  • Read, D. L., Clark, G. I., Rock, A. J., & Coventry, W. L. (2018). Adult attachment and social anxiety: The mediating role of emotion regulation strategies. PLoS One, 13(12), e0207514. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0207514
  • Ren, Z., Zhou, G., Wang, Q., Xiong, W., Ma, J., He, M., Shen, Y., Fan, X., Guo, X., Gong, P., Liu, M., Yang, X., Liu, H., & Zhang, X. (2019). Associations of family relationships and negative life events with depressive symptoms among Chinese adolescents: A cross-sectional study. PloS One14(7), e0219939. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0219939
  • Waller, R., Shaw, D. S., Forbes, E. E., & Hyde, L. W. (2014). Understanding Early Contextual and Parental Risk Factors for the Development of Limited Prosocial Emotions. Journal of Abnormal Child Psychology, 43(6), 1025–1039. https://doi.org/10.1007/s10802-014-9965-7
  • Waller, R., Gardner, F., & Hyde, L. W. (2013). What are the associations between parenting, callous–unemotional traits, and antisocial behavior in youth? A systematic review of evidence. Clinical Psychology Review, 33(4), 593–608. https://doi.org/10.1016/j.cpr.2013.03.001
  • Walsh, E., Blake, Y., Donati, A., Stoop, R., & von Gunten, A. (2019). Early Secure Attachment as a Protective Factor Against Later Cognitive Decline and Dementia. Frontiers in Aging Neuroscience11, 161. https://doi.org/10.3389/fnagi.2019.00161