Come andare avanti quando niente ci rende felici

15 settembre 2016
Quando niente ci rende felici, non dobbiamo disperarci. Conviene fare un passo alla volta, piccoli cambiamenti che regalino un po' di benessere, anche se minimo.

Ci sono momenti in cui niente ci rende felici. Il mondo perde la sua luminosità, le canzoni perdono la loro musica e le risate di chi ci circonda non ci riempiono più di allegria.

Andare avanti in queste situazioni non è sempre facile se non si trova un motivo abbastanza forte per continuare ad alzarsi ogni giorno. Tuttavia, questo motivo è facile da trovare: siamo noi stessi.

Quando trascuriamo le nostre necessità emotive, quando lasciamo che la pressione ci avvolga fino a farci perdere il respiro, l’entusiasmo e il controllo della nostra vita, il mondo inizia ad andare al contrario.

Gli amici possono confortarci, possono dirci che “il tempo cura tutte le ferite e il male passerà”, ma se non siamo noi a prendere in mano le redini del nostro universo personale, non serviranno a nulla le belle parole e le pacche sulla schiena.

Ci sono molti momenti in cui, in effetti, non c’è proprio nulla che ci rende felici. Tuttavia, non dobbiamo permettere che questi momenti diventino una vita intera.

Vi spieghiamo cosa fare.

Strategie a cui ricorrere quando niente ci rende felici

Se niente vi fa stare bene, se vi rendete conto di essere giù di morale da più di tre mesi, con problemi di insonnia, mancanza di appetito e con un’apatia tale da aver perso l’interesse verso qualsiasi cosa, allora vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico.

Vi consigliamo di leggere anche: Sono cambiato: adesso ho il coraggio di dire “basta”

Forse soffrite di una forma di depressione e un professionista saprà fare una diagnosi corretta e indicarvi il trattamento più giusto in base alle vostre necessità.

Una volta scartata o confermata la presenza di un problema psicologico più profondo, è necessario riflettere su queste dimensioni e cercare di mettere in pratica alcuni consigli tutti i giorni.

Albero-dell'-intelligenza-emotiva felici

Rispettate i vostri ritmi: il mondo ora va più lento

State male e non potete neanche far finta di niente. A cosa serve sorridere o indossare maschere quando in realtà provate tristezza o addirittura apatia?

  • Non fingete di provare ciò che non provate, altrimenti intensificherete solo la vostra sofferenza.
  • Avete il diritto di vivere un momento di fragilità, di tristezza. Che ci crediate o meno, le emozioni negative hanno uno scopo ed è quello di farci capire che c’è qualcosa da cambiare per adattarci meglio al nostro ambiente.

Rispettate questo ritmo più lento che serve ora alla vostra mente e al vostro corpo. Avete bisogno di un periodo di introspezione durante il quale prendervi cura di voi, farvi delle domande e scoprire cosa succede dentro di voi.

Vi invitiamo a leggere anche: Giudicare una persona non la definisce, definisce voi stessi

Mettete da parte quello che provate e scoprite ciò di cui avete bisogno

Sapete di non stare bene, a volte provate rabbia, altre volte tristezza, altre ancora volete solo dormire oppure parlare con qualcuno.

Bene, dato che siete consapevoli del carosello emotivo che state vivendo, è arrivato il momento di mettere in secondo piano quello che provate per capire di cosa avete bisogno.

  • Ho bisogno di vedermi meglio.
  • Ho bisogno di passare del tempo da solo/a.
  • Ho bisogno di trovare nuove speranze.
  • Ho bisogno di ricominciare.
  • Ho bisogno di non sentirmi più triste.
  • Viglio sentirmi utile.
  • Voglio amarmi come merito.
Ragazza-che-aspetta-accanto-ad-un-albero felici

Piccoli cambiamenti quotidiani

Nessuno si sente più felice da un momento all’altro o da un giorno all’altro. Il benessere va coltivato giorno dopo giorno, modificando poco a poco il proprio modo di pensare e facendo dei piccoli cambiamenti.

  • Oggi il mio proposito è di fare una lunga passeggiata che cercherò di godermi al massimo.
  • Oggi voglio controllare i miei pensieri negativi.
  • Oggi voglio vedermi con degli amici e fare con loro programmi per il futuro.
  • Oggi voglio mettermi al primo posto, voglio regalarmi del tempo, momenti piacevoli.
  • Oggi voglio impegnarmi in un obiettivo a lungo termine: mi iscriverò ad un corso, progetterò un viaggio.

Questi piccoli cambiamenti generano a loro volta importanti miglioramenti emotivi che si rifletteranno gradualmente sul vostro benessere.

Per essere felici, bisogna rinunciare a certe cose

Per essere felici, a volte, bisogna essere in grado di rinunciare a certe cose o anche a certe persone. Questo richiede un atto di coraggio che non sempre risulta facile.

Volete saperne di più? Leggete anche: Non bisogna elemosinare l’amore o l’attenzione di chi non ha saputo apprezzarci

  • Dovete imparare ad ascoltare le vostre necessità, la vostra coscienza. Se vi rendete conto di ciò che vi tiene lontani dalla vostra essenza e non fate nulla, allora state volontariamente rinunciando alla vostra felicità.
  • Rinunciare è imparare a chiudere circoli, fasi, tappe. È saper riconoscere ciò che non vi offre più niente, che non vi dà nulla in più, che vi va stare male.
  • Dovete anche tenere in considerazione il fatto che, a volte, non ci sono colpevoli che giustifichino la vostra infelicità. Spesso siamo noi stessi, con le nostre paure ed insicurezze, a chiudere la porta al benessere e alla felicità.

Imparate ad identificare questi “sabotatori interiori” e sconfiggeteli. Lo sforzo varrà sempre la pena.

Guarda anche