Apatia negli anziani, come vincerla?

Come si può prevenire l'apatia negli anziani? Prendersi cura del benessere mentale in vecchiaia è un tema molto importante: lo affrontiamo in questo articolo.
Apatia negli anziani, come vincerla?

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio, 2023

Isolarsi, trascurare i legami affettivi, perdere interesse per attività che prima appassionavano. L’apatia negli anziani non va mai trascurata perché può portare a una profonda depressione.

Secondo le statistiche, fino al 20% delle persone di età superiore agli 80 anni soffre di apatia. Le cause possono essere svariate ma tutte sono legate al fatto stesso di invecchiare. Ma sapete cosa? Ci sono modi per evitarlo.

Quali sono i segni di apatia negli anziani?

La perdita di interesse per le persone intorno a sé è il sintomo più evidente di apatia negli anziani. Non c’è più il desiderio di passare il tempo con i nipoti e tanto meno con gli amici. Le partite a carte o le serate sulla panchina del paese a chiacchierare non sono più allettanti.

Non prendersi cura di se stessi è un altro segno. Ci riferiamo ad aspetti dell’igiene personale, del cibo e del modo di vestire. È come se nulla avesse importanza, come se avessero smesso di volersi bene.

Un altro segno di apatia negli anziani è l’indifferenza. Indifferenza per la malattia terminale di un amico o per i fatti di cronaca e politici. Ciò non significa che non si preoccupino del tutto, ma che sono apatici e questo è un segno di possibile depressione.

Anziano con apatia.
L’apatia è correlata alla depressione e all’isolamento, che in questa fase aumenta la solitudine.

In che modo l’apatia e la vecchiaia sono correlate?

Che l’apatia colpisca il 20% degli anziani è significativo, poiché è correlata al processo di invecchiamento. Ad esempio, il morbo di Alzheimer può essere associato all’apatia, così come il Parkinson. Queste patologie rendono le persone dipendenti e riducono la loro qualità di vita.

Anche le cadute e i colpi alla testa possono alterare alcune strutture cerebrali. Pertanto, è importante prestare attenzione ad eventuali lesioni e agli stati d’animo che si manifestano in seguito.

Esistono altri fattori collegati alla solitudine. Figli che si creano una propria famiglia, si allontanano dai genitori e non sembrano mai avere il tempo di passare un fine settimana con loro. Molti anziani si sentono isolati e questo porta a una profonda depressione che si manifesta con l’apatia.

Diagnosi e trattamento dell’apatia negli anziani

Per diagnosticare l’apatia negli anziani, vengono presi in considerazione quattro fattori:

  • Mancanza di motivazione.
  • Cambiamenti emotivi.
  • Effetti sulla qualità della vita.
  • Cambiamenti comportamentali.

Se questi fattori si protraggono per un mese o più, è un segnale di allarme che indica che qualcosa non va. Pertanto, è necessario consultare un medico.

Per quanto riguarda il trattamento, ci sono diverse opzioni. Dall’assunzione di farmaci (antidepressivi, stimolanti della dopamina, psicostimolanti, agenti psicotropi) alle terapie di stimolazione cognitiva con esercizi da svolgere quotidianamente.

Consigli per evitare l’apatia negli anziani

Ora che ci è un po’ più chiaro quali sono le cause e i sintomi che si manifestano nell’apatia della vecchiaia, diamo un’occhiata ad alcuni consigli per evitarla. Anche se pare difficile, ci sono modi per prevenirla.

1. Incoraggiare le relazioni sociali

Per evitare l’apatia in vecchiaia, bisogna mantenere vivi i rapporti sociali, essendo questa condizione anche correlata alla solitudine. Anche se viviamo lontano, è bene occuparci dei nostri anziani, trascorrere dei fine settimana con loro, visitarli ogni volta che possiamo e chiamarli ogni giorno se necessario.

2. Incoraggiare la loro partecipazione alle attività

Possiamo coinvolgere gli anziani in diverse attività, come giocare a scacchi o praticare yoga. Questo li aiuterà a rimanere attivi e a sentirsi meglio. Se li pratichiamo con loro, inoltre, sarà molto più arricchente.

3. Chiedere la loro collaborazione

La loro collaborazione nel preparare i pasti, nel mettere qualcosa al suo posto o nel costruire un mobile è preziosa. A volte non chiediamo ai più anziani di collaborare perché non sono veloci come noi e questo ci rende nervosi. Ma dobbiamo fare uno sforzo per farli sentire utili e prevenire l’insorgere dell’apatia.

Nonni con nipoti.
Trascorrere del tempo con gli anziani è un modo semplice e pratico per prevenire la loro apatia.

4. Dare loro affetto

Tutti gli esseri umani hanno bisogno di affetto e gli anziani ancora di più. Possono sentirsi molto soli, quindi qualsiasi dettaglio, come un abbraccio o semplicemente stringere loro la mano, è essenziale.

Prevenire l’apatia prima del suo apparire

Prevenire l’apatia negli anziani è importante e con le modalità descritte è possibile. È chiaro che malattie degenerative o altre circostanze possono fare la loro parte e, in questi casi, è meglio parlarne con il medico.

Tuttavia, una parte è nelle nostre mani ed è lì che possiamo fare qualcosa. Comunichiamo con loro, invitiamoli a svolgere attività insieme, diamo loro il posto che meritano.

Potrebbe interessarti ...
La solitudine: nemica della salute degli anziani
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
La solitudine: nemica della salute degli anziani

La solitudine è nemica della salute, soprattutto degli anziani.



  • Espín Andrade, A. M. (2008). Caracterización psicosocial de cuidadores informales de adultos mayores con demencia. Revista Cubana de Salud Pública34, 1-12.
  • Keegan, E., & Garay, C. (2007). Terapia cognitivo-conductual de la esquizofrenia. Vertex. Revista Argentina de Psiquiatría18(76), 423-427.
  • Peláez, M. S., Bernal, J. G., Cámara, R. S., Iglesias, A. I. S., & Jahouh, M. (2020). Ansiedad, depresión y apatía en relación a la situación de fragilidad. Revista INFAD de Psicología. International Journal of Developmental and Educational Psychology.2(1), 149-158.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.