Argento colloidale: un potente antibiotico naturale

11 maggio 2017
L'argento colloidale è un antibiotico naturale che può aiutarci a combattere diversi agenti patogeni allo stesso tempo e che possiede il vantaggio di non causare reazioni allergiche né effetti secondari

L’argento colloidale è un antibiotico in grado di eliminare funghi, virus, batteri e parassiti.     

Si tratta di un integratore di minerali che uccide i microorganismi che causano le malattie e, per questo, è così potente.

In questo articolo vi spieghiamo in che modo questo “medicinale” viene utilizzato fin dall’antichità.

Cosa sapere sull’argento colloidale?

Per parlare della prima applicazione dell’argento colloidale dobbiamo fare un bel passo indietro, ai tempi dell’impero romano e greco. Entrambe le civiltà utilizzavano questo materiale per fabbricare utensili per la cucina e recipienti per conservare l’acqua.

  • Erodoto narra che il Re Ciro di Persia portava con sé una borraccia di argento con acqua bollita e che beveva solo da essa. A quanto pare, il monarca sapeva che questo materiale inibiva lo sviluppo di microorganismi capaci di rovinare le bevande e gli alimenti.
  • Nella medicina tradizionale cinese e ayurveda, si utilizza l’argento colloidale ormai da secoli, per prevenire o trattare infezioni e per ringiovanire i pazienti affetti da dolori di diversa natura o deboli a causa dell’età.

  • Negli Stati Uniti dell’ovest, gli allevatori mettevano una moneta d’argento dentro ai bidoni del latte appena munto per facilitarne la conservazione ed evitare la comparsa di funghi.
  • Agli inizi del XX secolo si scoprì che non esistono batteri, lieviti, microbi o virus in grado di sopravvivere al contatto con l’argento colloidale. Questo metallo annichilisce qualsiasi microorganismo patogeno in pochi minuti.

L’argento colloidale si ottiene tramite un processo di elettrolisi che combina questo materiale con l’acqua distillata. Il risultato è uno degli antibiotici più potenti al mondo.

La buona notizia è che, inoltre, non causa effetti collaterali né reazioni allergiche. La rapidità tramite la quale agisce e la sua innocuità lo rendono una soluzione per molti problemi e malattie.

Leggete anche: Antibiotico naturale per tenere alla larga le infezioni

A cosa serve l’argento colloidale?

L’aspetto più stupefacente di questo potente antibiotico è che la quantità di argento colloidale necessaria per elaborarlo è minima.        

  • Le particelle microscopiche di questo materiale si attaccano ai batteri, ai funghi e ai virus, eliminandoli in poco tempo.
  • Per questo motivo, si utilizza per rafforzare il sistema immunitario ed evitare la comparsa di alcune malattie comuni, come la febbre, o quelle relazionate all’immunodeficienza, come l’HIV o l’herpes.
  • L’argento colloidale, inoltre, incrementa il drenaggio linfatico, eliminando le tossine dai tessuti, migliorando l’ossidazione cellulare e favorendo un flusso di energia migliore in tutto il corpo.

Per tutti questi motivi, viene utilizzato per la prevenzione di alcune patologia che per la loro cura e successivo recupero del soggetto.

È un rimedio totalmente efficace per qualsiasi tipo di malattia infettiva. A differenza degli antibiotici moderni o chimici, l’argento colloidale non consente ai microrganismi patogeni di vivere e riprodursi.

Inoltre, non causa dipendenza né resistenza da parte di virus e batteri, al contrario di quanto accade con i farmaci attuali.

Come se non bastasse, può agire in tutto il corpo ed attaccare differenti agenti patogeni allo stesso tempo (gli antibiotici acquistabili in farmacia ne eliminano pochi).

Tra i benefici dell’argento colloidale, ricordiamo che è in grado di:

  • Uccidere le cellule tumorali
  • Stimolare la crescita ossea
  • Favorire la cicatrizzazione di ferite e bruciature
  • Trattare il virus del Papilloma Umano (HPV).

È utile anche nel trattamento contro l’asma, la malaria, l’artrite, la diarrea e le intossicazioni provocate dal batterio E. Coli.

Può essere assunto per combattere i parassiti, l’herpes, lo streptococco, lo stafilococco e la candida.

  • Si utilizza anche per la cura di condizioni settiche orali come, ad esempio, la piorrea e la tonsillite.
  • Si applica sulla pelle in caso di acne, piede d’atleta, ferite aperte e verruche.
  • Aiuta a curare infezioni ed infiammazioni agli occhi, ad esempio la congiuntivite.

Come utilizzare l’argento colloidale?

Poiché l’argento colloidale non interferisce con i medicinali e la tossicità per l’essere umano è inesistente, può essere utilizzato a qualsiasi età e per trattare qualsiasi condizione.      

Viene eliminato facilmente attraverso l’urina, non causa dipendenza né intolleranza, è sicuro per le donne incinte e per i lattanti e non è tossico.

Leggete anche: Quali cibi evitare in caso di infezioni urinarie?

È versatile per quanto riguarda le dosi e l’impiego: Si può:

  • Utilizzare per fare gargarismi o sciacqui.
  • Imbevervi una garza per pulire le ferite e le bruciature o per trattare le eruzioni cutanee.
  • Versare in un recipiente per realizzare lavaggi oculari.

Alcune persone lo utilizzano per lavaggi vaginali o anali e può essere efficace come deodorante per piedi, da inalare come spray nasale, per fare dei vapori, etc.

L’assunzione consigliata è di una goccia per ogni chilo di peso. Questo significa che una persona che pesa 70 kg può assumerne un massimo di 70 gocce al giorno, sempre sciolto in acqua e diviso in due assunzioni.

Per migliorare l’assorbimento dell’argento colloidale, è necessario tenere il liquido in bocca per qualche minuto prima di mandarlo giù. 

Si consiglia di assumerlo a stomaco vuoto e aspettare mezz’ora prima di mangiare (ad esempio, potete assumerlo appena svegli).

Infine, per preservare e conservare l’acqua, dovete aggiungere un cucchiaino di argento colloidale ogni 4 litri, o duplicare le dosi se l’acqua è contaminata da batteri o germi.

Guarda anche