Il bambino viziato: quali segnali per riconoscerlo?

Un bambino viziato non rappresenta solo una sfida per gli adulti, rischia anche di crescere senza aver acquisito competenze personali di base. Vi diciamo come evitarlo.
Il bambino viziato: quali segnali per riconoscerlo?

Ultimo aggiornamento: 26 luglio, 2021

È capitato a tutti di vedere bambini urlare e scalciare al supermercato, picchiare altri bambini o mancare di rispetto ai genitori. In generale, dall’esterno è facile riconoscere un bambino viziato, poiché i suoi comportamenti sono lampanti e dirompenti.

Tuttavia, quando notiamo le suddette condotte nei nostri figli, non è facile da accettare. I bambini viziati non rappresentano solo una sfida per genitori e insegnanti; i loro atteggiamenti, di fatto, finiscono per avere un impatto negativo soprattutto su loro stessi.

Vengono rifiutati dalle altre persone e coinvolti in conflitti continui. Inoltre, raggiungono l’età adulta senza aver acquisito molte competenze personali essenziali. Risulta essenziale, dunque, identificare e correggere tali comportamenti.

Le azioni che possono rendere un bambino viziato

I bambini non nascono viziati. Il loro comportamento è il risultato di uno stile genitoriale inappropriato adottato in casa. Mostriamo, quindi, alcuni errori che potreste aver commesso se pensate che i vostri figli siano viziati.

Limiti inadeguati

I bambini hanno bisogno di limiti per una crescita emotiva e psicologica sana. Linee guida semplici come “non mangiare i dolci prima di cena” o “devi raccogliere i giocattoli dopo averli usati” aiutano a guidare il bambino e fornirgli sicurezza.

Tuttavia, questi limiti devono essere chiari, coerenti e costanti. Se vi arrendete, per evitare che il bambino non pianga o per evitare il conflitto, minerete la vostra autorità e invierete segnali confusi.

 

Bambino che fa i capricci.

Genitori iperprotettivi

Nel tentativo di rendere la vita più facile ai loro figli, alcuni genitori finiscono per privarli dell’opportunità di imparare a tollerare la frustrazione. I minori devono acquisire responsabilità adeguate alla loro età e assumersi le conseguenze delle loro azioni.

Pertanto, va bene aiutare i figli, ma non si deve fare tutto al loro posto. Questo comportamento li farà sentire come se avessero solo diritti e nessuna responsabilità.

Autoritarismo

Anche l’estremo opposto non è corretto. Non possiamo relazionarci con i nostri figli solo in termini di ordini, comandi, grida e minacce.

I bambini devono sentirsi amati, rispettati, ascoltati e presi in considerazione. Altrimenti, il legame si deteriora e le probabilità di dover affrontare ribellioni e problemi di condotta aumentano.

Cattivo esempio

Vi siete mai fermati a pensare a come vi rivolgete ai vostri figli? Se tendete ad alzare la voce con loro, ad avviare lotte di potere e a dire “no” a tutto, non sorprendetevi se ripetono e imitano la medesima condotta con voi e altre persone. Ricordate che siete il loro punto di riferimento principale.

Segni che indicano che un bambino è viziato

Non è facile ammettere che i propri figli siano viziato. Tuttavia, se vi state chiedendo se questo è il vostro caso, potete valutarlo tramite i seguenti segnali.

1. Capricci frequenti

I capricci sono comuni tra i 2 e i 4 anni. Tuttavia, oltre tale età, la loro persistenza può indicare che il bambino è viziato.

Dopo una certa età, i capricci non si verificano più perché al bambino mancano le risorse per esprimere correttamente le proprie emozioni, ma vengono utilizzati per manipolare gli adulti e raggiungere i propri obiettivi.

2. Capricci esagerati

I bambini viziati non apprezzano ciò che hanno e non sono mai soddisfatti. Se i vostri figli si stancano in fretta dei loro giocattoli e ne chiedono di nuovi, se chiedono la loro cena preferita e poi preferiscono mangiare altro, attenzione! Quando un bambino vuole tutto e subito e non accetta un rifiuto, è importante rivedere la situazione.

3. Mancanza di educazione

Per vivere in società, dobbiamo tutti rivolgerci a vicenda con rispetto e considerazione. Ciò include chiedere il permesso, ringraziare o dire “per favore”, ma anche evitare di essere scortese con gli altri.

Se un bambino si rivolge agli altri in modo irrispettoso o sprezzante, se fa commenti offensivi, alza le mani o la voce, siamo di fronte a un allarme rosso.

4. Bambino viziato e disobbedienza

È normale che i bambini non obbediscano sempre la prima volta, che si oppongano a ciò che non vogliono fare o cerchino di liberarsi. Tuttavia, i bambini viziati ignorano deliberatamente gli ordini e le richieste dei loro genitori e non si assumono le proprie responsabilità.

Bambina che urla al supermercato.
Le scenate di capricci, di urla e calci nei luoghi pubblici mettono tutti a disagio, sia i genitori che gli altri presenti.

Come correggere e affrontare il bambino viziato?

Se si identifica un atteggiamento problematico nel bambino, è possibile correggerlo. A tale scopo, dovremo analizzare la situazione per capire dove abbiamo sbagliato e apportare alcune modifiche al nostro stile genitoriale:

  • Stabilite regole chiare e cercate di rispettarle. Non cedete alla stanchezza o alla pressione.
  • Lasciare che i bambini si assumano le loro responsabilità. Non fate quello che possono fare da soli.
  • Sostituite ordini e minacce con rispetto e dialogo. Spiegate le ragioni dietro le vostre richieste o il vostro rifiuto ai loro desideri. Il solito “perché lo dico io” non basta.
  • Essere da esempi. Rivolgetevi a vostro figlio come vorresti che si rivolgesse lui agli altri e cercate di non mettervi al suo livello quando urla, piange o vi sfida.
  • Rafforzare i comportamenti appropriati. Iniziate ad apprezzare i buoni atteggiamenti e trascorrete più tempo con il bambino facendo attività gratificanti per entrambi.

Il cambiamento richiede tempo

Educare è un compito complesso e impegnativo. Tutti i genitori commettono errori. Non incolpate voi stessi e non flagellatevi. Piuttosto, congratulatevi con voi stessi per aver riconosciuto la situazione e aver preso provvedimenti per rimediare.

Modificare le dinamiche familiari non è facile ed è probabile che, all’inizio, vostro figlio opponga resistenza. Tuttavia, così facendo garantirete a vostro figlio un migliore sviluppo psicologico e, quindi, una vita più felice. Non perdete di vista questo prezioso obiettivo.

Potrebbe interessarti ...
Stili genitoriali: che genitori siamo?
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Stili genitoriali: che genitori siamo?

Gli stili genitoriali sono costrutti relazionali che coinvolgono comportamenti, gesti, messaggi verbali e paraverbali dei genitori.



  • Céspedes, A. (2007). Niños con pataleta, adolescentes desafiantes. Como manejar los trastornos de conducta en los hijos. Ed Vergara, Chile.
  • Aguayo Alcívar, A. A. (2013). Sobreprotección infantil en las relaciones interpersonales en los niños del primer año de educación básica (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil Facultad de Filosofía, Letras y Ciencias de la Educación).
  • Solórzano González, T. X., & Cobar Chávez, M. L. (2005). Padres autoritarios y su influencia en la conducta violenta en la niñez (Doctoral dissertation, Universidad de San Carlos de Guatemala).