Brad Pitt soffre di prosopagnosia: cos'è questo disturbo?

L'attore ha affermato che dal 2013 ha serie difficoltà a riconoscere i volti delle persone. Soffre di prosopagnosia? Come ha potuto recitare per così tanti anni con questa malattia?
Brad Pitt soffre di prosopagnosia: cos'è questo disturbo?
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 11 agosto, 2022

Brad Pitt ha dichiarato di soffrire di prosopagnosia lasciando tutti a bocca aperta. Di certo, questa non è una malattia comune, tanto meno conosciuta come lo è il celebre attore americano, che ha compiuto 58 anni.

Nonostante qualche tempo fa avesse fatto delle dichiarazioni sull’argomento, annunciando di soffrire per gli effetti di questo problema, lo ha ripetuto nei giorni scorsi e ha suscitato curiosità nel pubblico. È davvero incapace di riconoscere i volti delle persone? Come ha fatto a recitare per tutti questi anni?

In questo articolo vi diremo cos’è la prosopagnosia e se c’è una cura.

Cos’è la prosopagnosia?

La prosopagnosia riceve anche il nome più colloquiale di “cecità facciale”. Di per sé, questa denominazione spiega parte del quadro clinico.

I pazienti non sono in grado di riconoscere i volti degli altri, anche se hanno avuto un contatto relativamente stretto con loro. Cioè, non possono associare il viso alla persona che hanno incontrato. Può succedere dopo una lunga conversazione, ma non subito.

A questo punto il paziente chiede informazioni all’interlocutore con cui sta parlando al fine di ottenere dati che gli consentano di specificare chi è. A questo proposito, Brad Pitt ha confessato:

Molte persone mi odiano perché pensano che le manchi di rispetto. Pensano che io sia arrogante, maleducato ed egocentrico. La situazione peggiora quando chiedo loro di contestualizzare il momento in cui ci siamo incontrati: si offendono ancora di più.

Alcune stime statistiche ipotizzano che circa il 2% della popolazione generale soffra di prosopagnosia. Il valore aumenta tra quei gruppi di persone che hanno avuto un incidente cerebrovascolare, ad esempio, e che soffrono del disturbo per un certo periodo.

Donna che soffre di prosopagnosia.
I CVA possono lasciare varie sequele neurologiche. Tra questi, la prosopagnosia.

Quali sono le cause della prosopagnosia?

La ricerca indica il centro del problema in una regione del cervello chiamata “giro fusiforme destro”. Lì si trova una piega di tessuto del sistema nervoso centrale che è direttamente collegata alla memoria, alla percezione e al riconoscimento dei volti.

Alcuni pazienti nascono con la prosopagnosia, probabilmente a causa dell’eredità genetica. Comunque non è chiaro.

D’altra parte, la maggior parte delle persone colpite sviluppa il disturbo per tutta la vita per i seguenti motivi:

  • Accidente cerebrovascolare (CVA): se si verifica un’interruzione del flusso sanguigno nella suddetta area, i neuroni potrebbero danneggiarsi e lasciare di conseguenza cecità facciale.
  • Lesione cerebrale: un politraumatismo che colpisce quella regione, un tumore che cresce e preme sul giro fusiforme, o anche una manovra in un intervento chirurgico al sistema nervoso centrale potrebbe causare prosopagnosia.
  • Malattie neurodegenerative: se degenerassero i neuroni preposti alla percezione e all’identificazione dei volti, come accade ad esempio con l’Alzheimer, la cecità facciale sarebbe un sintomo in più del quadro clinico.

Vale la pena ricordare che i bambini con autismo presentano questa condizione con frequenza maggiore rispetto al resto dei bambini. Anche così, gli specialisti ritengono che in essi ci sarebbe una prosopagnosia dovuta alla disconnessione con la realtà e non a un danno cerebrale.

Come viene diagnosticata la prosopagnosia?

Dimenticare un volto di tanto in tanto non è sufficiente per diagnosticare la prosopagnosia.

La diagnosi di prosopagnosia viene fatta da un neurologo, ma Brad Pitt non ha confermato di aver visto uno specialista. Secondo le sue dichiarazioni, l’attore è convinto che sia questo il suo quadro clinico perché ne ha riconosciuto i sintomi.

Sebbene ci siano test che i medici possono eseguire su pazienti sospetti, questi non costituiscono una conferma al 100%. Tra questi test convalidati per guidare i professionisti, i più noti sono chiamati “Benton Face Recognition Test” e “Warrington Face Recognition Memory Test”.

Alcuni test online sono offerti come guida per i pazienti, ma la verità è che non sono supportati dalla scienza. Sarà sempre preferibile che un neurologo esperto in questo campo valuti il caso e determini se c’è prosopagnosia o, forse, un certo grado di amnesia.

La prosopagnosia di Brad Pitt ha una cura?

Questo disturbo non ha una cura. Finora, non sono stati determinati approcci in grado di invertire sul problema per i pazienti che ne soffrono.

Ciò che viene offerto sono strategie e alternative per migliorare il riconoscimento degli altri, basate sull’identificazione di caratteristiche diverse dal volto. Ad esempio i modi di muoversi, i gesti e il contesto che l’interlocutore può dare attraverso una chat.

Come ha chiarito Brad Pitt sulla sua prosopagnosia, bisogna essere disposti a che gli altri interpretino il fatto come irrispettoso. Questo è il motivo per cui la malattia si interseca con i disturbi dell’umore.

I pazienti di solito presentano sintomi di depressione e ansia sociale. L’incapacità di riconoscere i volti influisce sulle prestazioni nelle relazioni con gli altri e rende difficile condurre una vita relativamente normale tra amici e colleghi.

Sebbene siano in corso ricerche per migliorare la comprensione del disturbo e trovare soluzioni di base, molto è ancora sconosciuto sul suo meccanismo. In questo senso, sono anche pochi i neurologi specializzati in questa specifica patologia.

Cervello di un paziente con prosopagnosia come Brad Pitt.
Sebbene sia noto il sito anatomico in cui si basa il riconoscimento facciale, gli scienziati non sanno ancora perché questa capacità possa andare perduta.

La diagnosi di un neurologo è fondamentale

Le dichiarazioni di Brad Pitt sulla sua prosopagnosia si basano su ciò che sente. L’attore sospetta di avere questo problema, ma non ha ricevuto una diagnosi neurologica.

È importante sottolineare che c’è una grande differenza tra l’occasionale dimenticanza dei volti e la prosopagnosia. Per questo motivo deve essere un neurologo a confermare la patologia.

Potrebbe interessarti ...
Perdita di memoria: quando dobbiamo preoccuparci?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Perdita di memoria: quando dobbiamo preoccuparci?

Una perdita di memoria occasionale è normale, ma causa anche preoccupazione in molte persone, soprattutto se anziane. Vediamo le varie cause.



  • Kennerknecht, Ingo, et al. “First report of prevalence of non‐syndromic hereditary prosopagnosia (HPA).” American Journal of Medical Genetics Part A 140.15 (2006): 1617-1622.
  • Grüter, Thomas, Martina Grüter, and Claus‐Christian Carbon. “Neural and genetic foundations of face recognition and prosopagnosia.” Journal of neuropsychology 2.1 (2008): 79-97.
  • Minio-Paluello, Ilaria, et al. “Face individual identity recognition: a potential endophenotype in autism.” Molecular Autism 11.1 (2020): 1-16.
  • Duchaine, Bradley C., and Andrea Weidenfeld. “An evaluation of two commonly used tests of unfamiliar face recognition.” Neuropsychologia 41.6 (2003): 713-720.