Disturbi dell’umore: cosa bisogna sapere

7 Giugno 2020
I disturbi dell'umore sono principalmente due: l'ansia e la depressione. Oggi sono piuttosto comuni, ma possono essere affrontati con i giusti trattamenti.

I disturbi dell’umore colpiscono una percentuale di popolazione non indifferente. Inoltre, si prospetta che nei prossimi 20 anni la loro incidenza aumenterà.

Lo stile di vita della nostra epoca presuppone incertezza, pressione sociale e lavorativa, per cui influisce negativamente sul tentativo di mantenere uno stato d’animo positivo, o almeno lo ostacola.

I conflitti della mente possono influire su alcune abitudini di vita, sulla salute e sul benessere personale. Possono persino scatenare altre patologiche psichiche e alterazioni organiche.

L’ansia, uno dei disturbi dell’umore per eccellenza

L’ansia è un campanello d’allarme che produce una risposta mentale e fisica in vista di un pericolo. Il nostro corpo reagisce mediante diversi sistemi a stimoli che percepisce come minacciosi.

Eppure, quando queste reazioni si producono con troppa intensità o si prolungano nel tempo, diventano una patologia.

Forme depressive

La depressione è una malattia che dipende da molti fattori, e nel corso della quale si verifica un disturbo dello stato d’animo che si protrae nel tempo. Chi ne soffre non è in grado di provare emozioni positive né di godersi nulla.

Tra i sintomi più tipici della depressione si trovano la mancanza di energie e di vitalità, nonché la perdita di interesse. Si può persino arrivare a sentirsi incapaci in diversi ambiti della vita quotidiana. In base all’intensità dei sintomi, si può parlare di depressione lieve, moderata o grave.

  • Depressione lieve: il soggetto interessato può svolgere normalmente le attività quotidiane. Tuttavia, presenta uno stato d’animo depresso per la maggior parte della giornata. Di solito perde interesse o la capacità di divertirsi.
  • Depressione moderata: in questi casi i sintomi si aggravano ostacolando le attività quotidiane. Si presenta con perdita di fiducia e autostima, accompagnata da sentimenti di inferiorità. Possono sorgere anche pensieri di morte o suicidio, riduzione della capacità di concentrazione, mancanza di capacità decisionale e alterazioni del sonno.
  • Depressione grave: in questi casi bisogna sempre controllare la persona.
Giovane depressa
I disturbi dell’umore si dividono in due grandi gruppi: ansia e depressione

Potrebbe interessarvi: Come gestire lo stress

Come trattare i disturbi dell’umore

L’azione congiunta di diverse terapie permette di mettere a punto una combinazione di trattamenti. Gli specialisti, appunto, raccomandano di abbinare trattamenti farmacologici a terapie psicologiche.

Trattamento farmacologico

La scelta di diversi farmaci per ogni caso avvalora l’efficacia dei diversi principi attivi in confronto ai possibili effetti indesiderati. Se soffrire di disturbi dello stato d’animo, ricordate che è importante assumere i farmaci seguendo le prescrizioni mediche. 

Possono volerci tra le 2 e le 4 settimane per notare miglioramenti. Molti pazienti che non sono stati avvisati di questo aspetto abbandonano il trattamento senza concedergli del tempo di fare effetto. Gli effetti indesiderati più comuni di questi farmaci sono:

  • Mal di testa
  • Nausea
  • Insonnia
  • Bocca secca
  • Stitichezza e difficoltà a urinare
  • Vista offuscata
  • Sonnolenza

Non perdetevi anche: Combattere la depressione in modo naturale

Raccomandazioni igienico-alimentari

Corrette abitudini alimentari possono migliorare l’efficacia del trattamento farmacologico e prevenire le ricadute. Si consiglia di fare attività fisica e di mantenere uno stile di vita attivo, rispettando un numero di ore che prevede anche il giusto riposo. Cercate di mantenervi occupati: vi sarà utile a evitare pensieri negativi.

Seguire una dieta bilanciata e adatta al caso, con un elevato contenuto di frutta e verdura, permette di trovare sollievo dalla stitichezza associata ai trattamenti. È inoltre fondamentale evitare il consumo di alcol, visto che aumenta gli effetti indesiderati dei farmaci e ne riduce l’efficacia.

Disturbi dell'umore
Il trattamento dei disturbi dell’umore deve prevedere la combinazione di farmaci e psicoterapia

Trattamento psicologico dei disturbi dell’umore

La psicoterapia offre risorse, conoscenze e supporto al paziente che soffre di disturbi dello stato d’animo. Queste terapie hanno lo scopo di stimolare un cambiamento. Si lavora sull’autostima e sul controllo della predisposizione emotiva.

I disturbi dell’umore sono trattabili

Lo stato d’animo può essere normale, elevato o depresso. Il soggetto che soffre di disturbi dell’umore perde la sensazione di controllo sulle proprie emozioni e prova malessere generale. In questi casi, si consiglia di abbinare il trattamento farmacologico e psicologico, congiuntamente alle misure relative a una buona igiene alimentare.

  • Posada Villa, J. (2018). Prevalencia de trastornos mentales y uso de servicios. Resultados preliminares del estudio nacional de salud mental, Colombia, 2003. Revista Colombiana de Rehabilitación. https://doi.org/10.30788/revcolreh.v5.n1.2018.277

  • Jordana, G. B. (2010). Trastornos del estado de ánimo. Farmaceutico Hospitales. https://doi.org/10.1016/b978-84-458-2042-1.50035-0

  • León-Sanromà, M. (2015). Trastornos del ánimo. AMF.