Cadi sette volte, rialzati otto

28 luglio 2016
Dopo aver vissuto una situazione dolorosa, ci dobbiamo dare il tempo di elaborare il lutto e, soprattutto, dobbiamo essere coscienti del fatto che è normale stare male. Nonostante ciò, dobbiamo trovare la forza per rialzarci e andare avanti

Cadi sette volte, rialzati otto. Conosciamo tutti questa frase, ma sappiamo anche che la teoria è una cosa e la pratica un’altra…e come ci sembra difficile mettere in pratica queste parole quando stiamo attraversando un brutto momento!

Perché nella nostra vita ci tocca vivere momenti difficili che ci fanno cadere nella disperazione, ma dobbiamo rialzarci perché la strada da fare è ancora lunga.

Vi consigliamo di leggere: Oggi soffio via le nuvole grigie per migliorare la giornata

Angoscia, depressione, frustrazione, stress… la nostra vita è costellata di situazioni e circostanze che, come un’altalena, ci fanno sentire su di giri o, viceversa, ci demoralizzano. Di fronte a questo, cosa possiamo fare? Arrenderci?

Anche se, a volte sembra che non ci sia una soluzione, dobbiamo sforzarci di andare avanti: perché la vita continua, con o senza di noi.

C’è sempre una speranza

È normale vedere tutto nero se stiamo attraversando un periodo complicato della nostra vita. Eppure, con il passare del temo, il sole tornerà a brillare come prima.

Quando tutto sarà passato, saremo capaci di rialzarci più facilmente. Ma nel momento in cui ci troviamo immersi in una situazione difficile, è ovvio che non vediamo nessun barlume di speranza, poiché non è il nostro miglior momento.

bambina-con-rondini cadi

Uno dei problemi a cui siamo più esposti in questi momenti è sicuramente la depressione, una malattia che ci soggioga e che ci rende profondamente infelici. Al contrario della tristezza, la depressione permane nel tempo, durante un periodo in cui la speranza sembra essere sparita del tutto.

Nonostante ciò, dobbiamo evitare che la depressione ci domini: essa può sopraggiungere dopo una grave perdita, a causa di un grave problema o, magari, perché siamo appena stati licenziati al lavoro.

Anche se siamo incapaci di vedere una via d’uscita in certi momenti, c’è sempre una soluzione. Se anche voi vi trovate in una situazione simile e vi sembra di essere precipitati in un pozzo di disperazione, rialzatevi: la speranza esiste, dovete solo crederci.

È difficile in questi momenti avere fiducia e speranza, poiché uno degli errori che commettiamo, senza rendercene conto, è proprio alimentare la situazione di malessere in cui ci troviamo: quando stiamo male, spesso ci comportiamo in modo tale da sentirci ancora peggio, in una spirale di negatività. Ci sono, infatti, persone che prima di potersi rialzare, hanno bisogno di toccare il fondo: solo così trovano la forza per riprendersi.

Non aver voglia di fare niente

Un altro aspetto tipico che caratterizza questi momenti difficili è non aver voglia di fare nulla. In certi momenti, non mettiamo nemmeno il naso fuori di casa, ci chiudiamo nel nostro malessere ed evitiamo persino i nostri amici.

dona-con-farfalle-nei-capelli cadi

Questo atteggiamento, però, non è del tutto negativo, anzi, può essere persino utile, poiché la solitudine ci può aiutare ad entrare in contatto con il nostro Io interiore, per ascoltarlo e imparare dal nostro dolore. Attraversare una situazione che ci provoca sofferenza non è per forza un avvenimento negativo.

Dobbiamo vivere tali situazioni per poter scoprire cosa ci ha fatto tanto male e in che modo superarlo. Senza questa sofferenza, che ci obbliga a riflettere e a guardarci dentro, non impareremmo mai a superare le difficoltà.

Da qui l’importanza di cadere, certo, ma anche, e soprattutto, di rialzarci. Anche se non abbiamo voglia di fare niente, nemmeno di vivere o di curarci, in realtà siamo forti. Sì, siamo molto forti, e nella parte più profonda del nostro essere sappiamo che è così e che supereremo questo momento difficile: il nostro istinto di sopravvivenza ci impedirà di lasciarci andare.

Leggete anche: A volte bisogna raggiungere il fondo per scoprire di saper volare

Per questo motivo, dobbiamo avere il coraggio di affrontare questo dolore, soffrirlo e sentirlo, per poi poter rinascere come l’araba fenice. Dobbiamo saper approfittare anche delle situazioni più dolorose, perché è proprio in questi momenti in cui possiamo imparare molte cose, soprattutto su di noi.

Dopo la caduta, arriva il momento di rialzarsi

Ecco che, passata la sofferenza , giunge il momento in cui bisogna riflettere su come abbiamo reagito. Siamo caduti, a volte succede. A tutti capita di inciampare, più e più volte, nelle pietre sparse sul nostro cammino, semplicemente perché il mondo è pieno di sassi!

aquilone cadi

La questione è… Cosa facciamo quando cadiamo? Restiamo per terra? Ci sentiamo morire dalla vergogna, è vero, ma poi ci facciamo forza e ci rialziamo. Quando stiamo attraversando un brutto momento, dovremmo ricordarcelo.

Come dice il famoso detto, “cadi sette volte, rialzati otto”: anche se ci sentiamo sprofondare nella disperazione, dobbiamo avere fiducia e sapere che ce la faremo.

I momenti più negativi ci daranno la possibilità di conoscerci meglio: grazie ad essi, scopriremo quanto dolore siamo in grado di sopportare prima di poter reagire e di riuscire a riunire le forze necessarie per rialzarci.

Ovviamente esiste una grande differenza tra la tristezza di un giorno e una depressione, ma il risultato è lo stesso: finiremo per rialzarci.

Non potete andarvene senza prima aver letto: Sei consigli per alleviare il dolore emotivo ed essere più felici

Oggi, quindi, il nostro consiglio è di non darsi mai per vinti: ci saranno sempre problemi nuovi da affrontare. Soffrire e cadere sono azioni che fanno parte del nostro cammino, ma l’importante è continuare a rialzarsi sempre: questo ci renderà più forti e coraggiosi.

Cadi sette volte, rialzati otto!

Guarda anche