Caratteristiche di una mente bipolare

24 Settembre 2020
Il bipolarismo è caratterizzato, solitamente, da un comportamento instabile e da sbalzi d'umore drastici che possono portarci a confondere questa condizione con la depressione.

Spesso tendiamo a sottovalutare malattie gravi come il bipolarismo, dimenticando che si tratta di un disturbo reale e complesso. Conoscerne le caratteristiche di una mente bipolare è essenziale per intervenire il prima possibile.

È importante, di fatto, riconoscere e trattare tempestivamente il bipolarismo per garantire una buona qualità di vita al paziente e alle persone che lo circondano. Per prima cosa, occorre capire che il bipolarismo è un disturbo psichico, non un modo di essere o un atteggiamento.

Non ha niente a che vedere con la doppia personalità o le personalità multiple. La persona bipolare non ha alcuna difficoltà a riconoscere la sua patologia: gli sbalzi d’umore sono così drastici da indurre comportamenti altrimenti difficili da spiegare.

Diagnosi del disturbo bipolare

Crying woman with hands on face

Diagnosticare questo disturbo non è facile, soprattutto perché la persona che ne soffre raramente chiede aiuto. Un altro ostacolo è il comportamento instabile, che porta a scambiare il bipolarismo per depressione o altre psicosi.

Per formulare la diagnosi, è necessario un lungo periodo di osservazione. Sebbene non esista una cura definitiva per il bipolarismo, è possibile tenerlo sotto controllo modificando il proprio stile di vita.

  • A coloro che soffrono di bipolarismo si raccomandano l’esercizio fisico, la psicoterapia, lo yoga o altre attività rilassanti.
  • È importante che il paziente sia circondato da persone che comprendano il suo disturbo e gli dimostrino affetto.

Parenti e amici svolgono un ruolo fondamentale nella terapia: ostacolata dalla sua stessa patologia, la persona bipolare raramente si rivolge a un professionista.

Leggete anche: Potere terapeutico di un abbraccio: effetti sulla salute

Caratteristiche della persona bipolare

1. Sbalzi di umore improvvisi States of mind represented by different photos

Il bipolarismo comporta cambiamenti improvvisi d’umore. Una persona bipolare può passare da uno stato di euforia incontrollabile al turbamento più profondo, da un momento all’altro e per motivi che sono insignificanti per una persona mentalmente stabile.
Allo stesso modo, può trascorrere un lungo periodo di tempo fermo nello stesso stato, depressivo o maniacale. I cambiamenti di stato d’animo, come abbiamo detto, non corrispondono a situazioni specifiche o schemi prevedibili.Talvolta il bipolare si può sentire molto bene, per lungo tempo. Ad esempio può sentire di avere molta energia, tanta da non avvertire il bisogno di dormire; in alcuni casi può restare sveglio per giorni, ma allo stesso tempo essere distratto e irritabile.È una fase maniacale, caratterizzata da atteggiamenti eccessivi come desiderio sessuale intenso ed esuberanza che può persino sfociare nell’aggressività.

2. Tristezza

La persona bipolare può sentirsi molto depressa. Questo comporta ansia, tristezza, pessimismo e forte frustrazione. Inoltre, può soffrire di una perdita totale di interesse verso tutto, compreso ciò che amava fare nella fase maniacale.

Per una persona in queste condizioni è estremamente frustrante non riuscire a capire la causa della sua profonda depressione. Una delle conseguenze può essere il pensiero suicida.

3. Tratti psicotici

Boy with happy-sad designs

Il bipolarismo provoca improvvisi sbalzi d’umore. Una persona bipolare può passare da uno stato di euforia incontrollabile al turbamento più profondo, da un momento all’altro e per motivi insignificanti per una persona mentalmente stabile.

Allo stesso modo, può trascorrere un lungo periodo di tempo nello stesso stato, depressivo o maniacale. Gli sbalzi d’umore, come abbiamo detto, non corrispondono a situazioni specifiche o schemi prevedibili.  Talvolta il bipolare può stare molto bene, per lungo tempo.

Per esempio, può sentire di avere molta energia, tanta da non avvertire il bisogno di dormire; in alcuni casi può restare sveglio per giorni, ma al tempo stesso essere distratto e irascibile. È una fase maniacale, caratterizzata da atteggiamenti eccessivi come desiderio sessuale intenso ed esuberanza che può persino sfociare in aggressività.

2. Tristezza

La persona bipolare può sentirsi molto depressa e soffrire di ansia, tristezza, pessimismo e forte frustrazione. Può accusare anche un totale disinteresse verso tutto, compreso ciò che amava fare nella fase maniacale.

Per una persona in queste condizioni, è estremamente frustrante non riuscire a capire la causa della sua profonda depressione. Conseguenza di ciò può essere il pensiero suicida.

Donna con pensieri negativi

3. Tratti psicotici della persona bipolare

Tra i motivi alla base degli sbalzi d’umore può esservi la psicosi, una condizione che altera la percezione delle situazioni, dei gesti, delle parole.

Un individuo psicotico interpreta in modo sbagliato quanto gli altri cercano di comunicargli. Nelle forme più gravi di psicosi può arrivare a soffrire di allucinazioni.

Leggete anche: Sindrome di Cotard: definizione e trattamenti

4. Ipomania

Un altro sintomo del bipolarismo è l’ipomania, una variazione del normale stato dell’individuo caratterizzata da continuo umore elevato. Può anche manifestarsi con tendenza all’irascibilità per almeno quattro o cinque giorni consecutivi.

L’ipomania è caratterizzata anche da episodi di autostima esagerata o di delirio grandioso. Può rendere chi ne soffre più loquace del solito. Di solito la persona bipolare prova stati d’animo molto intensi o estremi.

  • Alejandro Koppmann, A. (2012). Sobre el diagnóstico de bipolaridad. Revista Médica Clínica Las Condes. https://doi.org/10.1016/S0716-8640(12)70348-6
  • Vieta, E. (2014). Diagnosing Bipolar Disorder. In Managing Bipolar Disorder in Clinical Practice, 3rd Edition and Guide to Assessment Scales in Bipolar Disorder, 2nd Edition.
  • PuedoSer, E. V. (2012). La hipomanía. Trastorno bipolar.
  • Geddes, J. R., & Miklowitz, D. J. (2013). Treatment of bipolar disorder. The Lancet. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(13)60857-0