Come comportarsi se il partner è bipolare?

· 20 novembre 2016
Le persone con disturbo bipolare possono condurre una vita normale, a patto di seguire il trattamento prescritto dal medico. Non devono mai abbandonarlo se non sotto la supervisione del medico, altrimenti potrebbero mettersi in pericolo.

Quando il partner è bipolare, la relazione viene spesso danneggiata. Il disturbo bipolare coinvolge le emozioni. Per questo interferisce nei rapporti affettivi.

Magari nei trascorsi della coppia, la persona bipolare può aver esercitato o esercitare un’influenza positiva o negativa. Se è questo il vostro caso, è importante che capiate di avere un ruolo molto importante per il partner e perciò dovete offrirgli sostegno.

La prima cosa da fare quando il partner è bipolare è armarsi di pazienza e cercare di dare un equilibrio emotivo alla relazione. Dovete sapere che le persone con questo disturbo hanno comportamenti che non sono volontari.

Che cos’è il disturbo bipolare?

La bipolarità è una patologia psichiatrica molto frequente, che scatena nella persona che ne soffre episodi di depressione che si alternano con l’euforia.

In molti casi questi episodi diventano cronici e per questo chi soffre di disturbo bipolare ha bisogno del controllo medico per tutta la vita.

Questo disturbo può essere ereditario, anche se non è ancora stato trovato il difetto genetico che lo causa. Non si conoscono le cause dei disordini affettivi, ma si pensa che possano essere il risultato di una serie di fattori neurobiologici e psicosociali.

 Vi invitiamo a leggere anche: Sensi di colpa e malumore costante: la depressione nascosta

Possiamo fare qualcosa quando il partner è bipolare?

Stare con una persona affetta da disturbo bipolare non significa che bisogna prendersene cura costantemente e mettere da parte la propria vita.

Ci sono molte cose che si possono fare per un partner bipolare senza trascurare se stessi.

È importante aiutare il partner a riconoscere i sintomi

Chi meglio di voi, che siete sempre assieme al vostro partner, può rendersi conto di cosa sta succedendo?

Poco a poco comincerete ad acquisire esperienza e imparerete a riconoscere un momento di crisi o una ricaduta.

Questo vi consentirà di anticipare ed evitare le difficoltà.

Collaborate con il medico

Sarete la fonte di informazione perfetta per il medico del vostro partner, che potrà quindi valutare costantemente i suoi progressi grazie al vostro aiuto.

Se stabilite una buona comunicazione con il medico, potrete trarre vantaggio da ogni seduta.

Non nascondetegli alcun dettaglio e, se lo considerate necessario, annotate qualsiasi cosa pensiate sia importante.

Non siate iperprotettivi

Coppia con le mani legate

Un atteggiamento troppo protettivo non darà alcun risultato positivo. Una persona bipolare passa la maggior parte del tempo come se non avesse alcuna malattia, conduce una vita normale.

Non dovete limitare la sua autonomia né le sue responsabilità quando è stabile.

Tuttavia, quando si manifestano episodi di mania o depressione, è importante accompagnare il partner la maggior parte del tempo.

In questo modo, si possono prevenire eventuali comportamenti autodistruttivi.

Non criticate il partner

È possibile che, senza volerlo, facciate delle critiche al partner con una certa frequenza. Tenete presente che siete una delle persone a cui tiene di più e con cui ha più confidenza.

Ricordate che i sintomi manifestati dal partner non sono simulati.

Il partner non smette di avere questo disturbo da un giorno all’altro, ed è possibile che stia dando il meglio di sé per riprendersi.

Assicuratevi che il partner assuma i farmaci

Farmaci

Controllate che il partner assuma regolarmente i farmaci. In alcuni casi, quando le persone iniziano a sentirsi meglio, pensano che non sia più necessario continuare il trattamento prescritto dal medico.

Sospendere totalmente o parzialmente l’assunzione di medicinali senza aver prima consultato il medico potrebbe scatenare delle ricadute o dei peggioramenti.

Come posso prendermi cura di me mentre il mio partner soffre di disturbo bipolare?

Molte volte può capitare che mentre ci si prende cura di una persona, ci si dimentichi di ritagliarsi del tempo per se stessi,  per ricaricare le energie.

È necessario che vi ritagliate uno spazio tutto vostro o forse che ricorriate ad una terapia. Il disturbo bipolare non ha cura, dovrete affrontarlo per tutta la vita.

Dovete assicurarvi di potervi prendere cura di entrambi in certi momenti e per questo è fondamentale il sostegno della famiglia e degli amici, perché una responsabilità del genere può essere difficile da gestire.

Se avete la sensazione di non riuscire a gestire la bipolarità del partner, una buona soluzione può essere quella di rivolgersi ad un terapeuta.

Leggete anche: L’ansia e la depressione sono segnali di lotta e non di debolezza

Questo non è un motivo per sentirsi in colpa, al contrario.

Vivere con una persona con questo disturbo può diventare molto difficile ed è più che ragionevole cercare una qualsiasi forma di sostegno per andare avanti.

Cosa devo fare se il partner ha una crisi?

Principalmente dovete fare attenzione che il partner non desideri o possa fare del male a se stesso o agli altri.

Cercate subito aiuto se pensate di non riuscire a prendere il controllo della situazione.

Evitate a tutti i costi di lasciare il partner da solo durante una crisi e parlate con il suo medico curante il prima possibile.

Chiedete allo specialista di darvi il suo numero personale nel caso aveste bisogno di aiuto durante una crisi.

Se avete notate uno o più sintomi menzionati nel comportamento del partner, invitatelo a rivolgersi ad un medico e a sottoporsi ad un trattamento che consentirà a entrambi di godere di una buona qualità di vita.

Guarda anche