Come evitare e trattare i peli incarniti

· 22 novembre 2014
Se volete evitare i peli incarniti dopo esservi depilate, dovrete prima dilatare i pori, esfoliare e, sopratutto, disinfettare successivamente la zona.

Oltre ad essere dolorosi, sono anche antiestetici. I peli incarniti compaiono soprattutto a causa della depilazione con la ceretta o con il rasoio, e si presentano come delle piccole bollicine infette, che contengono i peli che non sono cresciuti ma non sono nemmeno stati eliminati nel modo corretto. Visto che possono trasformarsi in un problema grave, è bene evitarli: in questo articolo vi spieghiamo come trattarli e cercare di non farli comparire.

Consigli per prevenire e trattare i peli incarniti

  • Fate attenzione al tipo di depilazione. Alcuni ritengono che la ceretta sia il metodo che causa più peli incarniti, mentre secondo altri è il rasoio. Nel caso della ceretta, ciò è causato dal fatto che debilita i follicoli capillari, per cui il pelo non è abbastanza forte da crescere e attraversare la pelle. Anche il rasoio, però, può causare peli incarniti, perché non li elimina dalla radice.
  • Prendetevi cura della pelle. Quando i follicoli sono ostruiti da grasso, cellule morte, sporcizia e germi, è più difficile che i peli crescano. Per questo motivo è bene realizzare un’esfoliazione settimanale, pulendo e idratando la pelle ogni giorno e utilizzando prodotti non comedogenici, che evitano che i pori si tappino.

depilazione-gambe

  • Depilatevi nel modo corretto. Se preferite il rasoio, fate attenzione a seguire i seguenti passi: ammorbidite la pelle con dell’acqua, del sapone neutro o della schiuma da barba, non rasatevi andando contro il verso del pelo incarnito, realizzate una lieve pressione quando passate il rasoio e utilizzate una lametta nuova ogni volta (o cambiatela ogni due o tre passate).
  • Non indossate abiti troppo attillati. Questo comprime troppo la pelle e non la lascia respirare, rendendo impossibile la crescita dei peli sotto pelle. Si tratta di un’altra delle possibili cause dei peli incarniti: evitate soprattutto pantaloni o calze attillate quando vi siete appena depilate. Vi consigliamo, inoltre, di indossare abiti in cotone e non in altri materiali, specialmente se sintetici.
  • Eliminate i germi dopo la depilazione. Utilizzate degli antisettici naturali, come il tea tree oil, per prevenire le infezioni. Questo stesso prodotto può essere impiegato qualche ora prima di depilarsi.
  • Dilatate i pori utilizzando dell’acqua calda o un bagno di vapore. Potete anche applicare sulle gambe un asciugamano bagnato con acqua calda o sfruttare l’aria calda del phon. In questo modo sarà più facile liberare i peli.
  • Evitate di usare la stessa cera più volte se vi depilate a casa. Nei centri estetici e di depilazione spesso questa viene riutilizzata per giorni o settimane: l’ideale è usare una cera nuova ogni volta.

cura-della-pelle

  • Immergete del cotone in acqua di hamamelis e applicate sulla pelle, dove avete dei peli incarniti. Questo rimedio naturale è ottimo per calmare le irritazioni della pelle e aiutarvi a eliminare gli ultimi peli. Serve anche per ridurre l’arrossamento e l’infiammazione. È un prodotto che esfolia, umetta e stappa i pori ostruiti. Utilizzatelo prima e dopo la depilazione.
  • Eliminate la superficie del pelo incarnito con una pinzetta. Dovete sapere che i peli restano intrappolati sotto il primo strato della pelle e per questo non è impossibile toglierli se grattate leggermente. Sollevate il pelo con attenzione, ma non strappatelo, perché irriterete la zona ancora di più e potreste infettarla. Non dimenticate di fare il tutto con le mani pulite (da lavare con un sapone neutro) e di applicare un po’ di alcol o acqua ossigenata sulla pinzetta prima di usarla.
  • Prevenite la comparsa di peli incarniti durante l’estate o quando fate sport. La traspirazione e l’allenamento, lo sfregamento di cosce e gambe, alcuni vestiti, il caldo, ecc. possono far sì che i peli si incarniscano. Per questo vi raccomandiamo di usare della vasellina, del borotalco o della maizena per prevenire l’irritazione. Quando finite di fare sport, sciacquate la zona accuratamente in modo che i follicoli piliferi respirino bene di nuovo.
  • Applicate il gel di una foglia di aloe vera, un rimedio naturale meraviglioso per i peli incarniti. Spalmatelo ogni sera sull’area colpita e lasciatelo agire. L’ideale è avere una pianta di aloe in casa, tagliare una foglia ed estrarne la polpa. Potete trovarla anche sotto forma di creme e lozioni, ma queste hanno bisogno di più tempo per fare effetto. Assicuratevi che non contengano dell’alcol, perché irriterebbe la zona e potrebbe bruciare abbastanza.
  • Scegliete degli oli essenziali come quello di camomilla o di lavanda. Chiedete in erboristeria qual è la dose consigliata e se è meglio diluirli in acqua, perché alcuni di questi prodotti sono molto forti e danneggiano la pelle. Potete mischiare più di un olio per ottenere un risultato ancora migliore.

gambe

Come estrarre un pelo incarnito

  • Lavate la zona con dell’acqua e un sapone neutro, sciacquando con acqua fredda o tiepida.
  • Esfoliate bene l’area in cui si è incarnito il pelo, una volta di mattina e un’altra la sera, in modo che il pelo si liberi. Quest’operazione dev’essere svolta con attenzione, per evitare irritazioni o perdite di sangue; serve semplicemente per eliminare la pelle morta, il grasso o la sporcizia.
  • Applicate un panno o un asciugamano caldo (ma senza scottarvi) nella zona del pelo per qualche minuto, in modo da ammorbidire la pelle.
  • Utilizzate una pinzetta che sia stata prima sterilizzata con dell’alcol o dell’acqua bollente.
  • Stirate la pelle in modo deciso e prendete il pelo dalla radice con la pinzetta in modo da estrarlo con uno strappo deciso e veloce.
  • Alla fine, usate un antisettico come il tea tree oil o l’aloe vera.
  • Ripetete questa operazione se soffrite di peli incarniti con frequenza o se li avete in diverse parti del corpo.
Guarda anche