Come funziona la mente di chi commette abusi?

Chi commette abusi ha una personalità narcisistica che tende a controllare gli altri. Inoltre, manca di empatia e spesso agisce in modo subdolo.
Come funziona la mente di chi commette abusi?

Ultimo aggiornamento: 14 agosto, 2022

Di fronte a episodi di violenza, sorgono molte domande: «cosa è successo?», «cosa ha spinto una persona a picchiare l’altra?». Raramente le risposte sono semplici e univoche. Per cercare di capire, conviene scoprire come funziona la mente di chi commette abusi.

In generale, tendiamo a vedere l’abuso come un singolo episodio e non come un continuum. Come circostanza specifica e non come “modo di procedere, di essere e di comportarsi”. Lo vediamo persino come se fosse “di qualcun altro” e non qualcosa che ci riguardi con i nostri pregiudizi e idee. Vediamo in dettaglio.

Come funziona la mente di chi commette abusi?

Enrique Echeburúa (2010) sottolinea che non esiste un profilo specifico di chi abusa, ma ci sono alcuni tratti comuni. Tra questi:

  • Distorsioni cognitive.
  • Mancanza o assenza di empatia.
  • Deficit nelle capacità sociali, comunicative e di problem solving.

Per quanto riguarda le distorsioni cognitive, sono caratterizzate da convinzioni patriarcali, che giustificano, ad esempio, il predominio degli uomini sulle donne. Nella mente di chi commette abusi, il potere è un concetto chiave.

Cerca di esercitare il controllo sugli altri, crede di avere il diritto di farlo e si ritiene superiore. Quindi, non si ferma a pensare con empatia e non si accorge dei diritti degli altri. Non riconosce né ammette punti di vista diversi dal suo e cerca di imporsi.

Pur non essendo in grado di ammettere la propria responsabilità, impiega diverse strategie per «risolvere» i propri conflitti; minimizza i fatti, pratica l’autolesionismo, nega la violenza, tra gli altri. Anche il gaslighting è molto comune.

Come funziona la mente di un molestatore?
Chi commette abusi mostra di avere poca empatia e gravi difficoltà di risoluzione dei problemi. Inoltre, tende a vittimizzare se stesso.

Agisce in modo subdolo

In generale, è difficile riconoscere chi commette abusi, perché a livello sociale si comporta molto bene ed è talvolta affascinante e coinvolgente. Il suo abuso di solito non è indiscriminato, cioè non è diretto a tutte le persone di cui si circonda. Al contrario, di solito è diretto verso qualcuno in particolare.

Numerose indagini si concentrano sull’abuso da deficit nella gestione emotiva. In altre parole, siamo in presenza di una disregolazione emotiva che facilita il “passaggio all’atto” della violenza. A questo punto, la mancanza di controllo degli impulsi e la rabbia sono fondamentali per comprendere il motivo dell’abuso.

D’altra parte, il contesto e la socializzazione di genere hanno un’enorme influenza sulla qualità delle relazioni. Se nell’educazione che riceviamo durante la nostra educazione – e nelle interazioni nella vita in generale – sentiamo dire che gli uomini hanno più diritti delle donne o che sono più forti, la conseguenza potrebbe essere quella di gestire nell’assoluta impunità, senza avere la minima traccia di ciò che gli altri sentono e le conseguenze delle proprie azioni.

Caratteristiche della mente di chi commette abusi

Alcune delle caratteristiche della mente e della personalità di chi commette abusi sono le seguenti:

  • Egocentrismo e narcisismo. Questo è ciò che mostrano, ma allo stesso tempo sono persone insicure.
  • Intolleranza, rigidità.
  • Minimizzazione di fatti e responsabilità.
  • Pensieri in termini di tutto o niente, bianco o nero.

Per saperne di più: Segni di abuso tramite WhatsApp

Alcuni chiarimenti per comprendere il fenomeno degli abusi

Innanzitutto è importante ripercorrere alcuni miti diffusi. In molti casi c’è stata la tendenza ad equiparare la violenza di genere a patologie o malattie mentali. Echeburúa (2010) sottolinea che solo una piccola parte di coloro che esercitano l’aggressività hanno un disturbo mentale.

Bisogna stare molto attenti perché, a volte, la violenza è giustificata da una diagnosi, con un doppio effetto dannoso; la persona che ha un disturbo è stigmatizzata e le azioni di un soggetto violento sono giustificate.

In aggiunta a quanto sopra, bisogna ammettere che, sebbene il contesto influenzi, non tutte le persone che sono cresciute in un ambiente ostile eserciteranno violenza. Cioè, bisogna analizzare il contesto, ma non funziona necessariamente come un valore assoluto.

L’abuso è un fenomeno molto complesso e multidimensionale, che richiede approcci globali e non semplicistici.

La prevenzione e lo scambio di idee aiutano

È molto importante continuare a sensibilizzare sull’abuso e imparare ad identificarlo in tempo, ad esempio, negli appuntamenti con gli adolescenti. In questo modo potremo aiutare sia chi ne soffre sia chi lo esercita, anticipando le conseguenze psicologiche, emotive e fisiche che lascia alle spalle.

È necessario demistificare la gelosia, il controllo, l’interrogatorio sugli abiti che indossano le donne o sul momento in cui tornano a casa. In questo senso, le convinzioni su cosa sia l'”amore romantico” confondono il controllo con l’interesse e naturalizzano situazioni che iniziano ad essere leggermente violente. Nel tempo, questo si intensifica ed echeggia nella mente di chi abusa.

In relazione a ciò, devono essere rese visibili anche le diverse forme di abuso, poiché la violenza fisica è spesso identificata come l’unica forma esistente. Tuttavia, quello psicologico è molto frequente e porta con sé notevoli conseguenze.

Come funziona la mente di chi commette abusi.
Rendere visibili le forme di abuso è determinante per affrontarle. Inoltre, è bene demistificare alcuni concetti sull’amore romantico.

Un approccio multidimensionale

In accordo con la multi-dimensionalità del problema, è necessario concentrarsi sul lavoro con tutte le persone coinvolte nella situazione di violenza: il soggetto, la vittima e l’intero ambiente.

Per quanto riguarda la mente di chi commette abusi, esistono diversi programmi terapeutici per iniziare il trattamento. Alcuni degli obiettivi principali hanno a che fare con il riconoscimento della responsabilità nei fatti e il lavoro su convinzioni distorte. Naturalmente, la motivazione al cambiamento e l’impegno per il trattamento saranno essenziali.

Per quanto riguarda invece la comunità, come sottolinea Miguel Lorente Acosta a proposito della violenza di genere e del suo rapporto con la mascolinità,  “se ripercorriamo il percorso e seguiamo le briciole di ciascuno delle tappe che hanno portato alla violenza di genere, ci accorgeremo che la sua origine è in un modo di intendere la mascolinità e di essere uomo che comporta la violenza come possibilità e, purtroppo, spesso come realtà”.

In questo senso, se l’aggressore vive in una comunità che accetta e promuove la violenza come risorsa valida per risolvere i problemi, se non si interviene a quel livello, è difficile cambiare le cose.

Infine, per quanto riguarda la persona che subisce la violenza, sarà necessario provvedere al contenimento e al sostegno per sviluppare risorse che consentano loro di “uscire” dalla situazione di abuso, nonché affrontare le conseguenze di quanto vissuto. In altre parole, l’unica via d’uscita possibile dalla violenza è partecipare tutti insieme.

Potrebbe interessarti ...
Compagni bulli: come comportarsi?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Compagni bulli: come comportarsi?

I genitori devono essere coinvolti o no? Vediamo insieme come agire se i nostri figli vengono presi di mira dai compagni bulli.



  • Rey Anacona, César Armando (2009). Maltrato de tipo físico, psicológico, emocional, sexual y económico en el noviazgo. Un estudio exploratorio. Acta Colombiana de Psicología, 12(2),27-36.[fecha de Consulta 8 de Julio de 2022]. ISSN: 0123-9155. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=79815640003
  • Galán Jiménez, Jaime & Figueroa Varela, Ma. del Rocío. (2017). Gaslighting. La invisible violencia psicológica Gaslighting. The invisible psychological violence. Uaricha. 14. 53-60.
  • Echeburúa E, Fernández-Montalvo J. Tratamiento cognitivo conductual de hombres violentos en el hogar: un estudio piloto. Anal Modif Cond. 1997;23:355-84.
  • Karakurt G, Silver KE. Emotional abuse in intimate relationships: the role of gender and age. Violence Vict. 2013;28(5):804-21. doi: 10.1891/0886-6708.vv-d-12-00041. PMID: 24364124; PMCID: PMC3876290.
  • Enrique Echeburúa, Pedro J. Amor, Perfil psicopatológico e intervención terapéutica con los agresores contra la pareja, Revista Española de Medicina Legal, Volume 36, Issue 3, 2010, Pages 117-121, ISSN 0377-4732, https://doi.org/10.1016/S0377-4732(10)70040-7 (https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0377473210700407)