Migliorare la circolazione di gambe e braccia

· 30 aprile 2014
Per migliorare la circolazione di gambe e braccia, eliminate dalla dieta il sale e gli alimenti ricchi di grassi saturi. I trigliceridi e il colesterolo aumentano la viscosità del sangue e questo influisce direttamente sulla circolazione

Se avete spesso le mani o i piedi freddi, se avvertite un formicolio continuo agli arti superiori o inferiori oppure una sensazione simile ad aghi che pungono la pelle, intorpidimento o crampi alle estremità, vuol dire che avete qualche problema di circolazione. In questo articolo vi spieghiamo come migliorare la circolazione di gambe e braccia.

Quando il flusso sanguigno non raggiunge correttamente tutte le cellule e i tessuti delle estremità, in esse non arrivano nemmeno l’ossigeno e le sostanze nutritive necessari.

Il sangue, inoltre, porta con sé le sostanze di rifiuto in eccesso e le tossine, quindi potete facilmente farvi un’idea del pericolo che correte se un problema circolatorio si protrae nel tempo. A seguire vi proponiamo alcuni consigli e rimedi naturali per migliorare la circolazione di gambe e braccia.

Sintomi di una cattiva circolazione

Come abbiamo già accennato, avere mani e piedi freddi, sentire la pelle pizzicare come se fosse punta da aghi oppure avvertire un semplice formicolio agli arti sono alcuni dei sintomi principali di una cattiva circolazione. Tuttavia, ce ne sono altri:

  • Intorpidimento di braccia e gambe.
  • Dolore e crampi alle mani e ai piedi.
  • Edemi sulle gambe.
  • Difficoltà di guarigione in caso di ulcere nelle mani e nei piedi.
  • Unghie delle dita di mani e piedi fragili.
  • Perdita di sensibilità nelle estremità.
  • Emicrania e mal di testa.
  • Dita e unghie di colore bluastro.
  • Comparsa di vene varicose.
  • Prurito nelle braccia e nelle gambe.
  • Crampi ai glutei e alle gambe.
  • Mancanza di forza nelle mani e nei piedi.
  • Difficoltà nel camminare.
  • Capogiri quando ci si alza.

Leggete anche: Castagno d’India: un alleato contro le vene varicose

Possibili cause

La cattiva circolazione può avere diverse cause: compressione dei nervi, contrazione muscolare dovuta a posizioni scorrette, infiammazioni, esposizione a basse temperature, etc.

Per prima cosa, dunque, bisogna consultare il medico per stabilire la causa esatta, in base a questo potrete poi ricorrere a diversi rimedi naturali per combatterla.

Molto spesso le cause di una cattiva circolazione nelle estremità risiedono in alcune abitudini insalubri quali abuso di alcol, consumo eccessivo di caffeina, assunzione di droghe o altri farmaci, mancanza di igiene posturale, carenze nutrizionali o troppo stress.

In altri casi, le cause possono essere legate a problemi di salute ben più seri, come ostruzione delle arterie periferiche, arteriosclerosi, fenomeno di Raynaud, malattie coronariche, aritmia cardiaca, insufficienza renale, malattie polmonari, diabete, ipertensione oppure ostruzione dei vasi sanguigni a causa di coaguli di sangue.

Consigli per migliorare la circolazione degli arti

Migliorare lo stile di vita

Coppia in piscina

In caso di cattiva circolazione, l’ideale è un trattamento combinato. Qualunque sia la diagnosi del medico e i farmaci prescritti, apportare dei cambiamenti nel proprio stile di vita, seguire un’alimentazione sana e ricorrere a dei rimedi naturali aiuteranno non solo ad alleviare i sintomi, ma anche a guarire totalmente.

Fumare meno, non bere alcol regolarmente, camminare di più, andare in bicicletta e fare ginnastica per le braccia e le gambe, fare nuoto o altre attività in acqua. Una camminata di 40 minuti è ottima per chiunque e apporta numerosi benefici. Vi consigliamo anche di indossare indumenti comodi, soprattutto per dormire, e di evitare le basse temperature.

Alimentazione naturale

Il consumo di alimenti ricchi di vitamina C attiva la circolazione. I cibi più ricchi di questa vitamina sono gli agrumi come limone, arancia, kiwi, pompelmo e lime, oltre ad altri frutti come la guaiava (o guava), le fragole, le bacche o i frutti di bosco rossi, il cocomero e il melone. Rientrano in questa lista anche i pomodori, gli spinaci, i peperoni verdi e rossi, i cavoletti di Bruxelles e il prezzemolo.

Cocomero, pomodoro e fragole contengono anche licopene, una sostanza che attiva la circolazione sanguigna.

Un altro nutriente fondamentale per migliorare la circolazione è la vitamina E. Si trova in grande quantità negli ortaggi a foglia verde, come gli spinaci e i broccoli, oppure nel lievito di birra e nel germe di grano. In caso di cattiva circolazione, fanno bene anche verdura e frutta ricche di potassio, come la banana.

Alcuni oli ricchi di vitamina E e con un’alta percentuale di Omega 3 sono l’olio di sesamo, di noci, di palma, di mandorle, d’oliva. Ottimi anche mangiare i frutti da cui si ricavano questi oli, quindi olive, mandorle, noci, nocciole, sesamo e semi di girasole. Vi consigliamo di completare la dieta con tuorli d’uovo, pesce azzurro e compresse di alga spirulina.

Si consiglia di evitare gli alimenti ricchi di grassi saturi come i prodotti a base di latte intero, il burro, la panna, gli insaccati, i prodotti di pasticceria industriale, poiché i trigliceridi e il colesterolo aumentano notevolmente la viscosità del sangue e questo è un aspetto che incide sulla circolazione. Non esagerate con il sale o il sodio, che assorbono l’acqua compromettendo  sulla fluidità del sangue.

Leggete anche: Dieta adeguata per abbassare il colesterolo cattivo

L’assunzione di enzimi proteolitici riduce in maniera efficace l’infiammazione, ne è esempio la bromelina dell’ananas, che potete trovare sotto forma di integratori in qualsiasi farmacia o erboristeria, o la serrapeptasi, un enzima che si trova nei funghi e con effetti ancora più efficaci. Se ne consiglia l’assunzione dalle 3 alle 5 volte al giorno, lontano dai pasti.

Rimedi naturali

Per migliorare la circolazione, oltre a seguire un’alimentazione sana, con pochi grassi saturi e ricca di verdure, può essere di grande aiuto ricorrere ad alcuni rimedi naturali che riattivano il flusso sanguigno delle braccia e delle gambe:

Aloe

  • Applicate il gel di aloe vera fresco sulle zone interessate. Si consiglia anche di assumere tre cucchiai di succo d’aloe lontano dai pasti.
  • Applicate oli essenziali: unite olio essenziale di lavanda e olio di mandorle o di cocco e massaggiate gambe, piedi, braccia o mani.
  • Tisane a base di erbe: tè con foglie di Achillea e zenzero, infusi di equiseto, vischio, passiflora, ginkgo biloba, timo, salvia o rosmarino sono perfetti per riattivare e migliorare la circolazione. Lasciate cuocere a fuoco lento per 15 minuti l’ingrediente scelto in acqua bollente, poi lasciate riposare per 5 minuti, filtrate e bevetene una tazza prima di ogni pasto.
  • Uno o due spicchi d’aglio da mangiare a digiuno o da aggiungere ai vostri piatti per riattivare il flusso sanguigno ed evitare la formazione di placche nel sangue e quindi prevenire l’arteriosclerosi.
  • Un litro di acqua minerale a digiuno: un bicchiere dopo l’altro, lentamente, vi aiuterà a fluidificare la circolazione. Assumente la quantità giornaliera di liquidi con tisane, succhi di frutta, verdura fresca, latte e brodi vegetali.
  • Impacchi di argilla sulle zone interessate. Questo aiuterà a migliorare la circolazione, ma anche gli edemi e le vene varicose che ne conseguono.
  • Lavare piedi e mani con acqua calda e pepe ogni sera. Si tratta di un antico rimedio che aiuta riattivare la circolazione delle estremità.
  • Bagni a mani e piedi con la radice di zenzero. Mescolate un quarto di radice di zenzero tritata in due litri d’acqua calda e immergetevi le mani o i piedi.
  • Pediluvio con menta fresca. Aggiungete la menta in un recipiente d’acqua bollente. Immergetevi i piedi per 15 minuti e poi asciugateli bene. Oppure, aggiungete un cucchiaio di rosmarino e uno di ruta in mezzo litro d’acqua e fate bollire per dieci minuti. Una volta raffreddato, usatelo per lavare i piedi e le mani.
  • Bagno con rosmarino, sambuco, equiseto, bardana e consolida maggiore. Fate bollire una manciata di queste erbe in abbondante acqua, lasciate riposare per trenta minuti e poi filtrate prima di aggiungerle all’acqua della vasca da bagno. Fate un bagno di 15 minuti e poi copritevi con un asciugamano per altri 10 minuti.
  • Bagno di cipolle. Fate bollire in 10 litri d’acqua un chilo di cipolle. Aggiungete questo brodo all’acqua tiepida della vasca da bagno ed immergetevi per una decina di minuti.

Tutti questi rimedi tradizionali migliorano il flusso sanguigno e donano grande sollievo.

Guarda anche