Come realizzare un tutore muschiato per le piante rampicanti

Il tutore muschiato è un'ottima alternativa per far sì che le piante rampicanti possano crescere alte e forti. Scopri come realizzarne uno a casa.
Come realizzare un tutore muschiato per le piante rampicanti

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre, 2022

In questo articolo ti diremo come realizzare un tutore muschiato per le piante rampicanti. Infatti, come sappiamo, le piante rampicanti indoor hanno bisogno di un sostegno per crescere.

Sebbene in commercio esistano diverse tipologie di tutori, non tutti funzionano bene o piacciono alle piante che ne hanno bisogno. Alcuni sono molto belli esteticamente, ma non sempre la pianta si adatterà. Quindi rivediamo cos’è un tutore muschiato per le piante rampicanti, le sue caratteristiche e come crearne uno in modo rapido e semplice.

Tutore muschiato per le piante rampicanti: cos’è e perché è così utile?

Un tutore muschiato per le piante rampicanti è un elemento che serve affinché le piante rampicanti che si trovano in casa possano arrampicarsi su di esso e aderire con le loro radici aeree. Alcune delle specie più conosciute sono i mostri, i pothos, gli anthurium, le orchidee e le vaniglie rampicanti.

Se torniamo al loro habitat naturale, queste piante si aggrappano alla corteccia umida degli alberi. In questo caso, la guida del muschio svolgerebbe la funzione di quell’albero.

Per fare questo, una volta pronto il tuo tutore muschiato, devi solo inumidirlo e metterlo nella pentola. Tieni lo stelo e poco a poco la pianta inizia ad attaccarsi.

Ricorda di mantenere umido il muschio per idratare le radici aeree della pianta.

Fiore di anturio.
L’anthurium è una specie che ha bisogno di un tutore muschiato.

Leggi anche: Perlite per le piante: cos’è e come agisce

Come creare un tutore muschiato?

Esistono molte varietà di tutori per le piante rampicanti, ma non tutti sono adatti. Ad esempio, quelli in fibra di cocco sono molto belli, ma non offrono un risultato adeguato perché non trattengono l’umidità di cui hanno bisogno le radici. Pertanto, la pianta non si arrampicherà.

Allo stesso modo, anche i tutori realizzati con muschio conservato o pretrattato non hanno funzionato. Questo perché il produttore aggiunge glicerina e inchiostri per imitare un aspetto naturale.

Pensiamo che sia una buona idea realizzare un palo di muschio fatto in casa per offrire alle nostre piante una buona alternativa. Vediamo di quali materiali avrai bisogno.

Materiali

Questi sono gli elementi e gli strumenti che devi procurarti per mettere insieme la tua guida per le piante:

  • Canna di bambù o bastoncino di legno. L’altezza e lo spessore dipenderanno dalle dimensioni della pianta che hai nel vaso.
  • Muschio di sfagno. Anche se è vero che ci sono molte varietà di muschio, noi suggeriamo questo perché i suoi fili sono lunghi, il che è importante quando devi farlo aderire alla canna. Inoltre, è uno di quelli che mantiene meglio l’umidità e le piante prenderanno subito piede.
  • Rete metallica. Larghezza da 60 a 90 cm. La rete può essere di plastica o utilizzata per realizzare zanzariere. Cerca di avere filo flessibile, corda e tronchesi a portata di mano.
  • Altri accessori: guanti, vaso, pianta e terra.

Procedimento

Per prima cosa, indossare i guanti da lavoro per evitare possibili lesioni. Poi, disporre tutti i materiali per averli a portata di mano.

Ti daremo due opzioni di montaggio in modo che tu possa scegliere quella che ti piace di più. Per prima cosa immergi il muschio per circa 10 minuti in acqua tiepida per idratarlo. Nel frattempo tagliate la rete larga circa 25 cm.

Per la prima opzione, arrotolare la rete e fissarla con i lacci del filo. Scolate il muschio e mettetelo all’interno del cilindro che vi è rimasto una volta che avrete finito di arrotolare la rete. Man mano che aggiungi il muschio, con l’aiuto della canna, spingilo verso il basso in modo che si compatti bene.

Poi, quando li avrai già riempiti, mettilo in una pentola accanto alla canna o al bastoncino di legno. Metti la pianta e riempila con un buon terriccio umido, facendo in modo che il rotolo, la guida e la pianta rimangano ben saldi. Se lo desideri, puoi attaccare il gambo della pianta alla canna finché non acquisisce forza e stabilità.

Muschio di sfagno per tutor delle piante.
Il muschio è un’opzione naturale per il tutore per le piante rampicanti.

Nella seconda opzione faremo aderire il muschio già idratato al bastoncino o alla canna. Per fare questo, prima lega una corda alla punta del bastoncino che sarà rivolta verso l’alto. Quindi, prendi piccole quantità di muschio, scolalo e mettilo sul bastoncino, esercitando una pressione su di esso.

Prima di aggiungere nuovamente il muschio, circonda il muschio che hai già posizionato con il filo che avevi originariamente attaccato al bastoncino. Eseguire questa procedura fino a coprire l’intera canna.

Per finire, taglia il filo in eccesso e metti la pianta nel vaso. Per fare ciò, segui gli stessi passaggi della prima opzione.

L’importanza di un tutore muschiato per le piante rampicanti

Il tutore muschiato per le piante rampicanti è essenziale affinché le piante non perdano umidità e rimangano in posizione verticale. Entrambe le opzioni funzionano molto bene e hanno dato ottimi risultati.

Così, le tue piante rampicanti cresceranno sane e forti.

Potrebbe interessarti ...
Quali sono i benefici dell’acido borico per le piante?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Quali sono i benefici dell’acido borico per le piante?

Scopri quali sono i benefici dell'acido borico per le piante. Imparerai un modo semplice ed economico per prenderti cura delle tue colture.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.