Come superare il lutto?

27 febbraio 2016
Nonostante sia il tempo a guarire tutte le ferite, è necessario proiettarsi al futuro e fare in modo che la situazione non ci impedisca di andare avanti

Il lutto è quella sensazione di dolore che qualsiasi persona proverà dopo una perdita importante nella sua vita. I casi più difficili da affrontare sono quelli che si riferiscono a familiari ed amici intimi.

Tuttavia, si possono presentare situazioni di sconforto per la perdita di un animale domestico o di qualcuno molto importante per noi e a cui eravamo molto affezionati.

In questo articolo vi diamo alcuni consigli che vi possono aiutare a superare questi periodi. Certamente nessuno potrà evitarvi di provare dolore, ma, per lo meno, lo si può alleggerire.

Il lutto e le cose in sospeso

Uno degli aspetti più dolorosi del perdere qualcuno è il pensiero ricorrente di quello che non gli possiamo dire o, meglio ancora, di quello che gli abbiamo detto e che vorremmo cancellare.

Rimangono sempre cose in sospeso, eccetto, a volte, nei casi di morte come conseguenza di lunghi periodi di dolore.

Questi pensieri che si ripetono senza sosta sono molto dannosi giacché, oltre a bloccare ed impedire di andare avanti, possono anche ripercuotersi con il tempo sulla salute.

Molte malattie sono collegate a traumi emotivi. Questo non significa che ne siano la causa, bensì che abbiamo la predisposizione a soffrire in una situazione che ha totalmente alterato il nostro organismo, facilitando la manifestazione del dolore.

Per questo motivo, è fondamentale poter sopportare queste situazioni nel miglior modo possibile.

Leggete anche: Due tipi di dolore: quello che ferisce e quello che cambia 

ragazza a lutto

Una lettera di sollievo

Un modo molto semplice per alleviare i sentimenti di colpa e rimorso che portiamo dentro, consiste nello scrivere alla persona che se n’è andata una lettera dicendole tutto quello che era rimasto in sospeso.

Dovete farlo da soli e senza fretta, prendendovi tutto il tempo necessario, giacché può far scaturire emozioni rimaste nascoste dentro di voi.

Una volta che la lettera è stata scritta, dovreste bruciarla, sempre con i metodi di precauzione adeguati. Potete farlo in una data ben precisa e speciale o proprio quando l’avete terminata. L’importante è non far passare troppo tempo, affinché non si senta la sensazione che tutto ciò è stato già detto e risolto.

ragazza che scrive

Circondatevi di energia positiva

Anche se sicuramente sentirete la necessità di trovarvi in un luogo isolato, questo non deve essere un motivo che vi impedisca di incorporare alle vostre abitudini giornaliere rimedi che possano contrastare, in modo graduale, questi sentimenti di dolore, tristezza sofferenza, depressione, ecc.

Ve ne suggeriamo alcuni:

  • Circondatevi di piante e fiori come il potos che, per esempio, purifica l’aria e si può anche tenere nella camera da letto.
  • Scegliete colori allegri per i vostri capi di abbigliamento e per arredare le stanze, soprattutto per quanto riguarda i luoghi che vi ricordano la persona che se n’è andata.
  • Profumate la casa con oli speciali per tirarvi su il morale: agrumi, basilico, cipresso, issopo, maggiorana, mirra e sandalo.
soggiorno

Ricorrete alle essenze profumate

I fiori di Bach sono alcune delle essenze naturali che vi aiutano ad affrontare i disturbi emotivi in modo naturale e senza alterare il vostro comportamento con la forza, ma essendo un leggero aiuto che la persona sofferente può notare con molto sollievo.

Leggete anche: Fiori di Bach per le persone sotto pressione

Gli stadi di sofferenza sono alcuni dei momenti in cui questi rimedi funzionano in modo più efficace. Non hanno controindicazioni né effetti collaterali e pertanto possono essere assunti da bambini, anziani, donne incinte o persone malate che fanno uso di medicinali.

Di seguito vi indichiamo i fiori più adeguati:

Il rimedio d’emergenza

Si consiglia il rimedio d’emergenza in caso di morti o subito dopo, nella fase più critica, in momenti di nervosismo, ansia, perdita di autocontrollo e disperazione.

Ornithogalum umbellatum

Conosciuta come stella di Betlemme, è il fiore del lutto, ideale contro uno shock improvviso. La si può assumere persino per anni se si capisce che un evento passato ci segna ancora e non l’abbiamo superato.

Agrifoglio

L’agrifoglio è molto efficace quando si sente molta rabbia e si è adirati per quello che è successo.

Salix vitellina

Potete ricorrere al salice giallo quando avete un risentimento, un’amarezza che portate dentro o anche quando provate invidia nel vedere persone felici.

Calluna vulgaris

Grazie ad esso, potete superare la paura della solitudine dopo aver perso qualcuno al quale eravate molto affezionati, in sostanza, quando eravate completamente dipendenti da questa persona.

Mimolo giallo

Potete utilizzarlo quando avete paure della morte, delle malattie, della solitudine e in caso di problemi economici.

Caprifoglio comune

Il caprifoglio vi aiuta a immettervi nel presente quando continuate a vivere nel passato.

Guarda anche