Come trattare i duroni in modo naturale

· 25 ottobre 2014
Per ammorbidire i calli, fate un pediluvio con la camomilla. Successivamente, per idratare, applicate della vasellina nella zona interessata e indossate delle calze di cotone, per potenziarne l'effetto.

I duroni sono davvero molto dolorosi e non solo impediscono di camminare bene, ma anche di realizzare le attività giornaliere. Nella maggior parte dei casi, i duroni appaiono per mancanza di cura dei piedi, una parte così essenziale del nostro corpo, ma che purtroppo spesso non riceve l’attenzione che merita. In questo articolo potrete conoscere alcuni consigli per trattare i duroni in modo naturale. 

Duroni: cosa sapere

Per prima cosa bisogna sapere che i duroni compaiono come risposta naturale del corpo in quanto protezione ad una pressione o frizione reiterata nella zona, soprattutto a causa di scarpe inadatte. I duroni possono comparire anche nelle mani, se si utilizza per troppo tempo sempre lo stesso strumento, ad esempio. Tuttavia, quelli che compaiono nei piedi sono più fastidiosi e dolorosi, perché impediscono di camminare con normalità, mettersi certi tipi di scarpe, etc.

Bisogna evitare la confusione tra duroni e calli. Questi ultimi sono delle formazioni cornee con un nucleo centrale di cheratina indurita che fa male se si fa pressione; appaiono nelle articolazioni delle dita e sulla pianta del piede. I duroni sono più grandi (di solito possono essere launghi circa 2,5 cm), presentano un grosso strato di pelle morta e appaiono accanto all’alluce o sotto il tallone. Sia i calli che i duroni possono essere trattati nello stesso modo, con gli stessi rimedi naturali.

piedi

Rimedi naturali per i duroni

  • Raschiateli delicatamente con una pietra pomice dopo aver fatto il bagno, con la pelle pulita ed asciutta. Dopo, sfregate con una cipolla cruda tagliata a metà ed infine, versate alcune gocce di tintura di arnica.
  • Mettete sul durone uno spicchio d’aglio ben tritato e possibilmente mescolato con dell’olio d’oliva. Questo renderà più morbida la pelle e ridurrà sempre di più il durone. Coprite con un panno e lasciate agire tutta la notte.
  • Preparate un composto tritando 5 o 6 aspirine e mescolatele con un cucchiaio di succo di limone e uno di acqua. Collocatelo sul durone ed avvolgete con un asciugamano caldo per 10 minuti. Il calore permetterà al composto di penetrare nella pelle e renderla più morbida. In seguito, passate la pietra pomice per eliminare con maggiore facilità la pelle morta.

piedi3

  • Fate marinare per 24 ore delle foglie di porro con un goccio di aceto di vino. Applicate sul durone per 20 minuti. In seguito non dovrete far altro che estirparlo con delicatezza usando uno strumento adatto, tagliente e previamente disinfettato con alcol.
  • Applicate diverse volte al giorno una pomata che includa petali di calendula che possa agire come antinfiammatorio ed affinché il tessuto diventi più morbido.
  • Tenete ammollo i piedi per 10 minuti in un infuso realizzato con quattro cucchiai di camomilla in un litro d’acqua. L’acqua deve essere tiepida e dovete lasciare i piedi immersi fino a quando l’acqua non si sarà raffreddata. In seguito, applicate uno strato di vasellina sul durone e copritelo con calze di cotone.
  • Inzuppate molliche di pane in dell‘aceto di mele e lasciate riposare per alcuni giorni. Per tre notti di seguito, applicate queste molliche come impiastro sul durone, coprendole con un fazzoletto. Prima di farlo, dovete immergere i piedi in un recipiente con acqua tiepida per rendere più morbido il durone, in modo che sia più facile eliminarlo.

piedi2

  • Tagliate un fico fresco ed estraetene la polpa. Collocatela sul durone prima di andare a dormire e mantenetelo lì con una garza, un panno o del cotone. La mattina rimuovete il tutto con acqua tiepida quasi calda. Lasciate passare mezz’ora ed eliminate la pelle morta con la pietra pomice.
  • Lavate e tritate 40 grammi di foglie di spinaci, mettetele in una garza ed applicatela sull’area interessata a mo’ di impiastro. Lasciate agire per 20 minuti e rimuovete. Ripetete il trattamento per diversi giorni (circa una settimana), fino a quando iniziate a sentire che il durone è più morbido.
  • Tritate un pugno di foglie di sempreviva fino ad ottenere una “pasta” a cui aggiungere un cucchiaio di aceto di mele. Collocatelo sulle zone secche della pelle; lasciate seccare e passate la pietra pomice.
  • Bagnate i piedi in acqua tiepida per 10 minuti (fino a quando non si raffreddi). Con i piedi ancora umidi, passate una pasta ottenuta unendo un cucchiaio di bicarbonato di sodio e acqua. Effettuate un massaggio, esercitando un po’ di pressione, in modo da eliminare il durone. Concludete passando la pietra pomice.

piedi

  • Sbucciate un ananas e mettete una rondella della buccia di questo frutto attorno al durone, la parte morbida deve toccare la pelle. Tenetela ferma con una benda. Lasciate agire tutta la notte e la mattina lasciate i piedi ammollo per 10 minuti. Ripetete diverse volte fino a togliere con facilità il durone. Avrete bisogno almeno di quattro applicazioni.
  • Mescolate un cucchiaio di aceto di mele con 1/8 di tazza di olio e sfregate con vigore il durone. In seguito, passate la pietra pomice e concludete con un massaggio di olio di mandorle.
  • Ogni giorno, per almeno due settimane, sfregate dell’olio di ricino sul durone; in seguito, collocate un pezzo di buccia di limone e una rondella di pomodoro crudo. Coprite con una benda. I succhi di questi ingredienti renderanno più morbido il durone.
  • Tritate uno spicchio d’aglio con un cucchiaio di edera, fino ad ottenerne il succo. Impregnatevi una garza ed applicatela direttamente sul durone. Coprite con un panno e lasciate agire tutta la notte. Ripetete il trattamento ogni giorno fino a quando la pelle sarà più morbida.
  • Munitevi di foglie e fiori di ortica e lavateli bene. Tritateli fino ad ottenere una “pasta” da applicare sul durone. Per rendere il tutto più semplice, passateli in un frullatore con un po’ di acqua. Un’altra opzione interessante sono le foglie ed i fiori di calendula.
Guarda anche