Usi dell’olio di ricino

25 ottobre 2014
Essendo il ricino una pianta tossica, bisogna assumere l'olio di ricino con moderazione. L'uso topico è indicato per trattare scottature solari e altri problemi. L'uso eccessivo di questo prodotto può provocare irritazioni.

L’olio di ricino è un prodotto molto utilizzato in diversi campi, tra cui la cosmetica. Continuate a leggere per scoprire i grandi benefici che potete trarre da questo prodotto.

L’origine dell’olio di ricino e i suoi diversi usi

L’olio di ricino si estrae dai semi di una pianta chiamata Ricinus communis, coltivata in zone dal clima tropicale. Questo liquido si usa principalmente a livello industriale per la produzione di pitture, coloranti e vernici, come componente combustibile e per la produzione di cosmetici e di trattamenti capillari. Questi ultimi settori, infatti, sfruttano i suoi numerosi benefici per i problemi della pelle e la caduta dei capelli. Anche se ha bisogno di essere sottoposto a un particolare processo prima di poter sfruttare le sue proprietà medicinali, la sua composizione è davvero unica e ci permette di utilizzarlo in diversi modi.

L’olio di ricino per la pelle

Questo olio rappresenta un rimedio eccellente per trattare alcune malattie dermatologiche e aiutarci a migliorare l’aspetto della pelle: per questo, infatti, è utilizzato in molte creme di bellezza. Grazie alla sua composizione e alle sue caratteristiche, è presente tra gli ingredienti di molti saponi, fragranze e prodotti farmaceutici.

I problemi della pelle più comuni che possono essere trattati con questo rimedio naturale sono le ustioni causate dall’esposizione al sole, l’acne e i funghi. È molto utile per accelerare il processo di cicatrizzazione delle ferite, visto che ha effetti disinfettanti e curativi. Tuttavia, se utilizzato in quantità eccessive potrebbe provocare irritazioni nelle pelli più sensibili. Per evitare questi effetti indesiderati, applicatelo sempre in piccole quantità e ricordatevi di chiedere al vostro medico se esistono delle controindicazioni nel vostro caso specifico.

Chi desidera fermare il tempo e sfoggiare dei capelli sempre folti può utilizzarlo per aumentarne la crescita; inoltre, all’interno delle creme per il viso previene la comparsa delle rughe, idratando la pelle e dandole un aspetto più giovane e in salute. Combinato con altri oli vegetali, poi, viene utilizzato per trattare i capelli grassi, secchi o la forfora, visto che migliora considerevolmente questi problemi.

Aiutare il corpo dall’interno

Artrite1

Grazie alle sue importanti proprietà, l’olio di ricino viene utilizzato anche in diversi trattamenti per l’artrite, l’artrosi e i dolori alle articolazioni. Prima di consumare qualsiasi prodotto che lo contenga, però, chiedete consiglio al vostro medico perché faccia i controlli necessari e vi indichi le quantità adeguate che potete prendere, oltre a informarvi di eventuali incompatibilità con le medicine che state già prendendo.

Nell’industria farmaceutica è conosciuto soprattutto come rimedio contro il raffreddore e la stitichezza. Sin dall’antichità, infatti, veniva utilizzato come lassativo naturale. Tuttavia, bisogna fare attenzione alle dosi che ingeriamo, perché potrebbe causare effetti contrari a quelli desiderati.

Cose da non dimenticare

L’olio di ricino deve essere usato con precauzione e facendo molta attenzione, visto che i semi da cui viene estratta questa sostanza sono velenosi e pericolosi per la salute. Dovete quindi verificare che sia stato elaborato nel modo corretto attraverso un processo industriale, per assicurarvi che abbia effetti davvero benefici.

Guarda anche