10 consigli per affrontare la pensione in modo positivo

Per vivere la pensione in modo positivo, è necessario smetterla di associarla alla connotazione negativa della vecchiaia e all'idea che valiamo solo quando produciamo denaro.
10 consigli per affrontare la pensione in modo positivo
Maria Fatima Seppi Vinuales

Scritto e verificato da la psicologa Maria Fatima Seppi Vinuales.

Ultimo aggiornamento: 17 novembre, 2022

Molte persone tendono a vivere la pensione in modo negativo, poiché la associano alla vecchiaia, alla passività e alla noia per mancanza di progetti. Questo, se riduciamo la produttività al suo costo economico. Tuttavia, è possibile affrontare la pensione in modo positivo.

È la chiusura di una tappa per lasciare il posto ad una diversa e nuova, in cui il divertimento e la possibilità di avere più tempo libero sono al centro della scena. Vediamo, allora, come ridefinire questo momento della vita.

La pensione è una fase con le sue sfumature

Prima di tutto, è importante distinguere tra pensionamento e invecchiamento. Forse per questo viene vissuta anche come una situazione tanto temuta.

Pensionamento significa smettere di svolgere l’attività lavorativa obbligatoria. Naturalmente, questo dipenderà molto dalle condizioni di lavoro di ogni persona. Coloro che hanno un’attività in proprio possono continuare con essa, così come la giornata lavorativa quotidiana può essere ridotta, tra le altre opzioni.

Anche se non tutti siamo nelle stesse condizioni, è vero che oggi l’invecchiamento è successivo e viviamo con una qualità diversa. Per questo motivo, la pensione può essere la porta per concedersi del tempo libero di qualità.

Allo stesso modo, è importante pensare che la pensione sia una nuova fase e devi riflettere per accettare che avrà i suoi alti e bassi. Vale a dire, ci saranno fasi del romanticismo, in cui saremo deliziati dal nostro tempo libero; mentre altre volte potremmo sentirci annoiati o già stanchi.

In generale, quando si va in pensione, si attraversano le seguenti fasi:

  1. Felicità.
  2. E adesso?
  3. Riorganizzazione e riorientamento.
  4. Stabilità.

Riconoscere le emozioni e le sfide di ciascuna di queste fasi consentirà di adattarle e affrontarle con maggiore successo, evitando di rimanere nel disincanto assoluto e trovando così un significato più stabile con un pensionamento positivo.

La donna in pensione ama ascoltare la musica.
Il divertimento trascende i problemi legati all’età, quindi invecchiare non deve essere sinonimo di smettere di fare le cose che ci piacciono.

Leggi anche: Invecchiare in salute: alcuni consigli

I migliori consigli per affrontare la pensione in modo positivo

Alcune delle chiavi per vivere una pensione positiva sono quelle che ti diremo di seguito. Forse non tutti si applicano alla tua vita, ma puoi scegliere quelli che ritieni più appropriati.

1. Lavorare sui propri pensieri e convinzioni

È necessario pensare a cosa si pensa di questa fase della vita, per darle un significato positivo e rimuovere i propri pregiudizi. Molte persone identificano il tempo libero e la ricreazione con la pigrizia e si sentono utili solo quando sono produttive e attive.

In questo senso, è fondamentale ripensare alcune idee. Soprattutto in questa società in cui siamo sempre incoraggiati a produrre e consumare.

2. Trovare un significato alle giornate

Qualunque attività tu scelga, dovrebbe essere interessante e propositiva. Questo ti permetterà di rimanere motivato.

3. È un buon momento per recuperare il tuo spazio e il tuo tempo, per esplorare e conoscere te stesso

Forse, per molti anni hai messo in attesa alcune idee o progetti, perché non sei riuscito a trovare un posto per loro nell’agenda. Tuttavia, questa fase della vita è un calcio per riconnetterti con te stesso a un ritmo diverso. Lascia il posto alla spontaneità e meno rigidità.

4. Interessi e hobby

La pensione non deve significare stare a casa tutto il giorno a guardare la TV. È possibile cercare attività che ci diano piacere, ci motivano e ci divertono.

Oggi le proposte sono tante: linguaggi, strumenti, arte, esercizio. Servono anche allo stesso modo per relazionarsi con nuove persone; in molti casi, in una situazione simile alla nostra.

5. Identificare obiettivi realistici e concreti

In relazione al punto precedente, si tratta anche di proporre obiettivi specifici e realizzabili. In modo tale da evitare di cadere nel sovraccarico o nell’abbandono.

6. Prepararsi per la pensione

È importante che, con un po’ di tempo, tu possa iniziare a pianificare il tuo pensionamento. In questo modo risparmierai soldi per vivere con maggiore tranquillità e permetterti determinate spese.

7. Rafforzare i rapporti interpersonali

Goditi le attività con la famiglia, fai progetti con i tuoi nipoti, esci con i tuoi amici.

8. Pensare a una routine piacevole e con un’altra velocità

La routine si organizza, ma non dovrebbe renderti schiavo. Cerca giorni per fare attività fisica, momenti di riposo e altri svaghi.

Uomo maggiore che si esercita.
L’esercizio al momento del pensionamento può essere una scoperta e un ricongiungimento con il corpo.

9. Progettare un nuovo futuro lavorativo

Andare in pensione non significa dover abbandonare completamente la propria attività professionale. Forse, puoi continuare a fare alcuni lavori, integrando il tuo tempo libero con il lavoro.

In questo momento della vita potresti avere un’altra solidità professionale; anche altri interessi, che consentono di accettare determinati tipi di lavoro e non altri. A volte ci sono persone che si dedicano alle loro professioni fallite, cioè ad altre scelte che avrebbero voluto sviluppare e scartate a un certo punto della loro età adulta.

10. Gruppi e volontariato

Molte volte, anche poter far parte di una ONG o svolgere attività comunitarie ci aiuta a riscoprire il nostro valore e a sentirci utili. Anche se da un altro punto di vista.

Ogni fase della vita è unica

È molto importante sapere che non tutte le persone raggiungono la pensione alle stesse condizioni. Ci sarà quindi chi avrà uno stato di salute migliore di altri o una posizione economica migliore. C’è anche chi è andato in pensione anticipatamente, senza cercarlo, per la chiusura della propria azienda.

In questo senso, devi permetterti di gestire le tue emozioni, poiché si tratta di passare da uno stadio all’altro. Sentire, pensare e addolorarsi per il nostro ruolo ci connette con la nostra nuova situazione e lavora sull’accettazione.

Altrimenti si corre il rischio di rimanere ancorati a un passato di nostalgia e rassegnazione. È importante fornire spazi che ci permettano di affrontare il cambio di scena, che possiamo pensare a noi stessi da altri ruoli, con tutti gli aspetti positivi che offre.

Alla ricerca di una vita più equilibrata, è necessario imparare a godere di ciò che ogni fase della vita ha da offrirci.

Potrebbe interessarti ...
Le donne sono più sedentarie dopo la pensione
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Le donne sono più sedentarie dopo la pensione

Sapevate che, secondo uno studio le donne sono più sedentarie dopo la pensione? Continuate a leggere per saperne di più in questo articolo.



  • García, A. J. M., & de Los Fayos, E. J. G. (2000). La preparación para la jubilación: Revisión de los factores psicológicos y sociales que inciden en un mejor ajuste emocional al final del desempeño laboral. Anales de Psicología/Annals of Psychology16(1), 87-99.
  • Guevara Estacio, María Emilia (2013). Preparación para la jubilación: diseño de un programa de acompañamiento psicológico. Visión Gerencial, (1),103-122.[fecha de Consulta 9 de Junio de 2022]. ISSN: 1317-8822. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=465545895003
  • Cabeza, Manuel Cuenca. (2009). Más allá del trabajo: el ocio de los jubilados. Revista Mal Estar e Subjetividade9(1), 13-42. Recuperado em 09 de junho de 2022, de http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1518-61482009000100002&lng=pt&tlng=es.
  • Chiesa, R., & Sarchielli, G. (2008). Prepararse para la jubilación: el papel del apoyo social en la gestión de la ansiedad. Revista de Psicología del Trabajo y de las Organizaciones24(3), 365-388.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.