Contusione delle costole: cause, sintomi e trattamento

La contusione delle costole non è un trauma grave, ma occorre fare attenzione alle complicazioni respiratorie.
Contusione delle costole: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 25 ottobre, 2021

La funzione principale delle costole è proteggere gli organi situati all’interno della gabbia toracica e nella parte superiore dell’addome. Tra i disturbi che possono colpire questa parte del corpo troviamo la contusione delle costole.

Le ossa umane sono composte da due tessuti con caratteristiche diverse: corticale e trabecolare. La regione trabecolare è più spugnosa e vascolarizzata ed è quindi più soggetta a lesioni.

In termini generali, le contusioni sono causate dalla rottura dei vasi sanguigni in una determinata area. Una contusione delle costole, dunque, non è altro che la rottura di alcuni vasi sanguigni nell’area trabecolare dell’osso, con formazione di un ematoma.

Come si riconosce una contusione delle costole?

I sintomi che accompagnano questo tipo di lesione non variano molto da quelli presentati in caso di frattura. Il sintomo caratteristico è il dolore nella zona interessata, che compare subito dopo il colpo.

Il dolore da contusione costale può durare 3-6 settimane e si intensifica con la respirazione. Altri sintomi comuni sono i seguenti:

  • Infiammazione nell’area della lesione.
  • Cambiamento nel colore della pelle o ematoma cutaneo.
  • Fiato corto.
  • Spasmi muscolari sul lato colpito.
  • Aumento del dolore quando si tossisce, si starnutisce o ci si muove.

Cause principali

Qualsiasi situazione che possa causare un danno toracico è in grado di generare una contusione delle costole. In questo senso, il trauma è la causa più frequente. Gli studi dimostrano, addirittura, che le lesioni da trauma sono una delle principali cause di morbilità e mortalità.

Affinché i vasi sanguigni si rompano, deve avvenire un trasferimento diretto di energia alla superficie ossea. Situazioni come incidenti stradali, cadute o sport di contatto sono tra le cause principali.

Esistono anche altre circostanze in grado di provocare una contusione delle costole, come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) o lo sforzo nel sollevare oggetti pesanti. Queste situazioni generano un aumento della pressione intratoracica e possono causare lesioni.

Fattori di rischio per la contusione delle costole

Alcune malattie e condizioni predispongono alla formazione di ematomi, nonostante non siano una causa diretta. Tra queste spiccano alcune malattie osteoarticolari, come l’osteoporosi, che indebolisce il tessuto osseo e lo rende più soggetto a rotture.

Le donne in gravidanza sono a maggior rischio di fratture costali e contusioni a causa dell’allargamento dell’utero. Gli studi dimostrano che anche il minimo colpo o un episodio di tosse può causare infortuni di questo tipo.

Come si effettua la diagnosi?

La diagnosi di una contusione alle costole parte dalla valutazione dei sintomi e un adeguato esame fisico da parte dello specialista. Il medico chiederà come si è verificato l’infortunio e i sintomi che sono comparsi.

Sarà inoltre necessario verificare che la respirazione non sia ostacolata. Lo specialista ispezionerà l’area in cui si è verificata la lesione alla ricerca di eventuali ematomi, alterazioni o segni clinici di interesse.

I sintomi di una contusione e di una frattura sono molto simili, quindi sarà necessario procedere ad una radiografia del torace.

Infine, potrebbero essere necessari altri esami, come una risonanza magnetica o una TC, per escludere la presenza di lesioni in altri organi e tessuti.

Trattamento

Le contusioni sono trattate in modo molto simile alle fratture costali e la chirurgia non è quasi mai necessaria. La parte non deve essere fasciata per evitare di ostacolare la respirazione aumentando il rischio di complicazioni polmonari.

Il riposo assoluto è una delle misure principali per favorire una corretta rigenerazione ossea. Nel caso in cui ciò sia impossibile, ridurre le attività quotidiane ed evitare movimenti bruschi di solito è più che sufficiente.

Il medico può anche indicare il consumo di farmaci analgesici e antinfiammatori come l’ibuprofene. Nei casi più gravi, si può iniettare un analgesico vicino alla zona lesa.

La fisioterapia respiratoria può essere utile per i pazienti con compromissione respiratoria. Gli esercizi mirati aiutano a ritrovare la capacità di espandere la gabbia toracica.

Fase di recupero e consigli

Una contusione delle costole non è un infortunio particolarmente grave e ha un tempo di recupero abbastanza rapido. L’osso dovrebbe guarire in un periodo non superiore alle 6 settimane, tuttavia, si può estendere fino a 8 settimane, a seconda dei casi.

I consigli da seguire non vanno oltre il riposo e l’assunzione di analgesici al bisogno. Tuttavia, misure per ridurre l’infiammazione e il dolore nell’area altrettanto utili sono:

  • Applicare ghiaccio per 10-20 minuti dove c’è dolore.
  • Evitare di fumare.
  • Dormire in posizione semi-seduta ed evitare di pesare sul lato colpito.
  • Non eseguire attività che generino dolore.

Contusione delle costole: merita sempre una visita dello specialista

Le contusioni costali sono lesioni che si presentano con sintomi molto simili a quella delle fratture e di solito hanno la stessa origine.

Tuttavia, sono traumi meno gravi, poiché non vi è una rottura completa dell’osso, quindi impiegano meno tempo per guarire. Si tratta comunque di una condizione da non sottovalutare, dal momento che il dolore che provoca può portare a insufficienza respiratoria.

Pertanto, quando si sospetta una contusione, è meglio andare dallo specialista per ricevere una diagnosi corretta e il trattamento più appropriato.

Potrebbe interessarti ...
Tendinite alla spalla: sintomi, cause e trattamento
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Tendinite alla spalla: sintomi, cause e trattamento

La tendinite alla spalla è la risposta infiammatoria a un uso intenso o ripetitivo del braccio. Categorie a rischio sono gli atleti e gli anziani.



  • Marro A, Chan V, Haas B, Ditkofsky N. Blunt chest trauma: classification and management. Emerg Radiol. 2019 Oct;26(5):557-566.
  • Baitner AC, Bernstein AD, Jazrawi AJ, Della Valle CJ, Jazrawi LM. Spontaneous rib fracture during pregnancy. A case report and review of the literature. Bull Hosp Jt Dis. 2000;59(3):163-5.
  • Dogrul BN, Kiliccalan I, Asci ES, Peker SC. Blunt trauma related chest wall and pulmonary injuries: An overview. Chin J Traumatol. 2020 Jun;23(3):125-138.
  • Martínez, Régulo José Ávila, et al. “Evolución y complicaciones del traumatismo torácico.” Archivos de bronconeumologia 49.5 (2013): 177-180.
  • Majercik S, Pieracci FM. Chest Wall Trauma. Thorac Surg Clin. 2017 May;27(2):113-121.
  • Senekjian L, Nirula R. Rib Fracture Fixation: Indications and Outcomes. Crit Care Clin. 2017 Jan;33(1):153-165.
  • Funakoshi T, Furushima K, Kusano H, Itoh Y, Miyamoto A, Horiuchi Y, Sugawara M, Itoh Y. First-Rib Stress Fracture in Overhead Throwing Athletes. J Bone Joint Surg Am. 2019 May 15;101(10):896-903.