Cos'è la drammaterapia e quali benefici ha?

Attraverso varie risorse espressive, la drammaterapia facilita la messa in scena di una situazione personale. L'obiettivo è trovare una soluzione o la possibilità di esprimere un disagio.
Cos'è la drammaterapia e quali benefici ha?
Maria Fatima Seppi Vinuales

Scritto e verificato da la psicologa Maria Fatima Seppi Vinuales.

Ultimo aggiornamento: 29 gennaio, 2023

La drammaterapia è una forma di terapia psicologica che consente di modificare il comportamento e gli aspetti della personalità al fine di migliorare il benessere mentale. Può essere applicata sia individualmente che in gruppo.

In particolare, permette di affrontare diverse situazioni, attraverso varie risorse teatrali, e il corpo è il principale mezzo espressivo. Comprende movimenti del corpo, improvvisazioni, giochi di ruolo, danza, tra gli altri. L’obiettivo è rafforzare la conoscenza di sé, la fiducia in se stessi e l’autostima.

Come viene eseguita? Quali altri vantaggi porta? Dal momento che non è così conosciuta come altre forme di terapia psicologica, esistono diversi dubbi a riguardo. In questo articolo vedremo in cosa consiste e come può essere implementata.

Come si mette in atto la drammaterapia?

La drammaterapia, creata da J. Levy Moreno nell’anno 1920, attraverso risorse di vario tipo, aiuta il paziente ad esprimere il proprio disagio emotivo, risolvere i conflitti o attivare un processo di cambiamento.

Utilizza tecniche diverse, ma si svolge quasi del tutto intorno a persone che rappresentano o mettono in scena una situazione, con l’orientamento o la guida del terapeuta. Sebbene la sua applicazione sia solitamente più frequente nella terapia di gruppo, può essere praticata anche individualmente.

Nel primo caso, oltre al regista, sono richiesti gli ausiliari (personaggi secondari che collaborano alla scena), un palcoscenico (luogo sicuro dove esprimersi con sicurezza) e il paziente o attore principale.

Di solito si compone delle seguenti fasi:

  • Riscaldamento. In questa fase, il terapeuta deve creare il giusto clima emotivo in modo che le persone si sentano a proprio agio e possano quindi esprimersi.
  • Drammatizzazione. Questa fase è il culmine della rappresentazione, poiché qui la persona designata come protagonista deve rappresentare il ruolo assegnato. Lo farà mettendo in scena la situazione nel modo in cui preferisce, attraverso i gesti, l’espressione orale, ecc. Se si tratta di un lavoro di gruppo, il resto dei personaggi collaborerà allo sviluppo della scena in modo che risulti molto vivida.
  • Feedback o condivisione. In questa fase si condividono le emozioni provate dal protagonista. Anche gli altri partecipanti devono esprimere come si sono sentiti e devono contribuire con la loro visione a dare un senso alla rappresentazione del protagonista.
Come si fa la drammaterapia?
La terapia drammatica può essere applicata individualmente o in gruppo. Possono essere utilizzati vari tipi di tecniche.

Principi di base della drammaterapia

Come principi elementari della drammaterapia è possibile citare la spontaneità e la filosofia del momento o “il qui e ora”.

  • Moreno affronta la spontaneità dal punto di vista creativo, a partire dalle soluzioni che possono nascere dalla capacità di esprimere i sentimenti, invece di lasciarli intrappolati.
  • La filosofia del momento presente, si riferisce al lavoro qui e ora; anche se possono essere presenti elementi del passato o del futuro, il lavoro viene svolto in un momento e in un tempo specifici.

Ora, sebbene la drammaterapia utilizzi la recitazione come risorsa principale, è importante notare che non sono equivalenti e che non è richiesta un’esperienza precedente. Si differenzia per le sue finalità terapeutiche, in quanto non si limita a una semplice messa in scena.

Alcuni usano la drammaterapia e lo psicodramma come sinonimi, poiché hanno alcuni aspetti in comune. Tuttavia, differiscono nel loro approccio. Mentre il primo affronta un problema o una situazione in modo indiretto e non reale, lo psicodramma si basa su situazioni concrete e reali e fa riferimento al protagonista della scena.

Scoprite anche: Intrattenere i bambini senza internet: ecco alcune idee

Benefici della drammaterapia

Oltre a facilitare l’espressione delle emozioni e la spontaneità – al di là del fatto che ci sia una situazione progettata – la drammaterapia presenta altri punti a favore. Vediamo quali sono.

1. Il paziente diventa protagonista attivo

Come molte altre terapie, la drammaterapia considera il ruolo proattivo della persona impegnata nel cambiamento. Anzi, in questo caso diventa più esplicito, perché comunque il paziente scelga di farlo, sta esprimendo il suo disagio o la sua preoccupazione.

2. La drammaterapia facilita la catarsi

Molte persone hanno difficoltà a esprimere le emozioni e sentimenti quando sono “se stesse”. Tuttavia, quando sentono di prendere le distanze dal problema e di poter impersonare un altro ruolo, trovano più facile farlo.

3. Acquisire una nuova visone dei fatti e nuove competenze

Quando avviene in un contesto di gruppo e gli altri esprimono la loro visione dei fatti, è possibile affrontare una situazione da un altro punto di vista. Questo ci permette di ampliare la nostra visione, di pensare a soluzioni creative e di prendere in considerazione dettagli che avevamo trascurato.

Allo stesso modo, possiamo anche liberarci di “vecchi ruoli” cristallizzati, che impediscono l’adattamento e risposte più funzionali e meno rigide.

Quali attività si possono svolgere in drammaterapia?

Nella drammaterapia si possono mettere in pratica diverse tecniche che favoriscono la libera espressione delle persone coinvolte. I più comuni sono quelli menzionati di seguito.

1. Mimo

Come indica il nome, il mimo utilizza la mimica, cioè la rappresentazione attraverso gesti o movimenti. Il linguaggio non verbale o del corpo diventa importante ed è una tecnica molto utile per chi ha difficoltà ad esprimersi con le parole.

2. Gioco di ruolo

In questo caso, l’obiettivo è che ogni persona che partecipa svolga un ruolo specifico.

3. Sdoppiamento

Un altro membro del gruppo rappresenta il protagonista e si comporta come se fosse lui. Quindi, esprime ciò che pensa che il protagonista sente e pensa. Questa tecnica, di tipo speculare, serve per vedere se stessi. È illuminante sui nostri comportamenti e sul modo in cui siamo visti all’esterno.

4. Inversione di ruolo

Lo scopo di questa tecnica è capire l’altro mettendosi nei suoi panni. L’indicazione per lo sviluppo della scena ha a che fare con la rappresentazione dell’altra persona, di come pensa, di cosa potrebbe provare e così via.

5. Soliloquio

In questo caso, il protagonista condivide con il pubblico tutto ciò che gli sta accadendo, i suoi pensieri e le sue emozioni. Può farlo parlando con il regista (il terapeuta), come se stesse parlando con se stesso o a un altro immaginario.

6. Maschere

drammaterapia
Le maschere facilitano l’espressione delle emozioni in chi è introverso o timido.

Spesso le persone si liberano quando possono essere ciò che non sono. A volte è sufficiente introdurre una variante come le maschere per consentire loro di recitare una situazione.

Ognuna di queste tecniche menzionate può essere applicata fin dall’infanzia. È possibile incorporare elementi come pupazzi, costumi, ecc.

Una terapia adatta a tutti

La drammaterapia è compatibile con altre linee teoriche; possono essere utilizzati contributi di psicoterapia sistemica, cognitiva, gestalt, ecc. La chiave per il suo utilizzo è che il terapeuta pianifichi cosa fare in base alle esigenze del paziente e, naturalmente, che insegni al paziente a padroneggiare le tecniche.

Questa forma di terapia può essere un’alternativa molto utile per lavorare su un problema specifico, o per sviluppare alcune capacità espressive ed emotive, soprattutto in persone molto timide o introverse.

Potrebbe interessarti ...
Parlare da soli: segno di buona salute mentale
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Parlare da soli: segno di buona salute mentale

Parlare da soli non è follia, al contrario! Il dialogo interiore ad alta voce è utile per svolgere compiti e ricordare qualcosa di importante.



  • Litwińska-Rączka, Katarzyna. (2018). Jacob Levy Moreno’s Psychodrama As a Work Technique For Treating Patients in Group and Individual Psychotherapy. Current Problems of Psychiatry. 19. 10.2478/cpp-2018-0019.
  • Espina Barrio, José Antonio. (2001). Integración del Psicodrama con otras líneas teóricas. Revista de la Asociación Española de Neuropsiquiatría, (77), 33-49. Recuperado en 10 de mayo de 2021, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0211-57352001000100004&lng=es&tlng=es.
  • Severino, G., Silva, W. S., & Silva Severino, M. F. (2016). Psicodrama: cuerpo, espacio y tiempo hacia la libertad creadora. Arteterapia. Papeles De Arteterapia Y educación artística Para La inclusión Social, 10, 139-151. https://doi.org/10.5209/rev_ARTE.2015.v10.51688.
  • Berghs M, Prick AJC, Vissers C, van Hooren S. Drama Therapy for Children and Adolescents with Psychosocial Problems: A Systemic Review on Effects, Means, Therapeutic Attitude, and Supposed Mechanisms of Change. Children (Basel). 2022 Sep 6;9(9):1358. doi: 10.3390/children9091358. PMID: 36138667; PMCID: PMC9497558.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.