Curiosità sui sogni che forse non conoscete

12 Settembre 2020
In questo articolo presentiamo 15 interessanti e divertenti curiosità sui sogni di cui forse non avete mai sentito parlare. Non perdetele!

Vi siete mai chiesti perché alcuni di noi sognano e altri no? O quanto dura davvero un sogno? In questo articolo presentiamo alcune curiosità sui sogni da conoscere.

15 curiosità sui sogni

Il mondo onirico non ha mai smesso di affascinarci e di incuriosirci. Ecco 15 curiosità sui sogni che vi lasceranno a bocca aperta.

1. Sogniamo tutti

Ragazza che dorme sorridente.
Sapevate che sogniamo tutti, ogni notte? Questo a eccezione di chi soffre di alcuni disturbi, tra cui il disturbo comportamentale in sonno REM.

Che si riesca a ricordare il sogno o meno, sogniamo tutti ogni notte. Mentre alcune persone sono capaci di ricordare uno, due o più sogni, altre non ci riescono.

Nota: chi soffre del disturbo comportamentale in sonno REM non sogna, ma l’incidenza di questo disturbo è molto rara.

2. Esiste un fenomeno chiamato paralisi del sonno

Non si tratta di un incubo, ma di una condizione che colpisce migliaia di persone in tutto il mondo. La paralisi del sonno impedisce di effettuare qualunque movimento volontario per un certo lasso di tempo, in genere nella fase tra lo stato di sonno e veglia.

Potrebbe interessarvi anche: Diabete e disturbi del sonno: relazione molto comune

3. Curiosità sui sogni: passiamo circa 6 anni della nostra vita sognando

Questo senza contare, chiaramente, i sogni a occhi aperti! Ogni notte sogniamo più volte, in cicli che vanno da 5 a 20 minuti. Se consideriamo l’aspettativa di vita attuale, possiamo concludere che trascorriamo quasi 6 anni della nostra vita sognando.

4. Dimentichiamo i sogni pochi minuti dopo il risveglio

I sogni, in genere, si dimenticano subito. Vi è mai capitato di provare a raccontare a qualcuno un sogno e di sentirlo svanire dalla mente? Ciò avviene perché il modo in cui elaboriamo le informazioni e le immagazziniamo nella nostra memoria differisce dal modo in cui la nostra mente sogna.

5. I sogni premonitori esistono?

Uomo che dorma sulla pancia e curiosità sui sogni.
I sogni premonitori ci mettono in allerta su situazioni che poi si avverano davvero. 

Non esiste una spiegazione scientifica sui sogni premonitori, ma si conoscono casi famosi:

  • Abraham Lincoln sognò il proprio assassinio.
  • Alcune persone sognarono la tragedia del Titanic.
  • Si dice che alcune tra le vittime dell’attacco alle Torri Gemelle avessero sognato una catastrofe.

6. Alcune invenzioni famosi sono state sognate

Proprio così: alcuni inventori hanno cambiato il corso della storia grazie alla loro intensa capacità di sognare. È il caso di Larry Page (padre di Google), di James Watson (scopritore della doppia spirale del DNA) e di Elias Howe (inventore della macchina da cucire).

7. I sogni delle donne e degli uomini sono spesso diversi

Alcune ricerche hanno scoperto che mentre le donne sognano soprattutto familiari e amici in situazioni quotidiane, gli uomini tendono a fare sogni più aggressivi, in cui prevale il contrasto con altri uomini.

8. Curiosità sui sogni: il nostro cervello non riposa di notte

Tendiamo ad associare il sonno a un momento di riposo e di pace perché immaginiamo che il nostro cervello si “spenga”. Tuttavia non è così: quando dormiamo, il cervello resta attivo e, proprio per questo motivo, genera sogni.

Leggete anche: Sonnambulismo: un curioso disturbo del sonno

9. Alcune persone sognano in bianco e nero

La maggior parte di noi sogna a colori, tranne alcune persone che, invece, sognano in bianco e nero. Può però capitare a tutti, in maniera sporadica, di sognare senza colori. A voi è mai successo?

10. La maggior parte di noi non è capace di leggere nel sogno

Ragazza che dorme.
Leggere l’ora o altro in un sogno è qualcosa che non tutti riescono a fare.

Avete mai sognato di leggere? O di svolgere un esame? Leggere un foglio in sogno non è affatto semplice e, di fatto, molte persone non riescono a farlo. Ecco spiegato tutti quei sogni in cui facciamo esami disastrosi. Lo stesso vale con la capacità di leggere l’ora.

11. Curiosità sui sogni: gli animali sognano?

Non è dimostrato (e riuscirci è molto complicato), tuttavia si pensa che anche gli animali sognino. Avete mai visto il cane muovere le zampe e guaire mentre dorme? A quanto pare questa è la spiegazione: sta sognando!

12. A volte è possibile guidare il sogni

I sogni lucidi sono situazioni in cui siamo coscienti di trovarci immersi nel mondo onirico e, in qualche modo, riusciamo a manipolare il contenuto del sogno a nostro piacimento.

13. Curiosità sui sogni: sogniamo più cose negative che positive

Non si conosce il motivo. Alcune ricerche sono giunte però alla conclusione che i sogni spiacevoli siano più frequenti di quelli piacevoli. Emozioni come l’ansia, la paura o la tristezza emergono più spesso rispetto alla felicità o l’amore.

14. Anche le persone non vedenti sognano

Non vedere non impedisce di sognare. Molte persone non vedenti sognano immagini, mentre alcune lo fanno attraverso gli altri sensi, come il tatto, l’olfatto o l’udito.

15. Sogniamo volti che abbiamo visto almeno una volta

Ora lo sapete: se sognate di essere inseguiti o attaccati da qualcuno e riuscite a distinguerne il viso, si tratta di una persona che già conoscete o che magari avete visto sull’autobus.

Vi hanno sorpreso queste curiosità sui sogni? Forse stasera, prima di addormentarvi, ricorderete qualcuna di queste informazioni. Sogni d’oro!

  • Martin Dresler, Stefan P. Koch, Renate Wehrle, Victor I. Spoormaker, Florian Holsboer, Axel Steiger, Philipp G. Sämann, Hellmuth Obrig, Michael Czisch; “Dreamed Movement Elicits Activation in the Sensorimotor Cortex”, Current Biology, 21, (1-5) November 8, 2011, DOI:10.1016/j.cub.2011.09.029
  • Empson, J. (2002). Sleep and dreaming (3rd ed.). New York: Palgrave/St. Martin’s Press. Hall, C., & Van de Castle, R. (1966). The Content Analysis of Dreams. New York: Appleton-Century-Crofts.
  • Schredl, M., Ciric, P., Götz, S., & Wittmann, L. (2004). Typical dreams: Stability and gender differences. The Journal of Psychology 138 (6): 485.