Dare sollievo alle gambe gonfie: 8 consigli

· 19 Dicembre 2018
La stimolazione della circolazione attraverso il massaggio e il consumo di alimenti diuretici possono aiutare a ridurre il fastidio delle gambe gonfie e i sintomi relazionati.

Dare sollievo alle gambe gonfie può essere necessario dopo aver realizzato uno sforzo fisico eccessivo, se si soffre di cattiva circolazione o di ritenzione dei liquidi. Quest’ultimo sintomo, che si riscontra soprattutto nelle donne, è descritto come una sensazione di pesantezza che a volte ostacola il movimento.

Spesso sfocia in episodi di dolore prolungato che diminuiscono solo con il riposo. Inoltre, può essere accompagnato da formicolio, intorpidimento e altri sintomi.

Se non si riesce a dare sollievo alle gambe gonfie si riduce notevolmente la qualità della vita. Come porre rimedio a questa situazione?

Anche se, nella maggior parte dei casi, il disturbo va via da sé senza bisogno di trattamento, esistono alcuni rimedi naturali per contrastarlo.

Di seguito vogliamo illustrarvi le cause principali che portano al gonfiore delle gambe e otto semplici consigli per accelerarne il recupero.

Quali sono le cause delle gambe gonfie?

Dare sollievo alle gambe gonfie

Questo problema si presenta principalmente quando la circolazione non fluisce in maniera ottimale nella parte inferiore del corpo.

La forza di gravità, oltre alla pressione causata dal peso, rende difficile il passaggio del sangue verso il cuore.

Anche la ritenzione dei liquidi è un’altra delle cause comuni, ed è provocata da difficoltà nel corretto funzionamento dei reni.

Questo disturbo di solito deriva da un eccessivo consumo di sodio, ma anche da altre malattie di diverso tipo. Cosa causa il gonfiore delle gambe?

  • Rimanere per molto tempo seduti o in piedi
  • La gravidanza
  • L’obesità o il sovrappeso
  • Assumere farmaci per il controllo del diabete o dell’ipertensione
  • Soffrire di insufficienza cardiaca o renale
  • Essere affetti da malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide
  • Usare calzature scomode (come quelle coi tacchi alti)
  • Condurre uno stile di vita sedentario
  • Subire colpi o traumi

Leggete anche: 6 sintomi di insufficienza cardiaca

Sintomi delle gambe gonfie

Le gambe gonfie sono caratterizzate da una infiammazione circoscritta nella zona delle ginocchia e dei polpacci.

D’altra parte, questo disturbo tende a scatenare una serie di altri sintomi fastidiosi la cui intensità varia a seconda della causa scatenante. I più comuni sono:

  • Sensazione di pesantezza e stanchezza delle gambe
  • Formicolio, prurito e crampi
  • Gambe arrossate e calde al tatto
  • Dolore che aumenta quando si fa qualche sforzo fisico
  • Comparsa di varici e capillari a vista

Consigli per dare sollievo alle gambe gonfie in maniera naturale

Quando le gambe gonfie sono il sintomo di qualche patologia, può essere necessario il ricorso a farmaci antinfiammatori e analgesici per porvi rimedio.

Ma, indipendentemente dalla causa, i seguenti consigli possono esservi utili per trattare il problema. Segnateveli!

1. Sollevare le gambe

Donna che solleva le gambe

Sollevare le gambe per alcuni minuti può aiutare a riattivare la circolazione sanguigna. Si facilita così il ritorno venoso.

Inoltre, questo semplice esercizio aiuta a rilassare i muscoli e scioglie la sensazione di tensione.

2. Usare scarpe comode

L’uso di scarpe comode e traspiranti può far diminuire il fenomeno delle gambe gonfie.

  • Per questo motivo, invece di usare scarpe col tacco o scarpe strette, l’ideale è utilizzare scarpe basse e della giusta taglia

3. Aumentare il consumo di acqua

Bere tra sei e otto bicchieri di acqua al giorno può dare sollievo alle gambe gonfie, regolando questi squilibri infiammatori che interessano la parte bassa del corpo.

Infatti, il liquido stimola il sistema linfatico e favorisce la corretta eliminazione dei liquidi in eccesso nei tessuti.

4. Fare docce fredde

Doccia fredda

Forse non tutti sanno che una delle migliori terapie naturali per alleviare il disturbo delle gambe gonfie è l’applicazione di acqua fredda.

  • Questa temperatura stimola il flusso sanguigno e previene complicazioni come le varici.
  • Inoltre rilassa i muscoli e riduce il dolore.

5. Assumere diuretici

Tutti gli alimenti diuretici, come l’ananas, il sedano o il carciofo sono perfetti per combattere la ritenzione di liquidi che interessa le gambe.

  • Per via delle loro capacità di stimolare le funzioni renali, fanno aumentare la produzione di urina e regolano i fluidi

6. Fare esercizio fisico

Come si sa, l’esercizio fisico comporta vari benefici nei riguardi dei disturbi infiammatori che producono limitazioni nei movimenti delle gambe.

In primo luogo, aiuta a combattere il sovrappeso, fattore scatenante dell’infiammazione.

  • In più combatte la ritenzione di liquidi e favorisce la circolazione

Scoprite: Come sapere se soffriamo di ritenzione idrica?

7. Sali di Epsom

Sali di Epsom

I bagni con sali di Epsom sono il rimedio classico per dare sollievo alle gambe gonfie.

  • Questi agiscono come rilassanti muscolari, diminuendo rigidità e tensione.
  • Inoltre, il leggero effetto analgesico calma il dolore e favorisce il riposo.

8. Fare massaggi

Praticare dei massaggi, meglio se con oli essenziali, stimola le funzioni linfatiche e circolatorie.

  • Questo favorisce il contenimento dell’infiammazione delle gambe e favorisce l’eliminazione delle tossine, liquidi e altri scarti che causano questo sintomo

Per finire, non dimenticate di consultare il medico se il gonfiore delle gambe persiste. A volte, anche se si seguono questi consigli, si possono generare complicazioni per via di disturbi più gravi non diagnosticati.

  • Gunderson, Craig G., and John J. Chang. “Risk of deep vein thrombosis in patients with cellulitis and erysipelas: a systematic review and meta-analysis.” Thrombosis research 132.3 (2013): 336-340.
  • Steichen, O., and C. Bachmeyer. “Pierna hinchada y roja.” EMC-Tratado de Medicina 22.2 (2018): 1-6.
  • Valencia, Cayo Martín. “Patologías dolorosas de brazos y piernas.” Natura Medicatrix: Revista médica para el estudio y difusión de las medicinas alternativas 20.3 (2002): 140-141.