Dente di leone: controindicazioni ed effetti collaterali

Nella maggior parte degli adulti sani, il consumo moderato di dente di leone è considerato sicuro. Tuttavia, la pianta non è esente da controindicazioni ed effetti collaterali. Scoprili in questo articolo.
Dente di leone: controindicazioni ed effetti collaterali

Ultimo aggiornamento: 04 settembre, 2022

Per la maggior parte delle persone sane, il dente di leone (Taraxacum officinale) è sicuro se assunto per via orale in quantità moderate. Tuttavia, come altre piante utilizzate per scopi medicinali, il dente di leone può mostrare diverse controindicazioni ed effetti collaterali.

La raccomandazione generale prima di consumare il dente di leone, sia in compresse, estratti o foglie, è di consultare un medico. Soprattutto se siamo in trattamento farmacologico o se abbiamo una patologia specifica. Vediamo nel dettaglio chi dovrebbe evitarne il consumo.

Cos’è il dente di leone?

Il tarassaco, il cui nome scientifico è Taraxacum officinale, è una pianta che viene utilizzata per scopi gastronomici e medicinali. Fa parte della famiglia delle Asteraceae e, secondo le informazioni pubblicate sull’American Journal of Botany, viene coltivata e prodotta prevalentemente in Bulgaria, Romania, Ungheria e Polonia.

Sebbene ad oggi non ci siano prove a sostegno del suo utilizzo come trattamento di prima linea contro le malattie, esistono ricerche con risultati interessanti sulle sue proprietà farmacologiche.

Dosaggio standard

In generale il dosaggio classico utilizzato per il dente di leone varia a seconda della forma in cui viene consumato. Nel caso della radice essiccata, il consumo standard è da 2 a 8 grammi da 2 a 3 volte al giorno. Da parte sua, l’estratto è di 250 milligrammi da 3 a 4 volte al giorno.

Allo stesso modo, è comune l’uso di infusi da 5 a 10 millilitri da 2 a 3 volte al giorno. Queste infusioni contengono tipicamente un rapporto 1:5 del 45% di alcol. Inoltre, secondo i dati dell’Enciclopedia degli alimenti di Precision Nutrition, una porzione da 55 grammi di foglie di tarassaco tritate contiene:

  • 25 calorie.
  • 1,5 grammi di proteine.
  • 0,4 grammi di grasso.
  • 5,1 grammi di carboidrati.
  • 1,9 grammi di fibra.
  • 0,4 grammi di zucchero.
  • Vitamina A, acido folico, vitamina K e vitamina C – nella sua forma grezza.
  • Calcio e potassio.

In generale, la pianta viene consumata in infusione e insalate. Tuttavia, è disponibile anche in estratti e integratori. Quest’ultimo deve essere assunto con cautela, sotto la supervisione del medico.

Tarassaco e suoi effetti collaterali
Il dente di leone è apprezzato per le sue proprietà nutritive. La ricerca suggerisce che ha un’attività farmacologica interessante.

Leggi anche: I 15 migliori diuretici naturali

Controindicazioni

Se usati nelle dosi corrette, sia la radice che le foglie di tarassaco sono generalmente sicure. Tuttavia, è importante conoscere alcuni casi in cui è controindicato. Le informazioni compilate dalla società americana WebMD indicano che tali casi includono:

  • Gravidanza e allattamento: non ci sono studi che rivelino informazioni sull’assunzione sicura del dente di leone in queste fasi. Pertanto, il suo consumo è sconsigliato.
  • Malattie della cistifellea : la radice di tarassaco è un potente stimolatore della secrezione e del flusso biliare. Per questo motivo il suo consumo è sconsigliato in soggetti con ostruzione delle vie biliari o patologie della colecisti, come i calcoli biliari.
  • Eczema: i pazienti con questa condizione della pelle sembrano avere maggiori probabilità di avere una reazione allergica al dente di leone. Per questo motivo, se si soffre di questo problema, è fondamentale consultare prima un medico prima di optare per il suo consumo.
  • Gastrite e ulcere gastriche : il dente di leone può causare un aumento della secrezione acida nello stomaco in alcune persone. Questo effetto è dannoso per i pazienti con infiammazione, erosione o ulcere gastriche, poiché peggiora il decorso della malattia e peggiora il dolore.
  • Disturbi emorragici: i pazienti con disturbi emorragici dovrebbero evitare il dente di leone perché può aumentare il rischio di lividi rallentando la coagulazione del sangue.

Ulteriori controindicazioni

  • Allergia all’ambrosia: avere un’allergia all’ambrosia e piante come margherite, camomilla o crisantemi ti avvisa di un possibile rischio di allergia al tarassaco. Sebbene ci siano informazioni contrastanti a riguardo, è meglio astenersi dal suo consumo e chiedere al proprio medico.
  • Insufficienza renale: il motivo è che può aumentare il rischio di complicanze renali perché diminuisce la quantità di ossalati che vengono rilasciati attraverso le urine.
  • Uso di farmaci: chiunque stia assumendo farmaci dovrebbe evitare il dente di leone a causa del rischio di interazioni. Secondo la fonte citata, può diminuire l’efficacia di ciprofloxacina, norfloxacina, litio, insulina e ipoglicemizzanti orali. Inoltre, può ridurre la velocità con cui il fegato scompone alcuni farmaci, aumentando il rischio di effetti collaterali.
effetti collaterali del dente di leone
Nella maggior parte degli adulti sani, un consumo moderato di tarassaco è benefico. Tuttavia, è una pianta che non è esente da controindicazioni.

Effetti collaterali del dente di leone

Gli effetti collaterali del dente di leone sono rari negli adulti sani che lo consumano moderatamente. Spesso si verificano a causa di un consumo eccessivo o perché la persona ha una reazione allergica alla pianta.

Secondo una pubblicazione nella National Library of Medicine, tali effetti includono diarrea e disturbi gastrointestinali, accompagnati da bruciore di stomaco, gas e dolore. Può anche causare allergie, con sintomi come prurito, occhi irritati, secchezza delle fauci o molta saliva. Altri effetti collaterali includono:

  • Male alla testa.
  • Disagio articolare e muscolare.
  • Palpitazioni.
  • Sudorazione e brividi.
  • Problemi di concentrazione.

Misure di prevenzione

Nella maggior parte dei casi, se i sintomi secondari vanno da lievi a moderati, è sufficiente smettere di consumare il dente di leone. Tuttavia, si dovrebbe essere consapevoli delle reazioni improvvise che influiscono sulla coscienza o causano stress respiratorio. In quest’ultimo caso, è necessario rivolgersi immediatamente a un medico.

Altri segni che avvertono di una maggiore gravità sono convulsioni, tachicardia, diminuzione della pressione sanguigna e vomito continuo.

Come evitare gli effetti collaterali del dente di leone?

Per evitare gli effetti collaterali del dente di leone, è importante rispettare la quantità consigliata. Non devono essere consumate più di 3 tazze di tè al giorno, ciascuna preparata con 1 cucchiaino (10 g) di pianta per tazza d’acqua. In caso di integratori, devono essere seguite rigorosamente le raccomandazioni del medico o del produttore.

Ad oggi non ci sono sufficienti informazioni scientifiche sulla dose sicura del dente di leone. Per questo motivo, il suo consumo dovrebbe essere moderato e occasionale. Inoltre, è importante tenere a mente le sue controindicazioni ed imparare a riconoscerne gli effetti collaterali.

Potrebbe interessarti ...
Erbe medicinali controindicate in gravidanza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Erbe medicinali controindicate in gravidanza

Lo sapevate che ci sono alcune erbe medicinali controindicate in gravidanza? Comunemente sono conosciute anche come piante abortive.



  • Brock, M. T. (2004). The potential for genetic assimilation of a native dandelion species, Taraxacum ceratophorum (Asteraceae), by the exotic congener T. officinale. American Journal of Botany, 91(5), 656–663. https://doi.org/10.3732/ajb.91.5.656
  • Wirngo FE, Lambert MN, Jeppesen PB. The Physiological Effects of Dandelion (Taraxacum Officinale) in Type 2 Diabetes. Rev Diabet Stud. 2016;13(2-3):113–131. doi:10.1900/RDS.2016.13.113
  • WebMD. (n.d.). Dandelion: Uses, Side Effects, Interactions, Dosage. Retrieved on April 3, 2020 from https://www.webmd.com/vitamins/ai/ingredientmono-706/dandelion
  • Dandelion. (2018). In: Drugs and Lactation Database (LactMed) [Internet]. Bethesda (MD): National Library of Medicine (US); 2006–.2018 Dec 3.PMID: 30000932 NBK501872