Diphenidol: cos’è e a cosa serve questo farmaco?

25 Febbraio 2020
L'indicazione terapeutica principale del diphenidol è la prevenzione e il controllo delle vertigini periferiche. Le vertigini periferiche compaiono nella malattia di Ménière, labirintite, ma anche in seguito a un'operazione all'orecchio medio o per colpa della cinetosi.

Il diphenidol è un farmaco antiemetico capace di ridurre il senso di vertigini e nausea. Agisce sull’apparato vestibolare tenendo sotto controllo la vertigine periferica.

Esercita il suo effetto antiemetico direttamente su specifici recettori del sistema nervoso centrale. Volete saperne di più?

In quali casi viene prescritto il diphenidol?

Uso del diphenidol e vertigini
Un medico può suggerire l’uso del diphenidol come trattamento di problemi come le vertigini. Allo stesso modo, è indicato in caso di nausea e vomito causati dalla chemioterapia.

L’indicazione principale di questo farmaco è la prevenzione e il controllo della vertigine periferica. Questo disturbo può comparire come conseguenza della sindrome di Ménière, della labirintite, di un’operazione chirurgica all’orecchio medio e della cinetosi.

La vertigine è una sensazione di movimento o di rotazione. Le persone che ne soffrono hanno la sensazione di girare su se stesse o di muoversi, ma anche che il mondo giri intorno a loro.

Le vertigini periferiche sono dovute a un problema nell’orecchio interno che controlla l’equilibrio. Può coinvolgere anche il nervo vestibolare, che è il nervo che collega l’orecchio interno e il tronco encefalico. Questo disturbo può essere causato anche da uno dei seguenti motivi:

  • Vertigine posturale benigna.
  • Medicinali come antibiotici aminoglicosidici, cisplatino, diuretici o salicilati.
  • Lesione, come un trauma cranico.
  • Infiammazione del nervo vestibolare.
  • Irritazione e gonfiore dell’orecchio interno, labirintite.
  • Sindrome di Ménière
  • Pressione nel nervo vestibolare, generalmente da tumore non canceroso, come meningioma o schwannoma.

Il diphenidol è indicato anche per la prevenzione e il controllo di nausea e vomito provocati da trattamenti di chemioterapia e radioterapia.

Come si assume questo medicinale?

Questo medicinale deve essere assunto con il cibo, per evitare o ridurre l’irritazione gastrointestinale che può causare. La dose negli adulti per il trattamento di vertigini, nausea e vomito è di una compressa ogni 4 ore, per tutto il tempo necessario.

In alcuni casi possono essere necessarie 2 compresse ogni 4 ore. La dose massima giornaliera di diphenidol è di 300 mg. Viene ben assorbito dallo stomaco e dall’intestino e raggiunge i livelli ematici massimi 1,5-3 ore dopo l’assunzione; viene eliminato con le urine.

Scoprite: Vertigine parossistica posizionale benigna

Controindicazioni e precauzioni del diphenidol

Diphenidol e insufficienza renale
I pazienti con insufficienza renale devono evitare questo farmaco, poiché può accumularsi e portare a complicanze.

Deve essere assunto con cautela dai pazienti con problemi ai reni perché, in questo caso, il diphenidol può accumularsi. Inoltre, questo farmaco è controindicato nei seguenti casi:

  • Ipersensibilità al principio attivo.
  • Malattia gastrointestinale ostruttiva.
  • Malattia ostruttiva del tratto urinario.
  • Insufficienza renale.
  • Glaucoma.
  • Ipotensione arteriosa.

Il suo uso non è raccomandato per il controllo della nausea e del vomito in gravidanza o nei bambini di età inferiore a sei mesi. La somministrazione endovenosa non è indicata nelle persone con precedenti di tachicardia sinusale. In questi pazienti, la somministrazione endovenosa di diphenidol può scatenare un infarto.

Reazioni avverse del diphenidol

A causa delle sue possibili reazioni avverse, il suo uso per via intramuscolare è limitato ai pazienti ospedalizzati. Queste reazioni includono allucinazioni visive, uditive, disorientamento e confusione e possono manifestarsi entro 3 giorni dall’inizio del trattamento. In genere, scompaiono spontaneamente se il trattamento viene sospeso.

L’incidenza di allucinazioni uditive e visive, disorientamento e confusione è molto bassa. Tuttavia, possono verificarsi sonnolenza, sovrastimolazione, depressione, disturbi del sonno, secchezza delle fauci, nausea, dispepsia e visione offuscata.

In casi più rari, possono apparire lievi vertigini, eruzioni cutanee, mal di testa o bruciore di stomaco. Potrebbe anche presentarsi anche una leggera e transitoria diminuzione della pressione sanguigna.

Leggete anche: Sintomi delle vertigini: quali sono?

Puoi interagire con altri farmaci?

L’effetto antiemetico del diphenidol può mascherare i segni di sovradosaggio di altri farmaci. Inoltre, può rendere difficile la diagnosi di altre condizioni come l’ostruzione intestinale.

Ha una debole azione centrale dell’agente anticolinergico, che è simile a quella prodotta nel trattamento con farmaci come atropina o scopolamina. Per questo motivo, non deve essere usato insieme a farmaci anticolinergici, poiché potrebbero indebolirne gli effetti.

Tuttavia, se somministrato insieme a farmaci depressivi del sistema nervoso centrale, gli effetti collaterali aumentano. Secondo prove scientifiche, il diphenidol può interagire con altri farmaci, in particolare quelli metabolizzati dall’idrolisi catalizzata da carbossilesterasi, CES.

Conclusioni

Il diphenidol è un farmaco che appartiene al gruppo farmacoterapeutico degli antagonisti muscarinici. Potrebbe essere prescritto in caso di necessità di un trattamento per le vertigini periferiche.

  • Jaiswal, N., Lambrecht, G., Mutschler, E., Tacke, R., & Malik, K. U. (1991). Pharmacological characterization of the vascular muscarinic receptors mediating relaxation and contraction in rabbit aorta. Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics.
  • Pan, W., Chen, X., Guo, M., Huang, Y., & Yao, S. (2007). A novel amperometric sensor for the detection of difenidol hydrochloride based on the modification of Ru(bpy)32+ on a glassy carbon electrode. Talanta. https://doi.org/10.1016/j.talanta.2007.04.034
  • Imeri, L., Bianchi, S., Angeli, P., & Mancia, M. (1994). Selective blockade of different brain stem muscarinic receptor subtypes: effects on the sleep-wake cycle. Brain Research. https://doi.org/10.1016/0006-8993(94)90176-7
  • Leung, Y. M., Wu, B. T., Chen, Y. C., Hung, C. H., & Chen, Y. W. (2010). Diphenidol inhibited sodium currents and produced spinal anesthesia. Neuropharmacology58(7), 1147–1152. https://doi.org/10.1016/j.neuropharm.2010.02.007