Diventare mamma a 35 anni: 6 vantaggi

17 aprile 2018
“Mamme nonne”, “mamme stanche”, ecco come sono chiamate di solito le madri in età avanzata. Ma forse non tutti sanno che hanno molti vantaggi rispetto alle mamme più giovani. Scoprite quali sono.

Diventare mamma a 35 anni non è facile. Con il tempo, la società ha costruito degli stereotipi intorno alle madri meno giovani, ad esempio che “hanno meno energia” e vengono spesso chiamate “mamme nonne” o “mamme stanche”.

Fino a qualche anno fa si considerava rischioso diventare madre dopo i 30 per via dell’avanzare dell’età e la salute del piccolo al momento del parto, meno nelle tappe successive della crescita.

Diventare mamma a 35 anni: una tendenza in aumento

Lo spostamento in avanti dell’età della prima maternità è un fenomeno che aumenta nei paesi industrializzati. Questa tendenza è la conseguenza di fattori come l’efficacia dei metodi anticoncezionali, la parità di genere e l’innalzamento del livello educativo delle donne.

Diventare mamma a 35 anni è associato ad aspetti economici. Per esempio, migliore inclusione nel mondo del lavoro e, dunque, una maggiore certezza economica, tra gli altri motivi.

Secondo i dati pubblicati dall’ISTAT relativi all’anno 2016, l’età della maternità in Italia è cresciuta leggermente rispetto all’anno precedente raggiungendo i 31,7 anni al momento del parto.

In definitiva, può essere vantagioso diventare mamma a 35 anni?

Cosa dicono gli studi più recenti?

Cosa dicono gli studi più recenti

Alcuni studi hanno definito come l’età più sicura per concepire un figlio quella compresa tra i 20 e i 35 anni. Meno di un anno fa la International Journal of Epidemiology ha pubblicato i risultati di un’indagine condotta sulle donne d’età superiore ai 35 anni e i loro figli.

I risultati sono stati sorprendenti. Si è scoperto che i figli delle donne tra i 35 e i 39 anni ottengono punteggi alti nelle prove di abilità cognitiva e verbale ottenendo punteggi superiori rispetto ai figli delle madri più giovani.

E allora perché i risultati erano diversi nei decenni scorsi? La differenza dipende da alcuni fattori come:

  • I bambini esaminati erano gli ultimi figli. Questa situazione implica che i più piccoli potevano ricevere meno attenzioni e cure mirate.
  • Condizioni economiche. Le famiglie con un numero maggiore di figli avevano di solito meno entrate economiche e opportunità. Per questo motivo non avevano accesso a un’alimentazione equilibrata e ai servizi sanitari. Tali carenze influenzavano negativamente sullo sviluppo dei bambini.

Se vi avvicinate ai 35 anni e state valutando l’idea di diventare mamme, vi consigliamo la lettura delle righe a seguire per sentirvi più sicure e informate per prendere decisioni consapevoli.

Consigliamo di leggere anche: La gravidanza: legame magico con un essere che già amiamo

Quali sono i vantaggi di diventare mamma a 35 anni?

1. Affrontare la maternità con maggiore sicurezza

Questo punto non significa che le madri giovani non siano in grado di svolgere il proprio ruolo con coscienza. Ma di certo a 35 anni le donne sono molto più consapevoli dei rischi legati alla gravidanza. Sono coscienti dell’importanza di prendersi cura di se stesse e, soprattutto, valutano e pianificano i possibili cambiamenti nella propria vita.

2. Maggiore stabilità economica

Maggiore stabilità economica

In genere, a 35 anni si conta su una maggiore affermazione accademica e professionale che genera una condizione economica consolidata. Come risultato, i genitori possono offrire più tempo e attenzioni ai propri figli.

3. Più esperienza

In fatto di maternità, l’esperienza non è mai troppa. Qualità come la comprensione, l’empatia e la pazienza permettono di affrontare in maniera positiva le sfide della maternità.

In più, il percorso di vita costellato di esperienze di diverso tipo aiuta a diventare un buon esempio per i figli.

Consigliamo di leggere: Madri: lasciatevi guidare dal vostro istinto

Stabilità emotiva

Con il passare degli anni impariamo a conoscerci meglio, cosa che risulta difficile quando si è più giovani. Impariamo a prendere decisioni, ad accettare i nostri errori, a essere resilienti e a sviluppare relazioni più stabili.

Questi presupposti arricchiscono l’educazione e la relazione con i figli. Di fatto, trasmettiamo loro maggiore stabilità emotiva. Sono le condizioni che favoriscono lo sviluppo di un ambiente psicologico più sano, più sicuro e forniscono un buon esempio per i nostri figli.

5. Aumenta la speranza di vita

Diversi studi dimostrano che le donne che partoriscono dopo i 33 anni raddoppiano le probabilità di vivere più a lungo rispetto a quelle che hanno avuto l’ultimo figlio a 29 anni. Questo significa avere maggiori occasioni per godersi i figli, anche se l’opinione comune dice il contrario.

6. Stile di vita più sano

Stile di vita sano

È più probabile che le persone d’età superiore ai 30 anni comprendano meglio le necessità del proprio corpo. In altre parole, è più probabile che prestino attenzione al proprio stato di salute. Questo implica seguire buone abitudini alimentari e fare sport.

Non sarà necessario stravolgere troppo le proprie abitudini quando deciderete di avere un bambino, perché il vostro stile di vita sarà già equilibrato e sano.

Conclusioni

In definitiva, la qualità di vita della madre e il numero di figli influisce direttamente sulla qualità del loro sviluppo.

Cosa ne pensate? Di certo, diventare mamma a 35 anni ha numerosi vantaggi, ma fate attenzione a non sottovalutare i rischi che comunque comporta portare avanti una gravidanza in età avanzata. Per questo motivo, vi suggeriamo di discutere dei vostri dubbi con uno specialista perché possa fornirvi le informazioni necessarie.

Guarda anche