Diventare mamma a 35 anni: 6 vantaggi

18 Dicembre 2020
Anche se una gravidanza a partire da questa età può comportare qualche rischio in più, in questa fase ci sono anche dei vantaggi sui quali non possono contare le madri più giovani.

Diventare mamma a 35 anni non è facile. Con il tempo, la società ha costruito degli stereotipi intorno alle madri meno giovani, ad esempio che “hanno meno energia” e vengono spesso chiamate “mamme nonne” o “mamme stanche”. Addirittura, fino a qualche anno fa si considerava rischioso diventare madre dopo i 30.

Il motivo stava nell’associazione tra l’avanzare dell’età e la salute del piccolo al momento del parto. Oggi questa convinzione è cambiata. Per questo, oggi vogliamo parlarvi di alcuni dei principali vantaggi di essere madre a 35 anni. Volete saperne di più?

Diventare mamma a 35 anni: una tendenza in aumento

Lo spostamento in avanti dell’età della prima maternità è un fenomeno che aumenta nei paesi industrializzati. Questa tendenza è la conseguenza di fattori come l’efficacia dei metodi anticoncezionali, la parità di genere e l’innalzamento del livello educativo delle donne.

Diventare mamma a 35 anni è associato ad aspetti economici. Per esempio, migliore inclusione nel mondo del lavoro e, dunque, una maggiore stabilità economica, tra gli altri motivi.

Secondo i dati pubblicati dall’ISTAT relativi all’anno 2016, l’età della maternità in Italia è cresciuta leggermente rispetto all’anno precedente raggiungendo i 31,7 anni al momento del parto.

Non nasciamo dalle stelle né dai fiori, bensì dal latte materno. Siamo sopravvissuti grazie alle compassione umana e alle cure delle nostre madri. Questa è la nostra natura principale.

Dalai Lama

Cosa dicono gli studi più recenti?

Alcuni studi hanno definito come l’età più sicura per concepire un figlio quella compresa tra i 20 e i 35 anni. Nel 2017, la Rivista specializzata in Epidemiologia, International Journal of Epidemiology, ha pubblicato i risultati di un’indagine condotta sulle donne d’età superiore ai 35 anni e i loro figli.

I risultati sono stati sorprendenti. Si è scoperto che i figli delle donne tra i 35 e i 39 anni ottengono punteggi alti nelle prove di abilità cognitiva e verbale ottenendo punteggi superiori rispetto ai figli delle madri più giovani.

Cosa dicono gli studi più recenti

E allora perché i risultati erano diversi nei decenni scorsi? La differenza dipende da alcuni fattori come:

  • I bambini esaminati erano gli ultimi figli. Questa situazione implica che i più piccoli potevano ricevere meno attenzioni e cure mirate.
  • Condizioni economiche. Le famiglie con un numero maggiore di figli avevano di solito meno entrate economiche e opportunità. Per questo motivo non avevano accesso a un’alimentazione equilibrata e ai servizi sanitari. Tali carenze influenzavano negativamente sullo sviluppo dei bambini.

Se vi avvicinate ai 35 anni e state valutando l’idea di diventare mamme, vi consigliamo la lettura delle righe a seguire per sentirvi più sicure e informate per prendere decisioni consapevoli.

Consigliamo di leggere anche: La gravidanza: legame magico con un essere che già amiamo

Quali sono i vantaggi di diventare mamma a 35 anni?

1. Affrontare la maternità con maggiore sicurezza

Questo punto non significa che le madri giovani non siano in grado di svolgere il proprio ruolo con coscienza. Ma di certo a 35 anni le donne sono molto più consapevoli dei rischi legati alla gravidanza.

Sono coscienti dell’importanza di prendersi cura di se stesse e, soprattutto, valutano e pianificano i possibili cambiamenti nella propria vita.

2. Maggiore stabilità economica

In genere, a 35 anni si conta su un più solida formazione e stabilità professionale che genera una condizione economica consolidata. Come risultato, i genitori possono offrire più tempo e attenzioni ai propri figli.

Maggiore stabilità economica

3. Più esperienza

In fatto di maternità, l’esperienza non è mai troppa. Qualità come la comprensione, l’empatia e la pazienza permettono di affrontare in maniera positiva le sfide della maternità.

In più, il percorso di vita costellato di esperienze di diverso tipo aiuta a diventare un buon esempio per i figli.

4. Maggiore stabilità emotiva

Con il passare degli anni impariamo a conoscerci meglio, cosa che risulta difficile quando si è più giovani. Impariamo a prendere decisioni, ad accettare i nostri errori, a essere resilienti e a sviluppare relazioni più stabili.

Questi presupposti arricchiscono l’educazione e la relazione con i figli. Di fatto, trasmettiamo loro maggiore stabilità emotiva. Sono le condizioni che favoriscono lo sviluppo di un ambiente psicologico più sano, più sicuro e forniscono un buon esempio per i nostri figli.

Stabilità emotiva della mamma

5. Diventare mamma a 35 anni aumenta la speranza di vita

Diversi studi dimostrano che le donne che partoriscono dopo i 33 anni raddoppiano le probabilità di vivere più a lungo rispetto a quelle che hanno avuto l’ultimo figlio a 29 anni. Questo significa avere maggiori occasioni per godersi i figli, anche se l’opinione comune dice il contrario.

Potrebbe interessarvi: Calmare il neonato che piange senza tregua

6. Stile di vita più sano

È più probabile che le persone al di sopra dei 30 anni comprendano meglio le necessità del proprio corpo. In altre parole, è più probabile che prestino attenzione al proprio stato di salute. Questo implica seguire buone abitudini alimentari e fare sport.

Non sarà necessario stravolgere troppo le proprie abitudini quando deciderete di avere un bambino, perché il vostro stile di vita sarà già equilibrato e sano.

diventare mamma e stile di vita sano

Perché diventare madre a 35 anni?

In definitiva, la qualità di vita della madre e il numero di figli influisce direttamente sulla qualità del loro sviluppo.

Cosa ne pensate? Di certo, diventare mamma a 35 anni ha numerosi vantaggi, ma fate attenzione a non sottovalutare i rischi che comunque comporta portare avanti una gravidanza in età avanzata.

Per questo motivo, vi suggeriamo di discutere dei vostri dubbi con uno specialista perché possa fornirvi le informazioni necessarie.

  • Bewley, S., Davies, M., & Braude, P. (2005). Which career first? BMJ, 331(7517), 588–589. Available at: https://doi.org/10.1136/bmj.331.7517.588. Accessed 27/04/2020.
  • Instituto Nacional de Estadística (2017). Movimiento Natural de la Población (Nacimientos, Defunciones y Matrimonios). Indicadores Demográficos Básicos. Año 2016. Datos provisionales. Available at: http://www.ine.es/prensa/mnp_2016_p.pdf. Accessed 27/04/2020.
  • Goisis, A., Schneider, D. C., & Myrskylä, M. (2017). The reversing association between advanced maternal age and child cognitive ability: evidence from three UK birth cohorts. International Journal of Epidemiology, 46(3), 850–859. Available at: https://doi.org/10.1093/ije/dyw354. Accessed 27/04/2020.
  • Mills, M., Rindfuss, R. R., McDonald, P., & te Velde, E. (2011). Why do people postpone parenthood? Reasons and social policy incentives. Human Reproduction Update, 17(6), 848–860. Available at: https://doi.org/10.1093/humupd/dmr026. Accessed 27/04/2020.
  • Sun, F., Sebastiani, P., Schupf, N., Bae, H., Andersen, S. L., McIntosh, A., Abel, H., Elo, I. T., & Perls, T. T. (2015). Extended maternal age at birth of last child and women’s longevity in the Long Life Family Study. Menopause, 22(1), 26–31. Available at: https://doi.org/10.1097/gme.0000000000000276. Accessed 27/04/2020.
  • Williams, L. M., Brown, K. J., Palmer, D., Liddell, B. J., Kemp, A. H., Olivieri, G., … Gordon, E. (2006). The Mellow Years?: Neural Basis of Improving Emotional Stability over Age. Journal of Neuroscience, 26(24), 6422–6430. Available at: https://doi.org/10.1523/jneurosci.0022-06.2006. Accessed 27/04/2020.