Effetti negativi dell'uso del microonde

Tra gli effetti negativi dell'utilizzo del microonde ci sono le possibili alterazioni della struttura chimica degli alimenti, che possono causare danni a lungo termine.
Effetti negativi dell'uso del microonde

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio, 2022

Sono stati condotti diversi studi circa gli effetti negativi dell’uso del microonde. Di questo elettrodomestico così diffuso nelle nostre case, si sospetta da tempo un impatto negativo sulla salute.

Secondo alcuni studi, ad esempio, riscaldare gli alimenti nel microonde riduce i livelli di vitamina B 12, abbatte i flavonoidi e gli enzimi nel latte materno, limitando il suo potere protettivo.

Vediamo quali sono gli effetti negativi dell’utilizzo del microonde e come proteggere la nostra salute.

Come funziona il microonde?

Utilizzo del microonde.

Senza dubbio, il microonde è un elettrodomestico pratico e utile. Permette di riscaldare il cibo in pochi minuti, è facile da usare, e fa risparmiare tempo ed energia poiché consuma meno elettricità rispetto al forno tradizionale.

Per quanto riguarda il suo funzionamento:

  • Utilizza una forma di energia elettromagnetica, che include le onde luminose, proprio come le onde radio.
  • Ogni microonde ha un magnetron, un tubo a vuoto in cui viene prodotta una frequenza di radiazione di circa 2450 Mhz.
  • La radiazione è ciò che interagisce con le molecole del cibo.
  • Le onde di energia in questo apparecchio cambiano la polarità da positiva a negativa ad ogni ciclo, cioè milioni di volte al secondo.
  • L’attrito molecolare produce calore.

3 effetti negativi dell’uso del microonde

1. Scottature

Sebbene si tratti di un evento raro, durante il riscaldamento di cibi liquidi si possono generare esplosioni.

Quando un alimento liquido viene fatto bollire nel microonde, può raggiungere la temperatura di ebollizione senza formare le tradizionali “bolle”. In questo modo non sempre ci rendiamo conto se l’acqua bolle o meno.

Occasionalmente il contenitore può scoppiare all’apertura dello sportello a causa del  cambiamento di temperatura causando ustioni da vapore o schizzi su mani, viso, collo, ecc.

È necessario prestare attenzione quando si riscalda l’acqua per preparare una tisana, caffè solubile o un mezzo liquido come brodo o latte.

2. Lisciviazione della plastica

uso del microonde
  • Alcuni contenitori, se sottoposti a riscaldamento, rilasciano sostanze chimiche come effetto della lisciviazione della plastica.
  • L’ingestione di queste sostanze può essere un potenziale cancerogeno.

Occorre prestare molta attenzione alla scelta dei contenitori, evitando quelli che non sono adatti al microonde. Per riscaldare piatti pronti, trasferite il cibo in un piatto di vetro o ceramica.

3. Effetti negativi delle microonde sugli alimenti

Come detto prima, tra gli effetti negativi dell’uso del microonde troviamo l’alterazione degli alimenti. Ciò comprende:

  • Riduzione dei livelli di vitamina B 12, importante per la formazione di nuove cellule e dei globuli rossi.
  • Distruzione quasi completa dei flavonoidi, sostanze antinfiammatorie e utili nella prevenzione del cancro.
  • Eliminazione degli enzimi nel latte materno e delle sue proprietà antibiotiche.
  • Produzione di sostanze potenzialmente cancerogene a partire dalla trasformazione delle molecole.
  • Disidratazione del cibo.
  • Riduzione della biocompatibilità dei suoi nutrienti (minerali e vitamine).
  • Perdita compresa tra il 60 e il 90% dell’energia negli alimenti.
  • Diminuzione del valore proteico e creazione di radicali liberi.
  • Alterazione o riduzione degli amminoacidi, che si trasformano in sostanze tossiche per l’organismo.

Conseguenze dell’uso del microonde sul corpo umano

  • Mangiare cibo riscaldato o cotto ogni giorno al microonde provoca danni cronici a lungo termine. Ciò è dovuto alle trasformazioni che subiscono i nutrienti negli alimenti.
  • Il corpo umano non ha la capacità di scomporre le sostanze “sconosciute” che si formano all’interno degli alimenti riscaldati con questa modalità.
  • La produzione di ormoni (femminili e maschili) viene disturbata o interrotta.
  • Il consumo di cibo preparato nel microonde aumenta il rischio di sviluppare tumori allo stomaco e all’intestino (motivo per cui i casi di cancro al colon sono così frequenti).
  • Indebolisce il sistema immunitario. A causa delle alterazioni causate nel plasma sanguigno e nei linfonodi.
  • Altera le funzioni cognitive del cervello. Provoca perdita di memoria, instabilità emotiva e mancanza di concentrazione.
  • L’uso del microonde è correlato a diverse malattie come il raffreddore o l’influenza.

Non riscaldare il latte materno

latte materno e formula.

Alcuni studi sugli effetti negativi del microonde hanno valutato il suo impatto sul latte materno. Secondo i pediatri, riscaldare il latte al microonde non è salutare e le madri dovrebbero evitare questa abitudine. Se è già vero che scaldare il latte sul fornello gli fa perdere parte dei nutrienti, con il microonde il danno è maggiore.

  • Questo perché, come detto sopra, le onde elettromagnetiche modificano la sua composizione.
  • Nel caso dei bambini, una possibile conseguenza è la tendenza ad ammalarsi più spesso, difese immunitarie meno efficienti, maggiore produzione di radicali liberi, ecc.

Effetti negativi di un uso costante del microonde

Occorre ricordare che gli effetti negativi dell’uso del microonde non sono immediati e non causano danni al corpo se lo utilizziamo in modo saltuario. Come sempre, è un utilizzo costante o eccessivo che causa i principali inconvenienti.

Per questo motivo, il consiglio è semplicemente di ridurre gradualmente l’uso di questo apparecchio, ricorrendovi quando necessario, per proteggere il valore degli alimenti e la salute.

This might interest you...
Forno a microonde: per quali cibi non è adatto?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Forno a microonde: per quali cibi non è adatto?

Anche se si tratta di un elettrodomestico molto utile, alcuni cibi possono perdere le loro proprietà benefiche se scaldati nel forno a microonde.

 



  • Breccia, A.; Fini, M.; González Rodríguez, M.L. (2003). Las microondas en los procesos químicosefectos en la síntesis química y en los análisis químicos. Ingeniería química. Nro. 407: 139-143.
  • Cuastumal Canacuan, H.; Valencia Murillo, B.; Lizeth Ordóñez Santos, L. (2016). Efectos de los tratamientos térmicos en la concentración de vitamina C y color superficial en tres frutas tropicales. Revista de Investigación Lasallista. Vol. 13 No. 1: 85-93.PROFECO. (2006). Hornos de microondas. Revista Del Consumidor.
  • Juan-García, A.; Gallego, C.; Font, G. (2015) Toxicidad del Bisfenol A: Revisión Revista de Toxicología, vol. 32, núm. 2, pp. 144-160
  • Quesada, O., Laura Arias, M., & Chaves, C. (2003). Efecto del horno de microondas sobre el crecimiento y sobrevivencia de Escherichia coli O157:H7 inoculada en tortas de carne de res. Archivos Latinoamericanos de Nutricion.