Essere più felici grazie alla saggezza giapponese

· 25 giugno 2017
Dobbiamo essere abbastanza saggi da aspettare il momento adeguato, oltre a lasciar andare ciò che non ci fa bene e non dimenticare che la felicità risiede nelle piccole cose  

La saggezza giapponese è apprezzata dal mondo occidentale. Forse perché la cultura, la filosofia e le radici della spiritualità di questo paese sono poco artificiose e puntano molto sull’individuo che sa vivere in armonia con la natura e con i suoi simili.

La cultura nipponica ci attrae anche perché ci spiega come superare le avversità e come trovare la felicità nella semplicità, nelle cose più basilari e nell’armonia tra la mente e la natura.

I giapponesi enfatizzano sul senso della convivenza che tanto ci attrae, che si basa  su un grande rispetto verso le generazioni anteriori, in cui l’umiltà di spirito favorisce la reciprocità, la convivenza più sana, piena di armonia in gran parte delle famiglie.

Siamo sicuri che questi insegnamenti basati sulla saggezza ancestrale possono esservi di grande aiuto e anche di ispirazione quotidiana.

Vi invitiamo a scoprirli e vi proponiamo di metterli in pratica.

Fare tutto il possibile e lasciare il resto al destino

“Fare tutto il possibile e lasciare il resto al destino” potrebbe sembrarci un consiglio un po’ enigmatico ma, in realtà, racchiude un grande proposito ed un’interessante verità.

Le persone non hanno il controllo assoluto su tutto ciò che capita loro né su ciò che potrebbe capitare. Tuttavia, abbiamo l’obbligo di orientare le nostre vite verso i nostri propositi, obbiettivi e desideri.

Nel destino, quella parte composta dall’inaspettato, abbiamo anche noi un posto.

Possiamo essere padroni di buona parte del nostro futuro ed è nostro obbligo forgiarlo in accordo alla nostra  essenza.

Leggete anche: Quando Cappuccetto Rosso affrontò le sue paure, indossò la pelle del lupo

Una parola gentile può riscaldare durante 3 lunghi mesi invernali

Parlare in modo gentile non costa nulla e può fare molto. Tuttavia, non sempre lo facciamo. Non abbiamo sempre tempo e volontà sufficiente per preoccuparci del benessere delle persone che ci circondano.

Facciamolo, facciamo uso di quel linguaggio positivo che dona ali e che fortifica ed intensifica una sana autostima. 

Se un problema ha una soluzione, smetti di preoccuparti

Se il problema ha una soluzione, preoccuparsene è inutile, alla fine il problema sarà risolto. Se il problema non ha soluzione, non c’è motivo di preoccuparsi, perché non può essere risolto.

L’accettazione è, senza dubbio, uno dei pilastri tradizionali della saggezza giapponese. La chiarezza mentale è accompagnata da adeguati approcci emotivi, che ci aiutano a comprendere che se qualcosa non ha soluzione, l’unica cosa da fare è voltare pagina e concentrare i propri pensieri ed energie su altro.

Leggete anche: È vero che l’amore non ha età?

Non fermate ciò che va via, non scacciate ciò che deve arrivare

A volte le persone si ossessionano nell’intento di cambiare l’ordine delle cose, smettendo di essere recettive con ciò che le circonda o cercando di fermare ciò che di per sé non va (relazioni, progetti…).

  • Ci sono cose che devono andare via perché tale è la legge della vita, perché quell’amicizia o quell’amore non hanno più significato e perché è necessario lasciar andare ciò che non ci arricchisce in quanto persone.   
  • Altre volte, invece, dovremmo essere capaci di intuire che le cose stanno cambiando e che altre nuove arriveranno e dobbiamo saperci adattare ad esse.

Cercare la risposta alle proprie domande prima che sia troppo tardi

I giapponesi sono sempre molto prudenti prima di prendere l’iniziativa. Questo si deve ad un fatto chiaro ed intelligente: capiscono che ogni cosa ha il suo momento e che l’ideale è sapere quand’è il momento più opportuno per fare o dire qualcosa.

Cosa vogliamo dire con questo? Vi consigliamo di non farvi scappare le opportunità ma, allo stesso tempo, di evitare di essere precipitosi e di non agire prima del tempo.

Ricordate, inoltre, che ci sono momenti per porsi delle domande e altri per trovare delle risposte. Momenti in cui rimanere fermi ed osservare e altri in cui è necessario agire.

Leggete anche: L’autoconoscenza può essere sinonimo di felicità

La fortuna arriva sempre nella casa di chi sorride

La fortuna è ben più rispetto che sorte. È la capacità di essere recettivi per lasciar arrivare le opportunità, i nuovi progetti, le migliori idee e quei regali che il destino ci fa o che noi stessi, con sforzi ed impegno, riusciamo ad ottenere.

Dobbiamo essere positivi. È necessario affrontare la vita con l’armonia che ci offrono le relazioni positive, la complicità della famiglia, i buoni amici e quella felicità del cuore in cui la nostra mente sa e capisce che tutto è possibile.

Per concludere, siamo sicuri che queste semplici proposte vitali vi avranno fatto riflettere.

La saggezza giapponese ha proprio questo scopo. Non cerca il cambiamento, bensì la riflessione sulla realtà propria di ogni individuo, affinché la possa creare tramite la bontà e l’umiltà.

Cosa ne dite di metterla in pratica?

Guarda anche