4 consigli per evitare che vostro figlio si succhi il pollice

Quando un bambino tra i 3 e i 4 anni continua a succhiarsi il pollice, è una cattiva abitudine che non bisogna sottovalutare e cercare di correggere. Basta dare tanto amore e armarsi di pazienza.

Spesso i genitori si preoccupano quando vedono che i loro bambini si mettono le dita in bocca. Ovviamente questa abitudine può essere causa di gravi problemi per la salute orale e non. Spesso, dunque, evitare che il proprio figlio si succhi il pollice diventa una vera e propria ossessione per i genitori.

Ancora prima della tenera foto con il bimbo che si succhia il pollice, ci sono milioni di ecografie che mostrano i feti che si portano le dita in bocca. Ciò non solo significa che questo è uno dei modi con cui il bambino conosce ed esplora il mondo che lo circonda, ma che si tratta anche di un comportamento normale. Prima di preoccuparvi, cerchiamo di capire perché lo fa. 

Dito o succhietto?

Il riflesso di suzione è assolutamente naturale nel bambino. Ne ha bisogno per sopravvivere. Succhiare sazia la fame e produce serenità e calma. Un bambino che viene allattato magari non ricorrerà al dito e non avrà bisogno del succhietto. Ha il petto della madre che lo alimenta e lo tranquillizza.

In ogni caso è normale che un bambino cominci ad introdurre una o più dita in bocca tra i 2 e i 6 mesi. Si tratta di una delle tappe dello sviluppo, uno dei modi grazie al quale il piccolo riesce a calmarsi e di fronte al quale molti genitori decidono sia meglio ricorrere al succhietto per evitare che si succhi il pollice.

Mamma con bambino e ciuccio

Non a torto si dice che, giunto il momento, sarà più semplice togliere il succhietto ad un bambino, dato che è impossibile privarli delle dita. Tuttavia, le conseguenze che prevedono l’uso del succhiotto o il ricorso al pollice a partire dai 2 anni, sono praticamente le stesse:

  • Malformazioni nella dentatura
  • Problemi di pronuncia
  • Possono nascondere disturbi emotivi più complessi

Come evitare che vostro figlio si succhi il pollice?

Così come è normale che un bambino cominci a mettersi le dita in bocca, è altrettanto frequente che superi tale tappa attorno ai 2 anni. Fondamentalmente non c’è nulla di cui preoccuparsi se vostro figlio si succhia il dito quando è così piccolo.

Quando il bambino arriva ai 3 o 4 anni e si succhia frequentemente il pollice, bisogna osservarlo e prestare attenzione alle ragioni che motivano tale atteggiamento. In tal modo sarà più facile trovare le migliori soluzioni per evitare che il piccolo si succhi il dito, prendendovi così cura della sua dentatura.

Leggete: Come eliminare la placca e migliorare la salute orale

Tuttavia, dato che non tutti i bambini sono uguali e che crescono a ritmi diversi, un buon indicatore del fatto che sia necessario prendere dei provvedimenti è quando sono già spuntati i denti anteriori e i canini. Se inoltre cominciate a percepire che i denti stanno cominciando a separarsi per lasciare spazio al dito, allora è proprio giunto il momento. Ecco di seguito 4 consigli fondamentali. 

1. Identificate cause e offrite opzioni

Se il vostro bambino si succhia il dito per conciliare il sonno, aiutatelo al momento di dormire. Accompagnatelo mentre dorme, raccontategli una storia, fatelo dormire con il suo giocattolo o peluche preferito invece di usare il dito.

Mamma che legge una storia alla figlia

Se il vostro bambino si succhia il pollice quando è stressato o ansioso, forse avete solo bisogno di parlare un po’ con lui, di abbracciarlo ed offrigli il conforto di cui ha bisogno per trovare la tranquillità e vincere la paura che lo turba.

Invece, se vostro figlio ricorre al dito quando è annoiato, è l’ora di accendere la creatività e di offrire distrazioni: fare un gioco, delle attività manuali, una passeggiata, ecc., potrebbero essere tutte cose che vostro figlio vi sta chiedendo quando si mette il dito in bocca.

2. Spiegate le conseguenze

A volte si ricorre a rimedi casalinghi o si corre a consultare uno specialista prima di sedersi a parlare con il bambino. Offritegli una spiegazione semplice del perché non è il caso che continui a succhiarsi il dito.

Vi sorprenderà la capacità che hanno i bambini di comprendere le spiegazioni che gli vengono date e di agire di conseguenza. Spiegategli che i loro denti possono storcersi, che ormai non è più un bambino piccolo e che è arrivato il momento di smettere di succhiarsi il pollice.

Evitate di ridicolizzarlo di fronte ad altre persone e ancor meno di sgridarlo o punirlo quando vedete che si mette il dito in bocca. Magari smetterà di succhiarsi il pollice di fronte a voi, ma continuerà a farlo di nascosto. Sarebbe molto meglio ricorrere al rinforzo positivo tutte le volte che riesce a superare le cause (sonno, ansia, noia, ecc.) per le quali si succhia il dito.

Potrebbe interessarvi leggere: Il segreto per educare i bambini risiede nella semplicità

3. Coprite il dito

Magari considerate necessario applicare una misura più efficace per evitare che il piccolo si succhi il pollice. Probabilmente nel dito di vostro figlio la suzione avrà generato un callo. Coprite il callo con un cerotto e spiegate al bambino che è necessario far curare il callo che si è formato. 

Bambino con le dita in bocca

Il cerotto deve essere ben attaccato, ma non troppo stretto. È necessario che vostro figlio non riesca a toglierlo da solo. Cambiatelo due volte al giorno e lasciateglielo costantemente addosso, per circa 15 giorni.

Se il bambino continua a voler portarsi le dita in bocca, proverà una sensazione sgradevole quando sentirà la consistenza del cerotto in bocca. Molte madri collocano anche dell’aceto o del limone sul dito. Valutate se tale metodo potrebbe funzionare anche nel vostro caso.

Nell’arco di due settimane, se il bambino non ha introdotto il proprio dito in bocca e siete stati attenti a minimizzare le cause che portano a questa cattiva abitudine, probabilmente il bambino modificherà tale atteggiamento.

4. Contattate uno specialista

Se non ha funzionato nessuna delle opzioni che abbiamo proposto per evitare che il bambino si succhi il pollice, è arrivata l’ora di contattare uno specialista. Un ortodontista potrà ideare un dispositivo che impedisca al bambino di introdurre le dita in bocca.

Tuttavia, se la frequenza e l’intensità di tale abitudine è sproporzionata e incontrollabile, sarà necessario consultare uno psicologo infantile. Succhiare le dita in continuazione può nascondere un disturbo più profondo o un problema di più vasta portata.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche