Fa davvero male bere acqua fresca?

· 10 dicembre 2014

Si pensa, erroneamente, che bere acqua fresca con una certa frequenza, specialmente dopo i pasti, possa favorire la comparsa di malattie gravi, come il cancro. Quest’idea si basa sulla semplice considerazione che l’acqua fresca bevuta dopo pranzo o dopo cena solidifichi i grassi ingeriti, ritardando la digestione. Molte persone pensano che questo processo dia origine ad una serie di reazioni all’interno dello stomaco e dell’intestino che poi sfociano nella comparsa di cellule cancerogene.

Cosa dicono i medici a riguardo?

Ci sono medici e specialisti che raccomandano il consumo di acqua fresca soprattutto dopo l’attività fisica, in quanto aiuta a regolarizzare la temperatura del corpo. Altri medici, però, ritengono che il consumo di acqua fresca obblighi il corpo a consumare più energia per riscaldarsi e, di conseguenza, si verifica una perdita della stessa acqua.

Ci sono altre circostanze in cui si utilizza l’acqua fresca, in questi casi in maniera erronea. Ad esempio, quando la febbre non scende, si tende ad immergere il corpo in acqua fresca, quando l’ideale sarebbe optare per l’acqua tiepida o leggermente calda. Infatti, l’acqua fresca può provocare brividi e aumento della temperatura, è una reazione di difesa da parte del corpo stesso. In questo caso berla provoca lo stesso risultato negativo.

Il vero problema

Come tutti ben sapete, bisogna consumare una buona quantità di acqua durante l’arco della giornata, solitamente gli specialisti raccomandano due litri di liquidi. Se trascurate questa buona abitudine o bevete poco, allora potreste essere più vulnerabili a problemi di salute. Ogni persona è diversa dalle altre, è vero, ma potete basarvi sulla quantità di urina espulsa per verificare se avete bevuto a sufficienza.

Se l’urina è di colore scuro, state ingerendo poca acqua, se, invece, è chiara, allora ne state bevendo in quantità sufficiente. Bisogna anche tenere conto che la prima urina del mattino (appena svegli) è un po’ più scura. Un altro modo per verificare se avete assunto abbastanza liquidi è la sete: se il corpo vi fa capire che ha sete, dovete bere, non importa se acqua fresca o calda.

L’aspetto che veramente influisce sulla salute è la quantità, ma anche la qualità, dell’acqua. La maggior parte dell’acqua che beviamo deve essere naturale, senza aromi artificiali (vanno bene, invece, le foglie di menta, una fettina di limone, etc.) e senza dolcificanti.

I benefici di bere acqua fresca

Bere-acqua

Il vantaggio principale quando si beve qualsiasi cosa è l’idratazione, ma l’acqua fresca in particolare apporta alcuni benefici legati proprio alla sua temperatura:

  • Aiuta a perdere peso: il corpo mantiene sempre una temperatura stabile; bevendo acqua fresca, questa temperatura diminuisce e il corpo consuma calorie per stabilizzarla nuovamente.
  • Abbassa la temperatura del corpo: come vi abbiamo già anticipato, dopo aver svolto attività fisica, la temperatura del corpo si alza e bere acqua fresca aiuta a ristabilizzarla.
  • Idrata più velocemente: dopo l’esercizio fisico o lo sport, il corpo ha bisogno di idratarsi rapidamente. L’acqua fresca viene assorbita più velocemente dal flusso sanguigno, quindi favorisce la rapida idratazione del corpo.

Indipendentemente dalla temperatura, bere acqua a sufficienza è importante e necessario per mantenersi in buona salute.

Guarda anche