Gengivite ulcero necrotizzante: cause e trattamento

La gengivite ulcero-necrotizzante è una malattia batterica che si manifesta con infiammazione e sanguinamento delle gengive e alitosi acuta. La sua diagnosi è semplice.
Gengivite ulcero necrotizzante: cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 20 marzo, 2021

La gengivite-ulcero necrotizzante, nota anche come ANUG, è oggi una malattia molto rara. Il nome con cui è popolarmente chiamata questa malattia, Bocca da trincea, deriva dalla sua incidenza tra i soldati di guerra a causa delle scarse condizioni igieniche durante i conflitti.

Si presenta sotto forma di infezione acuta e dolorosa per cui le gengive sanguinano, con necrosi delle papille gustative e salute orale compromessa. Secondo gli studi, attualmente è collegata all’AIDS, poiché l’immunodeficienza acquisita causa patologie del cavo orale nel 90% dei casi.

Quali sono le cause?

La gengivite ulcero-necrotizzante è una dolorosa infiammazione delle gengive, nota come gengivite.

Le specie batteriche Bacillus fusiformis e Borrelia Vincentii sono associate alle lesioni qui presentate, sebbene non siano le uniche. Come indicano studi scientifici, si distinguono 4 aree della malattia:

  • Batterico: composto da una grande massa di batteri con morfologie e caratteristiche diverse. Questi non sono dannosi in primo luogo, è la loro eccessiva proliferazione che causa la malattia.
  • Ricco di neutrofili: i neutrofili sono i leucociti più abbondanti nel sangue e i primi a raggiungere focolai infettivi. Fanno parte del pus e compaiono sotto la regione batterica.
  • Necrotico: la morte cellulare. In questa area dominano le spirochete, batteri dalla forma allungata ed elicoidale.
  • Infiltrazione spirochetale: l’ultimo strato, in cui si infiltrano le spirochete e non si osservano altri batteri.

Secondo la Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, la proliferazione batterica della gengivite ulcero-necrotizzante può essere innescata dai seguenti fattori: stress, scarsa igiene orale, fumo, malnutrizione e sistema immunitario debole.

Infiammazione delle gengive,
Si tratta di una grave forma di gengivite, cioè un’infiammazione delle gengive con sanguinamento e profondo coinvolgimento dei tessuti molli della bocca.

Quali sono i sintomi della gengivite ulcero-necrotizzante?

Il manuale MSD informa che l’infezione di solito inizia all’improvviso, con dolore e sanguinamento delle gengive, nonché eccessiva salivazione. Alcuni dei segni clinici più comuni sono i seguenti:

  • Alito cattivo, evidente per il suo odore sgradevole.
  • Ulcere simili a crateri tra i denti.
  • Febbre.
  • Sapore sgradevole in bocca, percepibile dal paziente stesso. Alcuni lo descrivono come un gusto metallico.
  • Pellicole grigiastre sulle gengive, che appaiono rosse e sanguinolente.

A causa di tutti questi sintomi, il paziente avrà difficoltà a svolgere attività comuni come parlare, mangiare e deglutire. Anche i linfonodi del collo sono spesso gonfi in risposta all’infezione (linfoadenopatia).

Possibili complicazioni

Quando si presentano difficoltà a mangiare e a condurre una vita normale, alcune complicazioni comuni sono dimagrimento, disidratazione e perdita dei denti. Se tutti questi segni clinici vengono ignorati, i batteri potrebbero penetrare nel sangue, condizione nota come batteriemia.

Una diffusione dell’infezione può essere devastante. Vengono colpiti più organi e si favorisce uno shock settico, in cui il corpo reagisce in modo estremo e si verifica un calo della pressione sanguigna.

Come viene diagnosticata?

Come indicato dal portale scientifico Drugs, l’esame fisico è il primo passo per rilevare una gengivite ulcero-necrotica.

Il professionista andrà in cerca di ulcere, placche grigiastre intorno ai denti e distruzione del tessuto gengivale. Il sospetto è solitamente rapido e la diagnosi lascia poco spazio all’errore.

Se ci sono dubbi, si possono fare esami del sangue e radiografie. Questi ultimi hanno lo scopo di valutare l’entità del danno causato dall’infezione. A seconda della gravità del quadro clinico, vengono seguiti più approcci.

Quando cercare assistenza medica?

Bisogna rivolgersi al medico in presenza di infiammazione alle gengive. Non sempre è dovuta a un’infezione, ma è necessario escludere patologie e non lasciare mai passare troppo tempo.

Un’infezione orale può aggravarsi se non viene trattata in tempo, poiché i batteri hanno la capacità di passare nel flusso sanguigno.

Trattamenti disponibili per la gengivite ulcero-necrotizzante

Secondo il portale della salute di Siegfried Rhein, gli obiettivi del trattamento sono curare l’infezione e calmare il dolore. Ciò può essere ottenuto mediante la somministrazione di antibiotici, sebbene le linee guida per la gengivite ulcero-necrotizzante siano i seguenti:

  • Pulizia professionale: eseguita dal dentista lentamente e accuratamente per diversi giorni consecutivi. La malattia di solito risponde molto bene all’igiene orale.
  • Risciacqui orali: il paziente a casa deve eseguire risciacqui periodici con acqua salata o una soluzione di perossido di idrogeno.
  • Buona igiene orale: durante i primi giorni si consiglia solitamente al paziente di non lavarsi i denti, a causa della fragilità dell’apparato orale dovuta al disturbo. Dopo il risciacquo e la pulizia, è necessario spazzolare la bocca per il resto della vita per evitare che ricompaia.
Uomo che lava denti.
Lavare i denti previene le patologie orali ed è uno strumento economico e semplice per fermare le infezioni a gengive e denti.

Prevenzione

La prevenzione si basa su un’alimentazione sana, una corretta igiene orale e andare dal dentista per i controlli periodici. Si consiglia, inoltre, di fare sport e smettere di fumare.

Oltre ciò, la gengivite ulcero-necrotizzante ha un’importante componente psicologica, poiché in molti casi è correlata allo stress. Pertanto, a volte è necessario cercare un aiuto oltre il campo farmacologico per affrontare questo disturbo.

Potreste essere interessati a: Combattere la gengivite: rimedi naturali

La gengivite ulcero-necrotizzante è quasi scomparsa

La gengivite ulcero-necrotizzante è una malattia sempre più rara, poiché gli standard di igiene personale aumentano sempre di più. Per prevenirla, bisogna lavarsi i denti ogni giorno e andare periodicamente dal dentista in modo che possa valutare eventuali squilibri.

Potrebbe interessarti ...
Il bruxismo: cos’è e come si riconosce?
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Il bruxismo: cos’è e come si riconosce?

Il bruxismo può essere diurno o notturno. In entrambi i casi, presenta sintomi simili ma cause diverse. Scoprite in cosa consiste il disturbo.