Gente che ispira e persone che sfiniscono

13 dicembre 2016
Per quanto possibile, cercate di circondarvi di gente che vi ispiri e, se non potete fare a meno di frequentare persone che sfiniscono, allora cercate il modo di ricaricarvi dopo.

La nostra mente è permeabile nei confronti delle interazioni che caratterizzano la nostra vita quotidiana. C’è gente che ci ispira, che ci dà forza, positività ed energia. Tuttavia, ci sono anche persone che, quasi senza rendercene conto, fanno esattamente il contrario: ci sfiniscono.

Questa stanchezza non riguarda lo sforzo fisico, sopportare pesi o prendere parte ad una maratona. Parliamo di stanchezza mentale.

Neurologi e psicologi ci ricordano che il cervello delle persone estroverse ed introverse funziona in modo diverso.

Un cervello introverso, ad esempio, ha bisogno di qualche momento di solitudine per “ricaricare le batterie”. Essere sottomessi a lunghe ore di interazione sociale o dover stare al fianco di una persona che parla molto, che è molto critica od ossessiva, genera un sovraccarico mentale considerevole.

Tutti quanti abbiamo un limite di permeabilità. Dobbiamo però ammettere anche un altro aspetto non meno curioso. Ci sono persone che brillano di luce propria e che ci migliorano la vita. 

Allo stesso tempo, però, ci sono persone che vedono un problema di fronte ad ogni soluzione, che portano la tempesta anche se nella nostra giornata splende il sole.

Con questo articolo, vi proponiamo di riflettere su questa realtà così comune nel nostro contesto quotidiano.

La personalità che ispira

Tra le nostre amicizie o in famiglia, ognuno di noi ha una persona che la ispira. Sono persone che amiamo come se fossero autentici tesori, perché ci edificano e nutrono per renderci più forti ogni giorno.

Sono come pilastri nelle nostre mappe personali. Luoghi in cui rifugiarci e nei quali poter prendere le distanze da molte cose che ci preoccupano, che chi offuscano.

La loro saggezza non si trova sui libri, ma in quel senso comune che si acquisisce da una mente riflessiva, intuitiva ed intelligente.

Vediamo altre loro caratteristiche.

Leggete anche La grandezza delle persone si riconosce dai piccoli gesti

Le persone che ispirano, le persone che ci tengono in considerazione

donna-con-calzini

Ci sono amici che ci guardano negli occhi e che ci capiscono al volo. Non hanno bisogno di parole, sanno già, perché lo percepiscono, che abbiamo bisogno di supporto e di uno sfogo emotivo capace di guarirci.

  • Questa capacità proviene da un cervello che ha saputo sviluppare il suo emisfero destro, quell’area più riflessiva, creativa e allo stesso tempo osservatrice che connette bene con il mondo emotivo.
  • La persona che ispira capisce la reciprocità: dare e ricevere, creare vincoli in cui tutti quanti guadagnano qualcosa e nessuno perde.
  • Non sono persone che usano l’arroganza per dimostrare di sapere più di noi.

Chi ispira non vessa, ma lascia essere. Ci fornisce suggerimenti, ma rispetta le nostre decisioni, il nostro pensiero e le nostre opinioni.

La personalità che sfinisce

Come abbiamo segnalato all’inizio, ognuno di noi possiede una soglia di permeabilità nei confronti delle interazioni con il nostro ambiente.

Vi consigliamo di leggere anche Non mi arrabbio più: ascolto e lascio correre

Se siamo più estroversi, le persone chiacchierone, burlone e con molta energia non ci sfiniranno molto. Tuttavia, se il nostro cervello funziona ad un livello molto più rilassato, è possibile che alcune persone ci spossino.

C’è anche un altro aspetto sul quale tutti siamo d’accordo. Ci sono persone che esercitano in modo continuo un comportamento che ci sfinisce fisicamente e psicologicamente.

I tratti che le caratterizzano sono i seguenti:

  • Persone molto negative.
  • Comportamenti rivolti solo a cercare problemi, ad esprimere lamentele e critiche, a vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto.
  • Oltre a questa negatività e alla ferma credenza che il mondo sia contro di loro, le persone che sfiniscono non rispettano.
  • Non rispettano perché la loro conversazione inizia e finisce sempre con “io”. Perché sono incapaci di vedere oltre il proprio naso e l’orizzonte delimitato dove esistono solo loro.
amiche-si-amano

Non è facile dover convivere con queste persone, dalla mentalità chiusa ed incapaci di vedere con gli occhi per scoprire con il cuore.

Dato che è molto comune imbattersi in esse a livello familiare o al lavoro, vi spieghiamo come possiamo affrontare tali atteggiamenti.

Come sopravvivere alle persone che ci sfiniscono

Non si tratta di sfuggirgli. Avere all’interno della famiglia la tipica persona che ci sfinisce con la sua presenza e la sua conversazione è una cosa molto normale. Esattamente come lo è avere un collega che ci sfinisce sempre al solo sentirlo.

  • Bisogna imparare a mantenere le distanze, con rispetto, ma con fermezza.
  • Se si lamentano e se criticano in continuazione, chiarite che queste conversazioni vi stancano e non vi interessano.
  • Non rafforzate i loro comportamenti, non siate mai condiscendenti.
  • Mantenete una rispettosa distanza da queste persone, chiarendo che le capite, che le rispettate, ma che il vostro modo di essere e pensare non è lo stesso. 
  • Se siete obbligati a passare molte ore con queste persone, cercate di parlare poco, ascoltate il minimo indispensabile e visualizzate un luogo tranquillo in cui poter evadere.

Più tardi, quando sarete lontani da questa presenza, cercate di fare qualcosa di positivo evitando di dargli importanza.

Immagini per gentile concessione di Marie Desbons

Guarda anche