I pericolosi effetti dell’onicofagia (mangiarsi le unghie)

· 8 luglio 2015

Mangiare le unghie è un’abitudine molto comune tra le persone di tutte le età e di qualsiasi parte del mondo. Esistono numerosi fattori relazionati a quest’abitudine, ma la maggior parte degli esperti coincide nel dire che questa dipende soprattutto dallo stress oppure che è un vizio che si trascina dall’infanzia. 

Le statistiche rivelano che il 30% dei bambini, il 45% degli adolescenti, il 25% dei giovani e il 5% degli adulti mangiano le unghie, rendendo evidenti le conseguenze estetiche ed i problemi alle mani che ne derivano.

Alcune persone assicurano di non essere in grado di controllare la loro mania di mangiarsi le unghie, poiché lo fanno in modo incosciente. Questo vizio è solito generare depressione ed altre emozioni negative nelle persone, poiché l’aspetto delle proprie unghie causa problemi di autostima. Cos’altro può accadere mangiando le unghie?

Batteri che causano malattie

batteri

Le unghie presentano l’ambiente ideale affinché i batteri si sviluppino e proliferino. Di fatto le unghie sono uno dei luoghi preferiti dai batteri potenzialmente patogeni come l’E. coli e la Salmonella.

Man mano che la persona si mangia le unghie, tali batteri passano con facilità alla bocca e al resto dell’organismo, dove iniziano ad agire e causare infezioni. Le unghie possono essere fino al doppio più sporche delle dita, poiché sono molto difficili da pulire bene è sono il rifugio perfetto dei batteri.

Infezioni alle unghie

Le persone che si mangiano le unghie sono ad alto rischio di contrarre la paronichia, un’infezione della pelle che può infettare l’area circostante alle unghie. Al contatto con la bocca, molti batteri, lieviti e altri microrganismi possono entrare nell’organismo causando irritazioni, dolore, rossore e pus intorno all’unghia.

D’accordo con  l’Accademia Americana di Dermatologia (AAD), le infezioni batteriche causate dall’onicofagia sono più comuni di quanto possiamo credere.

Verruche

Le verruche alle dita sono causate dal Virus del Papilloma Umano (HPV) e sono molto comuni tra i bambini che si mangiano le unghie. Queste verruche possono essere trasmesse con facilità alla bocca e ad altre aree del corpo.

Problemi ai denti

problemi ai denti

L’abitudine di mangiarsi le unghie può far spostare i denti superiori. Questi si consumano, si debilitano e, con il tempo, si possono presentare altri problemi di salute dentale che possono avere gravi conseguenze. L’Accademia di Odontologia Generale, la seconda associazione odontoiatrica più grande degli Stati Uniti, stima che le persone che si mangiano le unghie possono spendere fino a 4.000 dollari durante la loro vita solo in visite di natura odontoiatrica, proprio a causa di questo disturbo.

Riduce la qualità di vita

Una recente ricerca ha rivelato che le persone che si mangiano le unghie hanno una peggiore qualità di vita rispetto a chi non ha questa abitudine. La qualità di vita si vede compromessa a causa del tempo investito a mangiarsi le unghie, del numero di unghie coinvolte e delle anomalie che si presentano. Quando si cerca di abbandonare questo vizio, il dover sempre resistere alla tentazione riduce la qualità di vita e si producono emozioni negative.

Consigli per non mangiarsi le unghie

consigli per non mangiarsi le unghie

Anche se smettere di mangiare le unghie è molto difficile, vi sono alcuni consigli che possono aiutare ad abbandonare questo vizio in poco tempo. Tuttavia, per riuscirci, è importante convincersi dei danni dell’onicofagia. A seguire alcuni consigli per ottenere migliori risultati a tale proposito.

  • Identificare le cause: se soffrite di stress o ansia, se mangiate le unghie quando guardate la televisione oppure quando siete davanti al computer; qualsiasi sia la causa del problema è importante identificarla e fare qualcosa per ridurla.
  • Coprite le unghie: anche se a molti non piace, è una buona idea coprire le unghie per qualche giorno con del nastro adesivo o con qualche bendaggio similare. È importante cambiare il nastro adesivo diverse volte al giorno per evitare il formarsi di umidità, funghi e batteri.
  • Tagliate le unghie: realizzate di frequente una manicure e tingete le unghie.
  • Mantenetevi impegnati: cercate di mantenere le mani occupate in altre attività.
  • Rimedio da preparare in casa: applicate una sostanza dal sapore sgradevole come l’aceto, una salsa piccante oppure prodotti dal sapore amaro.
Guarda anche