Igiene intima femminile: perché è importante

L'igiene intima è molto importante per le donne. Esistono diversi prodotti per mantenerla, ma non tutte le sostanze sono consigliate.
Igiene intima femminile: perché è importante

Ultimo aggiornamento: 30 aprile, 2021

L’igiene intima femminile prevede un’ampia varietà di prodotti. Per via della sua morfologia e funzionalità, l’area genitale esterna delle donne necessita di cure specifiche.

La pelle delle parti intime femminili è molto delicata. Questo la rende più sensibile alle varie sostanze rispetto al resto della pelle del corpo.

L’igiene intima femminile

Per mantenere pulita la mucosa vaginale, è sufficiente lavarsi con acqua o sapone neutro e acqua, preferibilmente due volte al giorno. Oltre alla pulizia, conviene mantenere l’area asciutta.

Poiché scarsamente arieggiata, il contatto con urina, sudore, secrezioni vaginali e mestruazioni aumenta il rischio di infezioni.

Durante le mestruazioni bisogna fare particolarmente attenzione all’igiene intima. Si consiglia di usare prodotti delicati che rispettino il pH intimo. Tuttavia, non bisogna mai lavare la vagina internamente, in quanto gode di un naturale meccanismo di pulizia e potremmo alterarlo.

Ogni giorno viene prodotta una certa quantità di secrezioni vaginali che appaiono di colore biancastro in condizioni normali, tendente al giallo quando si asciuga. Sono leggermente gelatinose e non emanano un odore sgradevole.

Sapone intimo

Non tutti i saponi intimi sono adatti a tutte le donne. Per adolescenti e donne in menopausa, è indicato un prodotto a pH base, superiore al valore 7, che possiamo verificare sull’etichetta del prodotto. Per le donne in età fertile è invece consigliabile un prodotto con un pH acido, compreso tra 3,5 e 4,5.

In ogni caso, tutti i saponi intimi presentano una formulazione delicata, poiché includono componenti con proprietà lenitive. I saponi destinati a contrastare la secchezza vaginale, inoltre, contengono principi attivi dalle proprietà idratanti.

Donna in mutandine.

Potrebbe interessarvi anche: Cattivo odore intimo: 5 rimedi naturali

Secchezza vaginale

Ci sono due elementi naturali che contribuiscono a una buona salute vaginale: la flora e la mucosa. In condizioni normali, le pareti della vagina producono un lubrificante naturale che aiuta a mantenere la zona idratata.

Anche un buono stato della flora vaginale (insieme di microrganismi che popolano e proteggono la vagina in modo naturale e senza causare danni) aiuta a mantenerla sana. La flora vaginale mantiene il proprio equilibrio in condizioni normali.

La secchezza vaginale in menopausa è un problema comune nella salute femminile. Può colpire anche le donne che hanno ricevuto trattamenti di radioterapia o stanno assumendo contraccettivi ormonali.

Questo problema è aggravato in estate dalle alte temperature. Può provocare anche fastidi come prurito, irritazione, vulnerabilità alle infezioni e bruciore durante i rapporti intimi.

Idratanti e lubrificanti per l’igiene intima femminile

I trattamenti per contrastare la secchezza vaginale variano a seconda dell’intensità dei sintomi. Esiste un’ampia gamma di prodotti che migliorano l’idratazione e il benessere della zona vaginale, tra cui:

  • Oli intimi: vanno scelte miscele di vari oli con proprietà antisettiche, nutrienti e idratanti. I prodotti a base di oli naturali come il tea tree oil, germe di grano, calendula, camomilla, origano, avocado e albicocca sono adatti per la cura della zona intima femminile.
  • Gel idratante: i gel idratanti per l’igiene intima femminile possono essere a base d’acqua, sono inodori, non macchiano e sono facili da pulire. Ma ne esistono anche a base di liposomi, piccole microsfere che immagazzinano l’acqua al loro interno per poi rilasciarla lentamente.
  • Lubrificante: i lubrificanti sono prodotti il ​​cui scopo è facilitare i rapporti sessuali. Sono formulati in modo tale da essere compatibili con la pelle e la mucosa genitale di entrambi i sessi, e anche con i preservativi. I lubrificanti intimi a base d’acqua sono più consigliati, poiché meno irritanti e si rimuovono più facilmente.
Donna che si copre con le mani.

Leggete anche: Rimedi per prurito e bruciore intimo

Conclusioni

Oltre a mantenere in buone condizioni la zona intima con i prodotti adatti alle proprie esigenze, si consiglia di indossare solo biancheria intima in cotone e lavarla con saponi neutri.

Vanno evitati gli indumenti molto attillati per non favorire la sudorazione; durante le mestruazioni, inoltre, l’ideale è cambiare tamponi e assorbenti ogni 4-6 ore.

Esistono diversi prodotti per l’igiene intima femminile, ma non tutti vanno bene. In caso di dubbi e fastidi, è bene consultare il ginecologo e controllare le etichette per verificare gli ingredienti presenti.

It might interest you...
Rimedi naturali per il prurito e bruciore intimo
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Rimedi naturali per il prurito e bruciore intimo

Prurito e bruciore intimo sono condizioni che possono avere cause diverse. A volte dipendono da secchezza vaginale o irritanti chimici



  • SMITH, R. (2005). Sequedad vaginal. In Netter. Obstetricia, ginecología y salud de la mujer. https://doi.org/10.1016/b978-84-458-1311-9.50026-4

  • Cuevas, A., Celis, C., Herrán, S., Hernández, I., Paredes, O., & Paradas, A. (2010). Higiene íntima femenina y vaginosis bacteriana . Encuesta Epidemiológica Latinoamericana 2008. Revista Colombiana de Obstetricia y Ginecologia.

  • Calle, N. (2007). Higiene íntima femenina. Aral.