Metodi contraccettivi: miti e verità

· 21 maggio 2018
È molto importante essere chiari sui miti e le verità relativi alla pillola contraccettiva, non solo per prevenire la gravidanza, ma anche per prevenire diverse malattie

Oggi scopriremo alcuni miti e verità sui metodi contraccettivi. Si tratta di un argomento molto importante, perché ci sono varie convinzioni riguardanti i metodi contraccettivi che non sono completamente vere.

Questi miti causano il sorgere di dubbi e portano, a volte, anche a commettere errori. Oggi scopriremo alcuni miti e verità sui metodi contraccettivi.

I miti sui metodi contraccettivi

Inizieremo con quei miti sui metodi contraccettivi che sicuramente molti di noi riconosceranno. Sono quelle credenze che sono socialmente accettate come verità, ma che in realtà non lo sono.

1. La pillola fa ingrassare

Donna che guarda una confezione di pillole anticoncezionali

Bisogna stare molto attenti con questo primo mito. La ragione sta nel fatto che ogni pillola è diversa. Ci sono alcune con livelli di ormoni bassi, altre ricche di estrogeni… Tutto dipenderà dai bisogni di ogni donna e da come reagirà alla pillola.

A meno che le donne non abbiano problemi circolatori, problemi di peso o abitudini dannose come bere alcolici o fumare, le pillole attualmente hanno un carico ormonale che non influenza chi ne fa uso.

Pertanto, la pillola non ha effetti collaterali di questo tipo, a meno che la donna non soffra di uno dei problemi sopra menzionati.

 Vi consigliamo di leggere: Permesso di lavoro per mestruazioni dolorose: sareste d’accordo?

2. Il preservativo protegge da tutto

È un grave errore pensare che se usiamo il preservativo saremo protetti da tutto. Non è così in realtà. Non perché il preservativo si possa rompere o perché ha un’efficacia del 90%, ma per altri motivi.

Oltre ad evitare le gravidanze,i preservativi prevengono le malattie sessualmente trasmissibili. Diciamo prevenire perché, a volte, non possono essere evitate del tutto.

Anche se usiamo un preservativo possiamo prendere una malattia a trasmissione sessuale, ma in quali casi?

  • Se c’è un minimo di contatto pelle a pelle nel caso in cui il preservativo non copre completamente l’intero pene.
  • Se si usa il preservativo per il sesso vaginale, ma non per il sesso anale.
  • Ci sono casi in cui le malattie sessualmente trasmissibili vengono trasmesse dai genitali alla bocca, quindi anche nel caso di sesso orale dovrebbe esserci protezione.

3. Lo IUD non funziona

IUD

Un altro mito sui metodi contraccettivi è credere che lo IUD non funzioni. Come tutti sappiamo, tutti i metodi hanno una piccola percentuale in cui possono fallire.

Anche lo IUD ha questa percentuale. Eppure è considerato un metodo molto efficace, che supera la pillola o l’anello vaginale.

Pertanto, lo IUD è un metodo di contraccezione molto comodo, con cui si possono avere rapporti sessuali in sicurezza.

Certo, non è raccomandato per le donne che non hanno avuto figli a causa della ristrettezza della loro cervice, che può far sì che questo metodo causi dolore.

Le verità sui metodi contraccettivi

Dopo aver visto alcuni dei miti di cui abbiamo maggiormente sentito parlare, passiamo a discutere le verità sui metodi contraccettivi. Quelle di cui forse ci hanno parlato, ma alle quali non abbiamo mai attribuito molta credibilità.

1. La pillola di emergenza consente l’aborto

La pillola d’emergenza è una pillola costosa a cui è possibile accedere prima che siano trascorse 72 ore dal rapporto sessuale. Più passa il tempo, meno sarà efficace.

Si tratta di una pillola di emergenza e non deve essere usata regolarmente.

La pillola d’emergenza contiene molti ormoni che causeranno una serie di effetti collaterali: dolore addominale, leggero sanguinamento… Questo è naturale poiché la sua funzione è di evitare l’impianto dell’ovulo “fecondato”.

Se questa pillola viene utilizzata come metodo contraccettivo, può causare infertilità.

Leggete anche: Rimanere incinta: quali sono i giorni fertili?

2. Se interrompo la pillola, posso rimanere incinta

Pillola anticoncezionale e calendario

Questo è qualcosa che deve essere tenuto a mente, perché ci sono persone che credono che quando smettono di prendere la pillola, il loro corpo abbia bisogno di un mese o due per essere in grado di iniziare una gravidanza.

Niente è più lontano dalla realtà: non appena si smette di prendere la pillola, si può rimanere incinte.

Pertanto se questo non è il vostro desiderio, ma avete intenzione di smettere di prendere la pillola, è importante utilizzare un altro metodo contraccettivo per evitare la gravidanza. Il preservativo può essere un’ottima opzione.

3. Anche i patch e le iniezioni sono molto efficaci

Sebbene il preservativo e la pillola siano i metodi contraccettivi più noti, ce ne sono molti altri che sono ugualmente efficaci nel prevenire le gravidanze. Inoltre, aiutano anche a ridurre la sindrome premestruale.

Tuttavia, i cerotti e le iniezioni non proteggono dalle malattie sessualmente trasmissibili. Per questo sarebbe necessario utilizzare un metodo aggiuntivo, come il preservativo.

Quali miti e verità sui metodi contraccettivi già sapevate? Quali avete scoperto proprio in questo momento? Vi invitiamo a commentare quali altri miti e verità sui metodi contraccettivi conoscete.

Oggi abbiamo discusso solo alcuni dei più importanti, ma ce ne sono molti altri!

Guarda anche