Il Circolo di Vienna e la sua importanza per il pensiero moderno

Il Circolo di Vienna è stato un movimento scientifico e filosofico fondato nel 1921, il cui scopo era quello di costruire una filosofia scientifica. In che modo ha influenzato il pensiero moderno?
Il Circolo di Vienna e la sua importanza per il pensiero moderno

Ultimo aggiornamento: 22 giugno, 2022

Il Circolo di Vienna è stato un movimento scientifico e filosofico fondato nel 1921 da Moritz Schlick nella città austriaca che porta il suo nome. Era composto da uno straordinario gruppo di filosofi, matematici, scienziati naturali e studiosi di discipline umanistiche che si incontravano regolarmente per sviluppare e diffondere una visione scientifica del mondo.

Conosciuto con il nome originale del Circolo di Vienna per la concezione scientifica del mondo, questo movimento si occupava principalmente di scienza e di logica. Pertanto, si proponeva di creare un linguaggio comune all’interno di tutte le scienze, basato sulla fisica e promosso dalla filosofia.

Inoltre, riteneva che l’obiettivo della filosofia come disciplina fosse quello di distinguere tra ciò che è scienza e ciò che non lo è. Vediamo nel dettaglio in cosa consisteva questo movimento e qual è stata la sua importanza per il pensiero moderno.

Sfondo storico

Le radici del Circolo di Vienna possono essere riassunte in 4 punti principali. Vediamoli in dettaglio.

1. La nozione di verità di Aristotele

Per Aristotele, la verità consiste nella corrispondenza tra il dire e l’essere. Ciò significa che dire le cose come sono realmente è sinonimo di discorso vero.

Il circolo di Vienna in un certo qual senso si è appropriato di questa nozione, ma allo stesso tempo l’ha riformulata, stabilendo che la verità è una corrispondenza tra proposizioni e fatti. Cioè, le affermazioni scientifiche possono essere verificate nella misura in cui corrispondono ai fatti; oppure le osservazioni empiriche devono coincidere con le previsioni fatte dalla scienza.

Aristotele sulle basi del circolo viennese.
Aristotele e le sue idee sono state fondamentali per la nascita del Circolo di Vienna e del suo pensiero, seppure con alcune riformulazioni.

2. L’empirismo logico

Chiamato anche positivismo logico o neopositivismo, l’empirismo logico è una corrente filosofica che limita la validità della conoscenza all’empirico e al verificabile. Questa visione è considerata più estrema e sofisticata del puro positivismo.

Definisce la conoscenza scientifica come la precisa descrizione di modelli teorici fissi nel tempo e nello spazio, elaborati a partire dai fenomeni osservati.

Il Circolo di Vienna condivide appieno questa visione e afferma che non esiste una conoscenza valida che derivi unicamente dalla ragione o a priori. Quindi le uniche affermazioni vere sono quelle che possono essere verificate da prove oggettive.

3. La rivoluzione fisica

I contributi di Einstein alla comprensione dello spazio-tempo e della gravità, così come lo sviluppo della meccanica quantistica con le sue spiegazioni della struttura atomica e nucleare della realtà, sono stati chiave per la nascita del Circolo di Vienna.

4. La logica matematica

Anche la creazione della logica matematica da parte di Bertrand Russell e Alfred Whitehead nel 1905, così come le indagini di Gottlob Frege sulla natura della rappresentazione linguistica, influenzarono la creazione del circolo di Vienna.

Questi contributi portarono alla costruzione di un linguaggio logico, elaborato a partire da alcune proposizioni, che permettesse di analizzare concetti scientifici e chiarire problemi filosofici.

Fondazione e sviluppo del Circolo di Vienna

Come abbiamo già detto, il circolo di Vienna è stato creato nel 1921 da Moritz Schlick nella città di Vienna. All’inizio, lo scopo di tale organizzazione era quello di formare un gruppo di discussione informale su argomenti scientifici. Tuttavia, finì per essere il principale nucleo ideologico del neopositivismo logico e della filosofia della scienza.

Gran parte dei suoi membri erano fisici, matematici, scienziati e filosofi che condividevano interessi comuni riguardo alla filosofia all’interno della scienza. E rifiutarono la metafisica accademica che, ormai, predominava nell’Europa centrale.

Tra i suoi membri più importanti possiamo citare i seguenti:

  • Otto Neurath.
  • Filippo Franco.
  • Victor Kraft.
  • Felix Kaufmann.
  • Federico Weismann.

Sebbene il Circolo di Vienna sia stato fondato nel 1921, il primo manifesto ufficiale, intitolato The Scientific World View, fu pubblicato solo nel 1929. Nel manifesto, spicca la proposta di considerare la filosofia come strumento principale per generare un linguaggio comune per le diverse discipline scientifiche, relegandola a questa unica funzione. I fondatori del movimento aspiravano a costruire una filosofia che fosse scientifica a tutti gli effetti.

“Aspiriamo a costruire un linguaggio scientifico che, evitando ogni pseudo-problema, consentirà di formulare la prognosi e gestire il suo controllo attraverso l’osservazione.”

 – Otto Neurath –

Caratteristiche del Circolo di Vienna

Per capire meglio in cosa consisteva questo movimento e quali furono i suoi contributi più significativi, ne presentiamo di seguito le principali caratteristiche:

  • Il progetto del Circolo di Vienna era quello di costruire una filosofia scientifica.
  • Rifiutava la metafisica e la teologia in quanto la costruzione dei loro postulati emergono dal sensibile e dall’empirico. Cioè, i presupposti di queste discipline sono privi di significato in quanto non riferiti a fatti osservabili.
  • La visione dei membri della realtà e della scienza era inquadrata nel positivismo logico. La logica simbolica ha svolto un ruolo importante nella conoscenza scientifica.
  • Il compito della filosofia è quello di chiarire i propri problemi.
  • Il Circolo di Vienna ha influenzato un’ampia varietà di discipline, come la fisica, la matematica, la geometria, la biologia, la psicologia e le scienze sociali.
Il Circolo di Vienna rifiuta la spiritualità.
Per il Circolo di Vienna, la metafisica non era una scienza e i suoi criteri non potevano essere valutati per mancanza di supporto nella realtà.

Scoprite anche: Gottfried Leibniz: l’ultimo genio universale

Scioglimento del Circolo di Vienna

Il circolo di Vienna ha offerto importanti contributi e progressi sia in filosofia che nei vari rami della scienza. Tuttavia, l’ascesa al potere di Hitler e delle forze antisemite pose fine a questa organizzazione.

L’inizio dello scioglimento avvenne nel 1936, con l’omicidio di Moritz Schlick per mano di un ex studente che simpatizzava per l’ideologia nazista. L’autore del delitto fu incarcerato, ma due anni dopo venne rilasciato, un rilascio giustificato dal fatto che le sue azioni impedivano la propagazione di dottrine considerate “dannose” e “minacciose” per la nazione.

Questo omicidio, oltre alla successiva ascesa del nazismo, all’annessione dell’Austria al regime tedesco e alla persecuzione degli ebrei che ne seguì, indusse quasi tutti i membri del Circolo di Vienna a decidere di fuggire in diversi paesi (la maggior parte negli Stati Uniti). Avrebbero continuato lì a sviluppare la loro filosofia, ma non più come gruppo.

Nel 1938 le pubblicazioni del Circolo vennero bandite in Germania. Un anno dopo sarebbe stato pubblicato l’ultimo lavoro del gruppo, intitolato International Encyclopedia of Unified Science.

Oggi il Circolo di Vienna rappresenta uno dei più importanti movimenti filosofici internazionali del XX secolo. I suoi contributi hanno influenzato lo sviluppo della filosofia analitica e della filosofia della scienza.

Potrebbe interessarti ...
Scetticismo filosofico: principi e rappresentanti
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Scetticismo filosofico: principi e rappresentanti

Lo scetticismo filosofico è una teoria della conoscenza che differisce dall'attuale nozione di scetticismo. In che cosa è differente?