Il colostro: proprietà e benefici per il neonato

27 Febbraio 2021
Il colostro viene anche chiamato "oro liquido", perché è una sostanza ricca di nutrienti essenziali la salute del neonato. Ecco i motivi per i cui si insiste sull'importanza dell'allattamento materno.

Il colostro è  una sostanza presente in una delle fasi dell’allattamento materno. Grazie alle sue importanti proprietà, è uno dei motivi per i quali si insiste affinché la madre allatti al seno il neonato, soprattutto nei primi mesi di vita.

Possiamo definire il colostro come il precursore del latte materno. È secreto dalle ghiandole mammarie durante la gravidanza e anche nei primi giorni successivi al parto.

Questo alimento naturale contiene tutti i  nutrienti di cui il neonato ha bisogno per stare bene nelle prime tappe della sua vita. Per questo motivo il colostro viene anche definito “oro liquido” e rappresenta uno dei grandi doni di una madre al proprio bambino appena nato.

Cos’è il colostro?

Colostro e allattamento al seno.

Il colostro è una secrezione densa, molto spesso di una colorazione che tende al giallo, ma che può essere anche trasparente. Quest’ultimo inizia a essere prodotto più o meno al terzo mese di gravidanza e di solito rappresenta il primo alimento consumato dal neonato alla nascita.

La quantità di colostro aumenta se il bambino si attacca spesso al seno. Nei primi tre giorni dopo il parto, si raggiungono i 20 millilitri a ogni poppata, sufficiente per soddisfare i fabbisogni nutrizionali del neonato. Questo liquido non è prerogativa degli esseri umani, visto che viene prodotto anche dalle mucche e da altri mammiferi.

Possiamo definirlo come il primo latte prodotto dalla madre nella fase post-parto. Si tratta di uno straordinario nutriente che offre al bambino le difese immunitarie. Molti considerano questa sostanza praticamente come il primo vaccino ricevuto da un essere umano appena nato.

Le proprietà del colostro

Inizialmente il colostro è quasi trasparente, ma in un secondo momento assume una colorazione giallastra. Trascorsi tre o quattro giorni, il latte materno presenta il caratteristico colore giallo chiaro; si tratta di un latte di transizione. Non è uguale a quello di altri animali, ma contiene più nutrienti.

La madre è in grado di produrre tra i 7 e i 120 millilitri di colostro al giorno. Questa sostanza ha lo stesso sapore del liquido amniotico, per cui offre al bambino una sensazione di sicurezza, in quanto abituato a un sapore simile sin dalla fase fetale. Ciò lo aiuta ad adattarsi alla sua nuova vita.

Il latte materno propriamente detto contiene importanti nutrienti e sostanze antinfettive. Tuttavia, il colostro presentare la maggiore concentrazione di proteine protettive, vitamine, carotene e minerali.

Potrebbe interessarvi anche: Dieta per l’allattamento: qual è la più indicata?

I principali benefici

Fisiologia allattamento al seno.

Potrebbe interessarvi anche: Sessualità femminile durante l’allattamento al seno

Il primo beneficio offerto dal colostro è il completo soddisfacimento del fabbisogno energetico del piccolo. Oltre a ciò, prepara l’organismo del neonato alle successive tappe dell’alimentazione stimolando lo sviluppo dell’intestino e dei reni..

Uno dei benefici principali è dato dall’elevata concentrazione di immunoglobuline. Queste permettono al neonato di difendersi dalle infezioni batteriche e virali. Il colostro contiene anche betacarotene, elemento che dona la colorazione giallastra al latte e che agisce da precursore della vitamina A.

La vitamina A è fondamentale anche per proteggere il piccolo contro le infezioni, inoltre consente il corretto sviluppo della retina. Al tempo stesso, il colostro offre abbondanti dosi di globuli bianchi, anch’essi fondamentali per combattere le infezioni.

Ulteriori dati

Potrebbe interessarvi: Alimenti ricchi di vitamina A: quali sono?

Altri dati interessanti

Alcune donne si sentono insicure nei primi giorni di allattamento, perché notano il seno indurito, ma non vi è fuoriuscita di latte. Alcune volte lo interpretano come un segnale del fatto che non stanno dando il giusto nutrimento ai loro piccoli. Ma non è così, perché il colostro esce in piccole quantità, a volte persino  impercettibili; pur così soddisfa a pieno i fabbisogni del neonato.

Alcuni adulti consumano colostro di origine bovina, in quanto potente integratore nutrizionale per chi svolge attività fisica. Al tempo stesso, questa sostanza è di grande aiuto per combattere il morbo di Crohn, lo stress ossidativo e la colite ulcerosa. Infine, rafforza il sistema immunitario.

I professionisti sanitari insistono sull’importanza dell’allattamento materno per i neonati, soprattutto durante i loro primi mesi di vita. Questo perché il colostro è fondamentale per lo sviluppo del bambino nel corso del primo anno di vita, e persino per la sua intera esistenza.

  • Aguilar Cordero, M. J., Baena García, L., Sánchez López, A. M., Guisado Barrilao, R., Hermoso Rodríguez, E., & Mur Villar, N. (2016). Beneficios inmunológicos de la leche humana para la madre y el niño: revisión sistemática. Nutrición Hospitalaria, 33(2), 482-493.
  • Comisión de Lactancia MINSAL, UNICEF, Ministerio de salud, Shellhorn, C., & Valdés, V. (1995). La Leche Humana, Composición, Beneficios Y Comparación Con La Leche De Vaca. Manual de Lactancia Para Profesionales de La Salud.
  • Pérez, T. M., Viada, A. M., & Rojas, J. M. (1980). Determinación de inmunoglobulinas en calostro humano. Revista Chilena de Pediatria. https://doi.org/10.4067/s0370-41061980000200005