4 infusi per ridurre gli zuccheri nel sangue

· 4 novembre 2017
Gli infusi sono il metodo più semplice per godere delle proprietà medicinali di una pianta e per ridurre i nostri livelli di zuccheri nel sangue.

Gli infusi sono il metodo più semplice per godere delle proprietà medicinali delle piante, soprattutto se vogliamo ridurre i livelli di zuccheri nel sangue.

Il modo più comune per preparare un infuso è utilizzando piccole bustine che possono essere acquistate in qualsiasi supermercato.

Per le ricette che illustreremo in questo articolo, però, avremo bisogno delle piante sfuse, secche o fresche.

Potete procurarvele al mercato o in erboristeria.

Come preparare un infuso?

Infuso

Il processo è molto semplice. Occorreranno:

Ingredienti

  • 1 tazza d’acqua calda purificata (250 ml)
  • 1 cucchiaio di foglie, fiori o radice della pianta secca a vostra scelta (10 g) o 2 cucchiai (20 g) se è fresca.

Utensili

  • Una teiera o un contenitore
  • Una tazza

Cosa bisogna fare?

  • Collocate le piante nella teiera con l’acqua calda.
  • Lasciate riposare per 7 minuti.
  • Una volta trascorso questo tempo, filtrate il liquido nella tazza.

Esiste un passaggio opzionale che consiste nell’aggiungere miele a piacimento per addolcire la bevanda. Tuttavia, dato che con i nostri infusi vogliamo ridurre i livelli di zucchero nel sangue, in questa occasione ometteremo questo passaggio.

Questo stesso procedimento può essere seguito per la preparazione di qualsiasi infuso.

Visitate questo articolo: Come preparare un infuso detox a base di aglio e zenzero

Perché ridurre i livelli di zuccheri nel sangue?

Livelli di zuccheri nel sangue

L’eccesso di glucosio nel sangue, o glicemia, danneggia la nostra salute.

Sebbene sia vero che abbiamo bisogno di zucchero per avere energie da consumare nell’arco della giornata, oltrepassare i limiti può condurci al prediabete e, se la situazione non viene mantenuta sotto controllo, anche a al diabete.

Bisogna segnalare che una persona può avere il prediabete e non presentare alcun sintomo.

D’altra parte le persone che soffrono già di qualche forma di diabete devono stare particolarmente attente alla loro dieta e monitorare costantemente i propri livelli di glucosio.

Allo stesso tempo, si consiglia di consultare uno specialista prima di includere uno degli infusi qui menzionati nel proprio piano alimentare.

1. Fieno greco

Il fieno greco è una pianta erbacea annuale originaria dell’Europa e dell’Asia meridionale. Viene utilizzata nella cucina orientale come condimento.

I suoi usi in medicina sono particolarmente estesi. Questa pianta aiuta nel trattamento di:

  • Gastrite
  • Colesterolo alto
  • Infiammazioni bucco-faringee
  • Salute epatica

Grazie al suo contenuto di curcumina, acido nicotinico e trigonellina viene usato come sostituto di ipoglicemizzanti orali in caso di diabete non insulino-dipendente.

Sono vari gli studi che dimostrano che il fieno greco, oltre a ridurre la quantità di glucidi assorbiti, migliora l’azione periferica dell’insulina. 

Modalità di assunzione

  • Bevete una tazza di infuso di fieno greco al giorno per circa un mese.
  • Interrompete l’assunzione per una settimana e ripetete il trattamento.

2. Ginseng

Infuso

Il nome “ginseng” viene usato per designare diverse specie del genere Panax.

Anche se cresce selvaticamente in zone montagnose, dal Nepal fino alla Manciuria e dalla Siberia fino alla Corea, a causa della grande domanda viene coltivata anche in altri paesi.

La sua azione riduttiva del glucosio (ipoglicemizzante) è dovuta al suo contenuto di polisaccaridi, che favoriscono tale funzione.

Modalità di assunzione

  • Assumete giornalmente una tazza di infuso di radice di ginseng per tre mesi.
  • Dopo questo trimestre sospendete il trattamento per un mese.
  • Potete riprendere il trattamento dopo aver consultato il medico, senza superare mai le nove settimane.

3. Camomilla

La camomilla è una pianta erbacea annuale ampiamente conosciuta per le sue proprietà antispasmodiche e digestive.

Possiede anche qualità che la rendono adatta al trattamento di disturbi quali:

  • Insonnia
  • Dolori reumatici
  • Emorroidi

Oltre a regolare i livelli di zuccheri nel sangue, la camomilla incrementa l’immagazzinamento di glicogeno nel fegato e protegge il pancreas dallo stress ossidativo causato dall’eccesso di glucosio. 

Modalità di assunzione

Bere tre tazze al giorno di infuso di fiori di camomilla dopo mangiato.

4. Tè verde

Infuso

Il tè verde proviene dalla pianta del tè (Camellia Sinensis) ed è originario della Cina anche se il suo consumo si è esteso su tutto il pianeta.

Dispone di qualità ossidanti grazie alle catechine e al suo contenuto di beta-caroteni e vitamine C ed E.

La sua efficacia nel ridurre i livelli di glucosio si deve ai polisaccaridi presenti nelle sue foglie che agiscono esattamente come l’insulina.

Modalità di assunzione

  • Assumete da tre a cinque tazze al giorno di tè verde per due mesi.
  • Non ingerite l’infuso a stomaco vuoto.
  • Dopo il trattamento, sarà necessaria una valutazione medica prima di ripeterlo.
Guarda anche