Jiddu Krishnamurti, importante filosofo indiano

Jiddu Krishnamurti è stato un leader spirituale del 20° secolo che ci ha insegnato il valore della conoscenza di sé, del vuoto mentale e del distacco dai dogmi.
Jiddu Krishnamurti, importante filosofo indiano

Ultimo aggiornamento: 17 settembre, 2022

Jiddu Krishnamurti è stato un rinomato oratore, scrittore e filosofo spirituale indiano-americano che ha affrontato argomenti come la rivoluzione mentale, la natura della mente, le relazioni umane, lo scopo della meditazione e il vuoto mentale come mezzo per apportare cambiamenti positivi sia nell’individuo che nella società.

La sua massima era quella di difendere la piena liberazione dell’uomo e del mondo attraverso la conoscenza di sé e il distacco da dogmi, religioni, caste e posizioni politiche. In questo articolo troverai la sua biografia e i contributi che ha dato al pensiero filosofico del XX secolo.

Biografia di Jiddu Krishnamurti

Jiddu Krishnamurti nasce l’11 maggio 1895 nella città di Madanapelle, l’attuale stato moderno dell’Andhra Pradesh, nell’India meridionale coloniale. Era l’ottavo di undici fratelli, di cui solo 6 raggiunsero l’età adulta.

Suo padre, Jiddu Narayaniah, lavorava come funzionario pubblico nell’amministrazione britannica; sua madre, Sanjeevamma, era convinta di avere poteri psichici, affermando di avere visioni e la capacità di vedere l’aura delle persone.

Jiddu Krishnamurti era molto affezionato a sua madre, quindi la sua morte – quando aveva appena 10 anni – rappresentò un duro colpo. Tuttavia, la convinzione che sua madre abbia conosciuto gli spiriti lo ha aiutato ad affrontare la perdita e a sentire che, in qualche modo, era ancora con lui.

Krishnamurti era un bambino sensibile ma di salute cagionevole. Chi lo conosceva affermava che era anche “pigro e sognatore”. Nella sua infanzia infatti non eccelse mai negli studi e i suoi maestri pensavano che soffrisse di una qualche disabilità intellettiva.

Società Teosofica
Uno dei membri della Società Teosofica riconobbe Krishnamurti come insegnante spirituale.

Leggi anche: Kintsugi, la filosofia di vita che riabilita le ferite dell’anima

Il “maestro del mondo” e la Società Teosofica

Alla fine del 1907, il padre della famiglia, Jiddu Narayaniah, si ritirò dalle sue funzioni amministrative. Questo fatto, unito alle limitate risorse che aveva, lo costrinse a chiedere un lavoro presso la sede della Società Teosofica, situata nella città di Adyar.

La direttrice dell’ente, Annie Besant, decide di dargli un lavoro come assistente del “segretario della sezione esoterica” dopo due anni di insistenza da parte dell’uomo. Pertanto, nel gennaio 1909, Jiddu Narianiah si trasferì con i suoi quattro figli in una piccola capanna fuori dal recinto della Società.

Nell’aprile del 1909, Charles Webster Leadbeater, un membro influente della Società Teosofica, incontrò Krishnamurti al fiume Adyar e rimase stupito dall'”aura più meravigliosa che avesse mai visto, senza un briciolo di egoismo”.

Fu così che Leadbeater si convinse che il ragazzo sarebbe diventato un maestro spirituale e un grande oratore. Ma non solo, credeva anche che Jiddu Krishnamurti non fosse né più né meno che il “veicolo per il Signore Maitreya” ; che si riferisce nella dottrina teosofica a un’entità spirituale avanzata che periodicamente appare sulla Terra come insegnante del mondo per guidare l’evoluzione dell’umanità.

Convinta dalle affermazioni di Leadbeater, Annie Besant riuscì a portare Jiddu Krishnamurti e suo fratello minore Nitya (considerato la sua guida spirituale) fuori dalla loro casa dei genitori e nel quartier generale della Società Teosofica.

Entrambi i fratelli furono allevati ed educati sotto la guida di Besant e Leadbeater. Successivamente, nel 1911, si recarono in Inghilterra dove rimasero per dieci anni, continuando gli studi e conducendo una vita ostentata.

Il risveglio spirituale di Jiddu Krishnamurti

Nel 1912 Jiddu Krishnamurti si recò con il fratello Nitya in California, negli Stati Uniti, dove stabilì la sua residenza, ritenendo che il clima del luogo fosse il più adatto alla salute del fratello, che soffriva di tubercolosi.

Da quel momento il giovane Krishnamurti iniziò a vivere un risveglio spirituale —che lui stesso battezzò come “il processo”— caratterizzato da episodi di intenso dolore fisico, perdita di coscienza e visioni che lo portò nella foresta indiana dove parlò della presenza di esseri potenti (tra cui il Buddha, Maitreya e altri maestri della gerarchia occulta).

Questi sintomi andavano e venivano per periodi. E quando cedettero, lasciarono Krishnamurti con una maggiore chiarezza mentale o sensibilità. A questo proposito, Nitya ha affermato che era evidente uno svuotamento della coscienza del fratello, insieme a momenti in cui sentiva una grande presenza.

Come futuro insegnante del mondo, Krishnamurti ha continuato a mantenere un programma di viaggio in diversi paesi, in particolare in connessione con le convenzioni della Società Teosofica. Infatti, quando le sue esperienze furono rese pubbliche, si scatenò un furore tra i seguaci della Teosofia.

In queste attività era accompagnato dal fratello. Tuttavia, il 13 novembre 1925, nel bel mezzo di una tempesta, si verificò la morte di Nitya. Di conseguenza, Krishnamurti fu devastato; singhiozzava, gemeva e piangeva forte per suo fratello, che era stato la sua unica famiglia e fedele compagno da quando era stato separato dal padre.

La rottura con la Società Teosofica

Le sue recenti esperienze di risveglio spirituale, sommate alla morte del fratello, fanno sì che Jiddu Krishnamurti si allontani dalla Società Teosofica. Nuovi concetti sono apparsi nei loro discorsi, discussioni e corrispondenza, insieme a un vocabolario in evoluzione che è stato progressivamente liberato dalla terminologia teosofica.

La sua nuova direzione raggiunse il culmine nel 1929 quando rifiutò i tentativi di Leadbeater e Besant di continuare l’Ordine della Stella (un’organizzazione che era stata fondata nel 1911 per sostenere Krishnamurti come futuro Messia).

La sua argomentazione era che la verità non ha una direzione definita, quindi nessuna religione o setta può guidarci verso di essa. Colui che fino a quel momento era stato considerato “Padrone del mondo” proclamava così di non volere seguaci, ma libertà.

Allo stesso modo, ha sostenuto che per essere veramente libero nessuno può rimanere bloccato in una convinzione.

“La verità, essendo illimitata, incondizionata, inaccessibile per qualsiasi via, non può essere organizzata; né dovrebbe essere formata alcuna organizzazione per guidare o costringere le persone lungo un percorso particolare.”

Jidu Krishnamurti

Dopo la rottura con la Società Teosofica, Jiddu Krishnamurti affermò di non essere fedele a nessuna nazionalità, casta, religione o filosofia e trascorse il resto della sua vita viaggiando per il mondo offrendo la sua filosofia.

Ha presentato conferenze nei cinque continenti e creato fondazioni in America, India, Spagna, Regno Unito, tra gli altri luoghi, per diffondere i suoi ideali e fornire istruzione.

Meditazione
Durante la sua carriera, Jiddu Krishnamurti ha affrontato questioni come lo scopo della meditazione.

Morte e contributi

All’età di 90 anni, ha tenuto conferenze all’ONU sulla pace e la coscienza e nel 1984 ha ricevuto la Medaglia della Pace dell’ONU. Jiddu Krishnamurti è deceduto il 17 febbraio 1986 a causa di un cancro al pancreas.

Oggi i suoi sostenitori continuano a lavorare attraverso fondazioni senza scopo di lucro in India, Gran Bretagna e Stati Uniti. Supervisionano anche diverse scuole indipendenti basate sulle opinioni di Krishnamurti sull’istruzione.

“L’educazione non è la semplice acquisizione di conoscenze, né la raccolta e la correlazione di dati, ma il vedere il senso della vita nel suo insieme”.

Jidu Krishnamurti

La sua eredità può essere ritrovata nei suoi libri e video, che sono per lo più compendi dei suoi discorsi e discussioni, in cui Krishnamurti si concentra sulla cessazione dell’attività mentale come pensiero per raggiungere stati di vuoto e osservazione in cui non esiste identificazione.

In questi stati, senza alcuna azione di ricerca, si verificherebbe la sensibilità e la cattura degli istanti di vita senza l’interferenza della mente. Questo trasformerebbe completamente l’essere umano nel suo rapporto con se stesso e con tutto il resto. Ma perché ciò avvenga, ogni movimento di pensiero e ogni processo di identificazione dovrebbero cessare.

Considerazioni finali

Jiddu Krishnamurti era un filosofo spirituale che voleva liberare il mondo e l’uomo dai legami della mente e dai dogmi. Per questo grande pensatore, il lavoro interiore e individuale sono tasselli fondamentali per raggiungere la pace e la piena libertà.

Potrebbe interessarti ...
Kintsugi: la filosofia di vita che guarisce le ferite dell’anima
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Kintsugi: la filosofia di vita che guarisce le ferite dell’anima

Kintsugi è una filosofia in cui non ha senso ignorare le ferite emotive o nasconderle, perché non ci sarebbe guarigione.



  • Lavoie J. The Theosophical Society: The History of a Spiritualist Movement. Estados Unidos: Universal-Publishers; 2012.
  • Williams C. Jiddu Krishnamurti: World Philosopher (1895-1986) : His Life and Thoughts. India: Motilal Banarsidass Publ; 2004.