8 mantra per iniziare a meditare

I mantra predispongono alla meditazione, risvegliano la coscienza e favoriscono la trasformazione. Eccone 8.
8 mantra per iniziare a meditare

Ultimo aggiornamento: 21 novembre, 2021

I mantra sono espressioni o meglio suoni. Si potrebbe anche dire vibrazioni per meditare e indurre un particolare stato di rilassamento. In questo articolo parleremo dell’origine e dell’importanza dei mantra, i principali o più conosciuti, nonché dei loro significati e benefici.

Lo scopo è rafforzare la capacità di concentrazione, ridurre lo stress o l’ansia e migliorare l’umore. Sebbene la parola meditazione possa avere diversi significati, la maggior parte si riferisce a un’azione che viene eseguita in silenzio, focalizzando la mente e reindirizzando i pensieri verso un oggetto specifico.

Origine e importanza dei mantra

Si sostiene che ogni cosa nell’universo abbia una sua vibrazione. Questo, lungi dall’essere una speculazione, ha ora una base scientifica nella teoria delle stringhe.

Quando stiamo bene, significa che le nostre vibrazioni sono in armonia, con gli altri e con l’intero universo. Una disarmonia si manifesta in una mancanza di senso di integrità e in disagio, disturbi o malattie.

Con i mantra, si vuole eliminare le distorsioni e ristabilire l’equilibrio, cercando di riallineare le vibrazioni. È una pratica che risale ai tempi antichi.

Che si tratti di musica, il suono di qualsiasi oggetto, un canto, una preghiera o una parola, in varie culture la vibrazione è stata associata alla guarigione e a ciò che chiamiamo omeostasi.

Nella tradizione vedica dell’India, ad esempio, l’uso dei mantra è stato affinato e perfezionato per migliaia di anni. Vengono usati per sintonizzarsi e connettersi con il tutto, favorire una trasformazione interna, il risveglio della coscienza o il miglioramento del corpo attraverso la mente.

La parola “mantra” deriva dal sanscrito, una delle lingue più antiche del mondo. Il termine è composto da due voci: man che significa ‘mente’ e tra che vuole dire ‘vibrazione’ o ‘onda’. Sebbene possa anche essere tradotto come proiezione.

Per dirla semplicemente: un mantra è una parola o una frase che viene recitata, ritmicamente, ripetutamente. Ci predispone alla meditazione e favorisce uno stato di tranquillità mentale che rende più facile concentrarci sulla nostra crescita e sui nostri obiettivi.

Meditazione di gruppo.
I mantra possono essere recitati insieme ad altre persone, sintonizzando vibrazioni e frequenze.

8 mantra da usare durante la meditazione

Gran parte dei mantra hanno radici antiche. Provengono dal buddismo, principalmente indiano. Vediamo alcuni dei più utilizzati.

1. Om

La sillaba sacra è forse il mantra più conosciuto. Si dice che questa parola sia la vibrazione stessa del cosmo, poiché la frequenza di om e dell’universo è di 432 hertz.

Om significa ‘essere’, riferito a qualsiasi tempo nell’essenza e nella potenzialità: è, era, sarà o sarebbe. Pertanto, si riferisce ai momenti della vita e al suo ciclo in generale: nascita, morte e reincarnazione.

Meditare su questa frequenza, ripetere om (la sua pronuncia è più simile a aum ) calma la mente e facilita la concentrazione, generando una potente vibrazione.

2. Om ah hum

Questo mantra è un complemento perfetto del precedente. Om ah hum può essere tradotto come ‘Io sono questo’. O anche con la frase biblica “Io sono ciò che sono”. È, quindi, una riaffermazione del nostro essere e del nostro posto nell’universo.

Per meditare con questo mantra si consiglia di inspirare, pronunciare la sillaba om, espirare con ah e poi con la sillaba hum, rilasciare tutta l’aria. Qualcosa di simile a quello che si fa negli esercizi ipopressivi.

Secondo il buddismo, om ah hum sono i tre suoni principali che rappresentano la purezza dei chakra : muladhara, sua adhisthana e manipura.

3. Om tare tuttare

Om tare tuttare, mantra completo om tare tuttare ture soha, è un mantra del buddismo tibetano. Il suo significato è “Sono prostrato davanti alla liberatrice, madre di esseri vittoriosi “.

È un mantra della forza. Viene utilizzato per attivare e focalizzare l’energia, stimolare la fede e la fiducia in se stessi, nonché il coraggio. Ha lo scopo di appianare gli ostacoli che si frappongono ai nostri obiettivi, sia interni che esterni.

Usate questo mantra ogni volta che provate dubbio, paura o insicurezza. Vi aiuterà a superare la paura, a concentrare le forze e a liberare la mente per trovare soluzioni.

4. Om namah Shivaya

Om namah Shivaya o Shivaia, è un mantra usato per riverire e chiedere aiuto e protezione a Shiva, il dio delle trasformazioni. Può essere tradotto come “Mi inchino a Shiva”.

Questo è un mantra tratto dallo Yajurveda, in particolare il Veda Scuro (Krishna), dove appare più volte senza la prima sillaba. Le cinque sillabe (senza l’om) rappresentano gli elementi del mondo:

  • Na : terra.
  • Ma : acqua.
  • : fuoco.
  • Va : aria.
  • : cielo.

Anche se Shiva rappresenta la distruzione, il suo nome significa anche benevolenza. Quindi il significato del mantra è più vicino alla trasformazione e viene recitato per promuovere il cambiamento, la crescita e l’elevazione.

5. Ho’oponopono

Questo è un mantra hawaiano. Si pronuncia: hoohponopono. La traduzione è “Ti amo; mi dispiace; ti prego, perdonami e grazie “. Può essere usato quando siamo sopraffatti da rabbia, vergogna o risentimento.

In altre parole, quando pensiamo di essere stati feriti o di aver ferito qualcuno e ci sentiamo incapaci di esprimere i nostri sentimenti verso i nostri cari. Ripetiamo Ho’oponopono, Ho’oponopono finché non troviamo la pace.

6. Om mani padme hum

Om mani padme hum è il mantra della saggezza universale. Per lo stesso motivo è legato alla pazienza e alla disciplina, per stabilire la connessione tra l’uno e il tutto o tra l’essere e l’universo.

Una traduzione può essere “Salve, gioiello nel loto “. Il fiore di loto è considerato una metafora della condizione umana, poiché nasce e si nutre nel fango; tuttavia, è prodigo di colore e bellezza.

È anche conosciuto come il mantra della compassione e della misericordia. Secondo il buddismo tibetano, gli insegnamenti del Buddha sono condensati nelle sillabe di questo mantra:

  • Om: meditazione e beatitudine, in contrapposizione all’orgoglio o all’ego.
  • Ma: pazienza, contraria all’invidia.
  • Ni: disciplina, opposta alla passione o all’ardore.
  • Pad: saggezza, opposta al pregiudizio.
  • Me: generosità, contro avidità.
  • Hum: diligenza o compassione, in opposizione all’odio.

7. Aham-Prema

Si pronuncia aahhampreemah. La sua traduzione è “Io sono amore divino “. Pertanto, ripetendo questo mantra ci armonizziamo con l’amore universale, inteso come purezza, accettazione, gratitudine e armonia.

8. Satchitananda

Questo mantra è una frase sanscrita, composta da tre parole:

  • Sab: esistere, essere vivi, vivere, essere in senso autentico.
  • Chit: sentire, capire, essere consapevole.
  • Ananda: gioia, piacere, beatitudine, felicità, giubilo.

Satchitananda è legato all’esperienza della realtà immutabile, l’essere assoluto. Meditare con questo mantra significa andare avanti con gioia nel cammino della crescita spirituale.

Statua di Buddha.
Numerosi mantra provengono dal buddismo, anche se non sono esclusivi di questa religione: varie culture hanno usato parole e frasi con un’intenzione simile.

Benefici dei mantra per la meditazione

Il principale vantaggio dei mantra è che favoriscono la meditazione. Ciò significa che aiutano a ripulire la coscienza e a tacitare le voci della mente.

Secondo una ricerca del 2017, recitare mantra può stimolare cambiamenti nella funzione cerebrale, stimolando le onde alfa e aiutando a sincronizzare gli emisferi.

Alla stessa conclusione era giunto uno studio del 2012: la meditazione con i mantra può migliorare la salute del cervello. Dopo due mesi di meditazione quotidiana, gli anziani che hanno partecipato a questa ricerca hanno mostrato un miglioramento delle funzioni cognitive.

I mantra per meditare offrono diversi vantaggi a tutti:

  • Migliorano l’umore e danno una sensazione di calma e benessere.
  • Riducono i livelli di ansia, stress e affaticamento.
  • Migliorano la memoria e la concentrazione.
  • Rallentano il declino cognitivo.
  • Sviluppano la pazienza.
  • Aiutano a sostituire gli atteggiamenti negativi con pensieri positivi.

Un mantra per tutto e per tutti

Secondo l’American Psychological Association (APA ), negli Stati Uniti un terzo degli americani mostra alti livelli di stress. E questo panorama è più o meno simile nel resto del mondo occidentale.

Difficoltà a rilassarsi e dormire la notte, ansia, problemi di salute cardiovascolare, sono solo alcune delle conseguenze dello stress continuo. Ma abbiamo gli strumenti per affrontarlo.

Rendendo la meditazione parte della nostra routine, anche solo pochi minuti al giorno, possiamo aumentare l’autocontrollo, ridurre l’ansia e raggiungere la tranquillità. I mantra di meditazione sono i nostri alleati nella lotta contro lo stress.

Il mantra non deve necessariamente essere una di queste 8 frasi o essere in sanscrito. Una formula usata con fede e convinzione può calmarci, rafforzarci e attivare il cambiamento.

Seguendo i consigli dei vecchi maestri, la cosa più importante è il suono o la vibrazione, tuttavia si consiglia di evitare l’uso di parole o frasi con negazioni.

Ricordate: la chiave del mantra è la ripetizione, che sia in silenzio o mormorando, più lo ripetete e vi concentrate sulla frase, più benefici darà.

Potrebbe interessarti ...
3 principi del buddismo che aiutano a gestire meglio le nostre emozioni
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
3 principi del buddismo che aiutano a gestire meglio le nostre emozioni

I pilastri del buddismo sono un approccio potente quando si tratta di incanalare le emozioni. Vi proponiamo di riflettere su 3 punti chiave del bud...



  • Burke, A., Lam, C.N., Stussman, B. et al. Prevalence and patterns of use of mantra, mindfulness and spiritual meditation among adults in the United States. BMC Complement Altern Med. 2017; 17: 316. DOI:
    10.1186/s12906-017-1827-8.
  • Gómez C. ¿Qué es la teoría de cuerdas? Revista española de física. 2011; 25(2): 5-7.
  • Lutz A, et al. (2004). Long-term meditators self-induce high-amplitude gamma synchrony during mental practice. Proc Natl Acad Sci. 2004; 101(46):16369-73. DOI: 10.1073/pnas.0407401101.
  • Lynch J et al. Mantra meditation for mental health in the general population: A systematic review. European Journal of Integrative Medicine. 2018; 23: 101-108. DOI: 10.1016/j.eujim.2018.09.010.
  • Malena J, Barroso M, Andino F. Estudio comparado del Budismo Mahayana, el Budismo Vajrayana y el Yungdrung Bon. Anuario de investigación USAL. 2015; 2. URL disponible en: https://p3.usal.edu.ar/index.php/anuarioinvestigacion/article/view/3622/4480.
  • Quintana M. Base filosófica del Vajrayana. Un aporte de la filosofía budista. Escuela de Estudios Orientales. Instituto Latinoamericano de Investigaciones Comparadas sobre Oriente y Occidente. 1993. URL disponible en: https://racimo.usal.edu.ar/363/1/base_-_quintana.pdf
  • Ramírez-Barrantes R, et al. Default mode network, meditation, and age-associated brain changes: What can we learn from the impact of mental training on well-being as a psychotherapeutic approach? Neural Plast. 2019; 2. DOI: 10.1155/2019/7067592.