Schizofrenia infantile: tutto quello che c’è da sapere

29 Ottobre 2020
La schizofrenia infantile può provocare disturbi di forma del pensiero, comportamenti aggressivi e bruschi sbalzi emotivi. Come riconoscerla? Scopritelo in questo articolo.

La schizofrenia infantile è una malattia mentale rara ma grave, sulla quale rimane ancora molto da scoprire. Il trattamento, inoltre, dura tutta la vita.

La schizofrenia è un disturbo psicotico cronico, associato a gravi deficit cognitivi, disturbi della personalità, allucinazioni e perdita del contatto con la realtà. Nelle righe che seguono vi forniamo ulteriori informazioni sulle manifestazioni di questa malattia nei bambini.

Informazioni generali sulla schizofrenia infantile

Nella maggior parte dei casi, la schizofrenia inizia a manifestarsi tra i 14 e i 35 anni. Tra i 13 e i 18 anni viene considerata precoce; se l’età è inferiore, la prognosi è in genere sfavorevole.

Ciononostante, la patologia colpisce solo un bambino ogni 10000. Questi dati rendono la schizofrenia infantile una malattia mentale rara, ma pur sempre grave.

Cosa sapere sulla schizofrenia infantile

Le allucinazioni sono il sintomo principale?

È bene sapere che non sempre le allucinazioni confermano la presenza di  schizofrenia infantile. Queste ultime, infatti, possono essere dovute anche a traumi psicologici o a una forma di autismo.

I bambini che soffrono di schizofrenia sono affetti anche da un disturbo di forma del pensiero, comportamento impulsivo-aggressivo e altri sintomi come apatia o isolamento sociale.

Questi ultimi possono essere confusi con stati depressivi, dunque è molto importante che venga formulata una diagnosi che tenga conto di tutta la sintomatologia.

Potrebbe interessarvi anche: Indicatori di autismo: i 5 sintomi più comuni

Altri sintomi della schizofrenia infantile

Bambino con lo sguardo malinconico.
I sintomi della schizofrenia infantile possono variare; ciononostante, di solito colpiscono il pensiero, il comportamento e le emozioni.

La schizofrenia coinvolge il pensiero, il comportamento e le emozioni. Sono frequenti i deliri e le allucinazioni, così come disorganizzazione del linguaggio.

Purtroppo, è difficile riconoscere questa patologia in fase iniziale, ma potremmo notare ritardi nello sviluppo del linguaggio e a livello motorio. Il bambino, inoltre, potrebbe presentare altri comportamenti motori atipici, come agitare alcune parti del corpo o dondolarsi.

In seguito, possono comparire ulteriori disturbi, come condotte anomale e alterazioni della stessa nei confronti di amici e familiari. Anche disturbi del sonno, irascibilità e assenza di motivazione sono frequenti.

Violenza

Un altro sintomo della schizofrenia infantile è il comportamento violento, ancora oggetto di studio nei pazienti in giovane età.

Uno studio condotto su bambini di età compresa tra i 4 e i 15 anni, affetti da patologie dello spettro schizofrenico, indica che il 72% presentava precedenti di comportamento violento, mentre un terzo si mostrava molto aggressivo.

In alcuni casi non è stato possibile risalire alla causa specifica di questi episodi, che vengono quindi associati a violenza impulsiva di natura interiore.

Vi consigliamo di leggere anche: Il bambino si comporta male, cosa fare?

Conosciamo la causa della schizofrenia infantile?

Bambino disturbato con schizofrenia infantile.
Ancora oggi non si conoscono le cause precise della schizofrenia. La componente genetica potrebbe svolgere un ruolo importante nel suo sviluppo.

La causa della schizofrenia è ancora oggi sconosciuta. Gli studi indicano cause genetiche e alterazioni a carico di processi chimici cerebrali (dopamina e glutammato). Ciononostante, conosciamo alcuni fattori che possono contribuire alla sua comparsa:

  • Precedenti familiari.
  • Consumo di farmaci psicoattivi.
  • Alterazione del sistema immunitario.
  • Complicazioni durante la gravidanza o il parto.
  • Padre in età avanzata.

Il rischio di suicidio è alto

Una delle grandi paure che assalgono i pazienti e i loro familiari, così come i medici, è il rischio di suicidio. Si tratta di un aspetto di cui tenere conto, perché le statistiche mostrano che il 90% dei giovani che si suicidano soffre di un qualche disturbo mentale.

Nello specifico, il 30% dei giovani che soffrono di schizofrenia tentano il suicidio nel corso della propria vita. Risulta necessario, pertanto, accudirli sin dalla più tenera età.

In cosa consiste il trattamento per la schizofrenia infantile?

Il trattamento della schizofrenia dura tutta la vita, sia che venga avviato durante l’infanzia che in età adulta. È importante iniziarlo il prima possibile per ridurre il numero di episodi psicotici e i loro effetti a lungo termine.

Ricordate che molti sintomi di schizofrenia possono essere confusi con altri disturbi mentali. Dovrà essere il medico a formulare la diagnosi definitiva, così come a prescrivere il trattamento individualizzato.

  • McClellan, J., & Stock, S. (2013). Practice parameter for the assessment and treatment of children and adolescents with schizophrenia. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. https://doi.org/10.1016/j.jaac.2013.02.008
  • Driver, D. I., Gogtay, N., & Rapoport, J. L. (2013). Childhood Onset Schizophrenia and Early Onset Schizophrenia Spectrum Disorders. Child and Adolescent Psychiatric Clinics of North America. https://doi.org/10.1016/j.chc.2013.04.001
  • Charles Schulz, S., & Goerke, D. (2016). Schizophrenia in children and adolescents. In The Medical Basis of Psychiatry: Fourth Edition. https://doi.org/10.1007/978-1-4939-2528-5_22
  • Read, J., Van Os, J., Morrison, A. P., & Ross, C. A. (2005). Childhood trauma, psychosis and schizophrenia: A literature review with theoretical and clinical implications. Acta Psychiatrica Scandinavica. https://doi.org/10.1111/j.1600-0447.2005.00634.x