Laringite nei bambini: sintomi e trattamento

È importante conoscere i sintomi della laringite nei bambini per sapere come comportarsi, la prevenzione è fondamentale. Scoprirete tutto in questo articolo.
Laringite nei bambini: sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2020

La laringite nei bambini è uno dei motivi più frequenti per cui ci si reca al pronto soccorso. La sintomatologia respiratoria che accompagna questo disturbo può destare molta preoccupazione nei genitori.

Esistono precise misure per evitare che la laringite nei bambini si aggravi, e quindi scongiurare l’insorgenza di eventuali complicazioni. La prevenzione è uno degli aspetti più importanti. Leggendo questo articolo scoprirete come comportarvi.

Cos’è la laringite nei bambini?

La laringite è una malattia respiratoria che tende a presentarsi in forma acuta, sorge all’improvviso e peggiora rapidamente. Si tratta di un’infiammazione della laringe causata da un’infezione da virus o batteri.

Quando di natura virale, la cura ha lo scopo di calmare i sintomi, poiché sarà il corpo a combattere l’infezione. Per questo motivo, è molto importante non somministrare farmaci al bambino senza consultare prima il medico.

Nella maggior parte dei casi, la laringite nei bambini non è molto grave, è È tuttavia importante prevenirla e conoscere i sintomi più preoccupanti così da recarsi al pronto soccorso. 

Come prevenire la laringite nei bambini

Mani con saponata.
Insegnare ai bambini a lavare spesso le mani è uno dei metodi per prevenire e trattare la laringite. Le mani sono un mezzo di trasmissione di virus e batteri.

Per prevenire la laringite, basta seguire semplici misure preventive. Le presentiamo a seguire:

  • Lavare le mani, che rappresentano il principale mezzo di trasmissione di virus e batteri. È importante educare i nostri figli a una corretta igiene.
  • Fumo. Allontanare i bambini da ambienti con fumo, così come altre fonti nocive
  • Adeguata idratazione. È importante mantenere i bambini idratati facendoli bere spesso e prestando attenzione all’idratazione della pelle, soprattutto dopo aver svolto attività fisica.
  • Aumentare il consumo di frutta e verdura. L’apporto di vitamine di questi alimenti favorisce l’attività del sistema immunitario.
  • Evitare il contatto con persone infette. Non è consigliabile che i bambini facciano visita a familiari o amici che sono affetti da una qualsiasi malattia, soprattutto quelle respiratorie. Evitate anche di portarli con voi per fare visite in ospedale.

Sintomi della laringite nei bambini

La laringite nei bambini può apparire in diverse forme, ma le più frequenti sono le seguenti:

  • Tosse. Uno dei sintomi che preoccupano di più i genitori quando appare in modo compulsivo e non lascia riposare il bambino. Esistono rimedi naturali per calmarla, dato che l’umidità è una delle cause principali.
  • Raucedine o afonia. Si percepisce un cambiamento nel tono della voce del  bambino provocato dall’infiammazione delle corde vocali.
  • Dolore durante la deglutizione. Il bambino può accusare dolore quando ingoia, che si intensifica quando consuma alimenti solidi.
  • Difficoltà respiratoria. Può apparire un sibilo o un suono sforzato quando il bambino inspira aria. Se è intenso, è percepibile anche senza auscultazione. Questo è il sintomo principale per il quale bisogna recarsi al pronto soccorso.

Segnali di allarme e quando recarsi in ospedale

Ci sono situazioni specifiche nelle quali gli adulti devono prestare maggiori attenzioni e comportarsi nel modo più adatto.

Difficoltà respiratoria

Bambino che dorme con termometro.
Le difficoltà respiratorie e la febbre devono essere intese come segnali di allarme di una complicazione della laringite. In questi casi è importante recarsi in ospedale.

La situazione è grave quando il bambino fa fatica a inspirare. Si osserva un movimento toracico o addominale di maggiore intensità e si può constatare una trazione intercostale. Quest’ultima è caratterizzata da un movimento dei muscoli tra le costole.

In alcuni casi è accompagnato da un rumore respiratorio causato dallo sforzo. Si tratta di un segnale di allarme e in questo caso è importante recarsi in ospedale e ricevere una diagnosi medica.

Febbre

Questo sintomo è da considerarsi preoccupante  se raggiunge o supera improvvisamente i 39° o se è più alta di 37,5° per più di 3 giorni consecutivi e non si abbassa con trattamenti antipiretici o antitermici prescritti dal pediatra.

È importante evitare l’automedicazione, ovvero somministrare farmaci che non siano stati prescritti da un medico. Senza dubbio, si potranno considerare nuovamente trattamenti antipiretici e antiinfiammatori già prescritti dal pediatra, sempre seguendo le sue linee guida.

Riassumendo…

La laringite nei bambini può causare diversi fastidi che vanno dalla tosse, alle difficoltà respiratorie. Ciononostante, con le dovute attenzione si possono evitare complicazioni.

Potrebbe interessarti ...
Gastrite nei bambini: alcuni rimedi naturali
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Gastrite nei bambini: alcuni rimedi naturali

Benché sia un disturbo comune tra gli adulti, anche la gastrite nei bambini dovrebbe destare una certa attenzione. Scopritene di più.