Lavare i piatti a mano: regole ed errori da evitare

Vi pesa lavare i piatti, fate fatica a renderli impeccabili? Non preoccupatevi. Vi mostriamo alcuni trucchi infallibili per rendere questo compito meno pesante e più igienico.
Lavare i piatti a mano: regole ed errori da evitare

Ultimo aggiornamento: 11 settembre, 2021

Mettersi ai fornelli è per molti un divertimento, ma lavare i piatti a mano è uno dei lavori più detestati. In questo articolo diamo alcuni consigli che rendono questo compito più semplice.

Naturalmente la lavastoviglie esiste per questo, ma non tutti ce l’hanno. C’è anche chi preferisce lavare i piatti a mano perché non consumare troppa elettricità e per non acquistare un detersivo apposito.

Ci sono anche vantaggi nel lavare i piatti nel modo tradizionale. Da un lato, si può risparmiare acqua e consumare meno energia. D’altra, assegnare questo compito a un membro diverso della famiglia ogni giorno motiva i bambini ad assumersi delle responsabilità e insegna loro l’importanza della cooperazione.

Errori comuni quando si lavano i piatti

Anche se lavare i piatti è un compito semplice e intuitivo, è anche facile fare errori che possono mettere a rischio la nostra salute o danneggiare utensili e stoviglie.

Quindi, non pensiate che sia un argomento che non vale la pena approfondire. La cucina è una delle zone più amate dai batteri, soprattutto nella zona del lavabo. Prestate attenzione ai seguenti errori in modo da poterli prevenire e lavare i piatti a mano in modo più efficace.

Accumulare grandi quantità di piatti

Lasciare pile di piatti, pentole, bicchieri e posate da lavare è un comportamento frequente, ma non utile. Per prima cosa, rende il compito molto più gravoso.

Inoltre, i resti di cibo si seccano e diventano più difficili da rimuovere. Infine invita batteri e funghi a riprodursi. Per portarvi avanti con il lavoro, l’ideale sarebbe cominciare a lavare i piatti e gli utensili utilizzati man mano che cucinate.

Mucchio di piatti sporchi.
Accumulare grandi quantità di piatti e utensili da cucina da lavare più tardi rende il lavoro molto più faticoso.

Usare la stessa spugna per tutto

Vi è già capitato di bere un bicchiere d’acqua e sentire un odore sgradevole? Questo spesso succede perché si usa la stessa spugna per lavare tutto.

A questo proposito, è una buona idea riservare una spugna o una spazzola per i bicchieri, un’altra per le pentole e un’altra per lavare piatti, posate e utensili.

Trascurare gli strofinacci

Molte persone sostituiscono le spugne da cucina con lo strofinaccio. Alcune persone asciugano i piatti prima di rimetterli nella dispensa.

Tuttavia, questi panni possono diventare un terreno fertile per batteri e germi. È quindi importante lavarli in acqua calda dopo ogni uso e, se possibile, asciugarli ad alta temperatura.

Lavare i piatti a mano con acqua fredda

È molto comune lavare le stoviglie con acqua fredda. Tuttavia, anche questo è un errore che rende la cucina un terreno fertile per batteri e agenti patogeni.

A tal proposito, il sito statunitense Food Safety sottolinea che, per evitare la contaminazione crociata, è essenziale lavare taglieri, piatti, utensili e piani di lavoro con acqua calda e sapone.

Per facilitare il lavaggio con acqua calda, si può anche usare un contenitore capiente che permetta di immergere piatti e posate.

Tuttavia, è importante indossare guanti o fare attenzione a non bruciare mani e braccia. Inoltre, è meglio tenere lontano i bambini dalle alte temperature.

8 consigli per lavare i piatti a mano

Anche se lavare i piatti a mano non è sempre un compito grato, è necessario e deve essere fatto nel migliore dei modi.

Inoltre, può essere un momento piacevole se si adotta un buon atteggiamento e alcuni trucchi che rendono il processo più leggero. Ecco alcuni consigli che renderanno il lavoro più facile e più igienico.

1. Attenzione alla spugna

Una ricerca pubblicata su International Journal of Food Microbiology ha analizzato la crescita e lo sviluppo dei batteri su spugne e spazzole per lavare i piatti.

I risultati indicano che, essendo esposte ai resti di cibo e all’acqua, sono un terreno fertile per agenti patogeni come la salmonella.

Tuttavia, lo stesso studio ha scoperto che è più igienico usare le spazzole piuttosto che le spugne. Quindi, se volete una casa più ecologica, potete sostituire le spugne con una spazzola di legno e fibre naturali, che userete per insaponare.

Se invece preferite usare le spugne, dovrete prestare particolare attenzione ai cattivi odori o ai cambiamenti di colore, perché questo significa che è arrivato il momento di sostituirle.

2. Disinfettare spesso la spugna o la spazzola

Anche se la spugna viene cambiata frequentemente, è importante pulirla accuratamente ogni giorno o almeno 4 volte a settimana. Lo stesso vale per la spazzola e gli strofinacci.

Per questo scopo si può usare acqua bollente e una spruzzata di aceto. Per quanto riguarda la spugna, può essere scaldata al microonde per un minuto. Tuttavia, è importante assicurarsi che non sia bagnata.

3. Usare una griglia per proteggere lo scarico del lavandino

Lavare i piatti a mano può significare che molti residui di cibo vadano a finire nello scarico. Questo, con il tempo porterà i tubi a intasarsi.

È quindi consigliabile comprare una griglia per lo scarico, che vi permetterà di filtrare i rifiuti. Sarà anche di grande aiuto nel caso in cui qualcosa finisca accidentalmente nel lavandino, come un anello.

4. Indossare i guanti per lavare i piatti a mano

Lavare i piatti a mano può seccare le mani e indebolire le unghie. Inoltre, entrare in contatto con gli avanzi non è piacevole.

Pertanto, indossare i guanti è un’ottima idea per prendersi cura della pelle e rendere questo compito più gradevole. Cercate di comprarli in una misura che si adatti alle vostre mani e non condivideteli. Sarebbe meglio che ogni membro della famiglia avesse un paio di guanti ad uso personale.

5. I trucchi naturali

Ci sono prodotti che tutti abbiamo nell’armadio e che facilitano il processo di pulizia. Aceto, bicarbonato di sodio, caffè e limone sono i nostri grandi alleati.

Ad esempio, potete usare acqua calda con limone e bicarbonato per ammorbidire i resti di unto. L’aceto può essere usato per rinforzare il lavaggio dei contenitori in cui è ammuffito del cibo. I fondi di caffè sono assorbenti e aiutano a rimuovere il grasso ostinato che si attacca alle pentole.

Lavare i piatti a mano con il succo di limone.
Il limone è un detergente naturale. Tenetelo a portata di mano per facilitare il lavaggio dei piatti.

6. Lavare i piatti a mano seguendo un ordine

Per lavare i piatti, non ci vuole certo una scienza, ma seguire un certo ordine è di grande utilità. Così come è un vantaggio sistemarli nella lavastoviglie in modo organizzato.

Per prima cosa, si lavano i bicchieri o i contenitori di vetro. Si continua con i piatti e le posate. Con queste ultime, è necessario lavarle ad una ad una e non a gruppi, altrimenti resteranno sporche. Finite con le padelle e le pentole, lasciando quelle più grasse per ultime.

7. Lasciare in ammollo in caso di sporco ostinato

Quando lo sporco è ostinato, la cosa migliore da fare è immergere la padella o il piatto in acqua calda per un paio d’ore. Tuttavia, è meglio prevenire che faticare.

Pertanto, quando si preparano alimenti che si induriscono nel tempo, è meglio sciacquarli o metterli in ammollo immediatamente. Questo è il caso della farina d’avena, dell’impasto della torta o del cioccolato.

8. Usare il limone o il sale per eliminare i cattivi odori

Piatti, utensili e pentole restano spesso impregnati di odori sgradevoli. L’odore delle uova crude è un classico.

Tuttavia, due trucchi di lavaggio vi aiuteranno a controllare questo effetto. In primo luogo, immergere l’oggetto in acqua calda e salata.

In secondo luogo, si può aggiungere del succo di limone all’acqua quando si risciacqua, dopo l’insaponatura. Entrambi fanno miracoli.

Lavare i piatti a mano: anche lo scolapiatti va igienizzato

Dopo aver parlato delle chiavi per lavare i piatti a mano e gli errori da evitare, terminiamo sottolineando l’importanza di avere un buono scolapiatti.

La cura che gli date è molto importante, perché gli ambienti umidi sono l’habitat perfetto per i batteri e i cattivi odori.

Ricordatevi, quindi, di asciugare e pulire lo scolapiatti una volta riposte le stoviglie, altrimenti diventerà un ricettacolo di sporco.

Si può pulire con candeggina una volta alla settimana: questo dovrebbe garantire l’eliminazione dei germi.

Potrebbe interessarti ...
Pulire il barbecue in cinque passaggi
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Pulire il barbecue in cinque passaggi

Seguendo questi cinque passaggi, pulire il barbecue sarà più veloce e vi permetterà di mantenere tutto in perfette condizioni.