Lavare i piatti, quali sono gli errori più comuni?

25 Febbraio 2019
È consigliabile lasciare i piatti ammollo per ammorbidire i residui di cibo attaccati alla superficie e usare acqua bollente e guanti per assicurarci di lavarli adeguatamente.

Anche se pensiamo che lavare i piatti basti per rimuovere ogni batterio in cucina, la realtà è ben diversa. Nel realizzare questa operazione, commettiamo diversi errori, che non si limitano a lasciare la spugna piena di germi nel lavandino.

Ne commettiamo molti altri senza saperlo e che, per di più, causano lo spargimento di residui di cibo e il moltiplicarsi dei germi in cucina.

Charles Gerba, studioso e microbiologo presso l’università dell’Arizona,  ha effettuato diversi studi al riguardo ed è giunto alla conclusione che il 50-80% delle malattie causate da cibo contaminato ha origine nell’ambiente domestico. Questi patogeni causano 6,5 milioni di gastroenteriti all’anno.

Continuate a leggere per scoprire il modo migliore per lavare i piatti e quali errori evitare.

Lavare i piatti senza commettere errori

1. Usare il sapone adeguato

Usare il detersivo sbagliato per lavare i piatti è un errore molto comune, così come lo è usarlo in quantità eccessive. In questo caso, infatti, restano dei residui di prodotto sulla superficie, i quali finiscono per essere ingeriti con gli alimenti.

Avete bisogno di acqua bollente e sapone. Leggete le etichette dei detersivi e seguite le indicazioni riguardo alla quantità da diluire con acqua.

2. Non sprecare molta acqua

Lavare i piatti con i guanti

Mettere i piatti ammollo con acqua bollente per rimuovere i residui di unto è altamente consigliabile.

Inoltre, è molto importante chiudere il rubinetto mentre pulite ogni piatto individualmente. Potete usare una tazza grande piena d’acqua per lavare ogni elemento. In questo modo, non sprecherete troppa acqua.

Leggete anche: Eliminare i cattivi odori in casa con 2 ingredienti

3. No alle spugne sintetiche

La spugna e lo strofinaccio sono spesso gli elementi più esposti ai germi in cucina. Batteri come l’E. coli e la Salmonella rimangono in questi due oggetti e vi si annidano infestandoli.

Vi consigliamo di usare spugne con fibre naturali, in seguito pulitele e assicuratevi che si asciughino completamente. Vi raccomandiamo anche di cambiarle ogni settimana.

4. Lavare correttamente bicchieri e coltelli

Sciacquare i bicchieri con acqua

Lavare in fretta i coltelli è un errore comune, in questo modo i residui rimangono sui denti della lama. Vi consigliamo di dedicare più tempo a questa attività in modo da eliminare ogni traccia di cibo.

Anche i bicchieri sono un elemento critico; batteri e tracce di alimenti, come il latte, rimangono sulla superficie interna anche dopo il lavaggio.

Dovrete fare molta attenzione e sciacquarli per bene per evitare che i batteri continuino a propagarsi.

5. Lavarsi le mani prima di lavare i piatti

Le mani possono essere un forte elemento di contaminazione di batteri e virus. Prima di lavare i piatti o metterli in lavastoviglie, dobbiamo lavarci le mani con sapone e acqua tiepida.

6. Attenzione ai taglieri

 

Lavare il tagliere

Vi consigliamo di sciacquare sempre i taglieri su cui tagliate carne o verdure prima di lavarli. Dopodiché, lasciateli scolare per rimuovere l’acqua e disinfettateli con un prodotto o una soluzione di cloro per due minuti.

Lavarli con spugna e sapone come si è solito fare è un errore poiché questo metodo non assicura una pulizia profonda.

7. Non lavare i piatti in un lavello sporco

Il lavello ospita tanti batteri quanti il gabinetto del bagno. Vi consigliamo, dunque, di pulirlo ogni giorno con aceto e bicarbonato di sodio o con aceto e sale.

In questo modo sarà ben disinfettato e i batteri non passeranno sulle stoviglie mentre le lavate.

Leggete anche: Detersivo naturale con borace e bicarbonato di sodio

8. Rimuovere il cibo e sciacquare i piatti prima del lavaggio

Donna pulisce i piatti

Rimuovete ogni residuo di cibo dai piatti  e buttatelo nell’immondizia. Potete aiutarvi con una spatola per rimuovere completamente ogni residuo.

In seguito, mettete i piatti nel lavello e copriteli con acqua bollente per togliere i resti di cibo e strofinate.

Un errore che si commette spesso è quello di non rimuovere del tutto i residui di cibo dalla superficie dei piatti; di conseguenza andranno a intasare il lavandino.

Consigli per lavare i piatti

  • Usate acqua bollente e indossate guanti di gomma.
  • Lasciate gli utensili che sono entrati in contatto con carne cruda per ultimi così da evitare la contaminazione di piatti, bicchieri e posate.
  • Usate uno strofinaccio pulito e asciutto per asciugare le stoviglie e fate attenzione che siano state pulite correttamente.
  • Potete usare del limone e sale per disinfettare i taglieri.

Prestare attenzione ed evitare gli 8 errori più comuni quando si lavano i piatti vi permetterà di prevenire malattie e la trasmissione di germi. Inoltre, otterrete stoviglie splendenti come nuove.