L'influenza del coaching sportivo sulla performance di Federico Valverde

Il giocatore del Real Madrid ha raggiunto i massimi livelli. Come fa a rimanere tra i migliori al mondo? Sembra che il coaching sportivo lo stia aiutando.
L'influenza del coaching sportivo sulla performance di Federico Valverde
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre, 2022

Federico Valverde deve gran parte del suo glorioso presente nel Real Madrid ai cambiamenti generati dal coaching sportivo. L’attaccante uruguaiano è diventato il re dei social dopo il gol segnato contro il Barcellona.

Con la Coppa del Mondo in Qatar alle porte, ha anche un posto privilegiato nella squadra uruguaiana. Lo sforzo sarà sufficiente? Per ora non ci sono segreti sulla sua preparazione fisica. I cambiamenti erano necessari per rimanere nell’élite.

Non è facile modificare delle routine che ci accompagnano da sempre (anche dall’infanzia). Ecco perché Federico Valverde ha fatto ricorso al coaching sportivo e si è concentrato sull’imparare dagli errori per proiettare la sua carriera verso il futuro.

Federico Valverde: gli esordi

Federico Valverde si è distinto subito, fin dagli esordi con il Peñarol. Ma doveva muoversi di più, andare e venire più velocemente in campo. Questa è stata la raccomandazione degli allenatori, anche se la proposta non gli è piaciuta. Secondo i suoi commenti, era troppo giovane e non capiva che senza cambiamenti non ci sarebbero stati progressi.

Poi, con il tempo, è cambiato. Ed è progredito. Il Real Madrid lo ha ingaggiato da quando era a Peñarol, così che all’età di 18 anni si sarebbe recato in Spagna. Ha iniziato al Real Madrid Castilla, è stato in prestito al Deportivo La Coruña e questo fine settimana è stato proposto come parte della top ten mondiale.

Fede Valverde è tra i primi 3 giocatori al mondo in questo momento.

Il corso sembra breve per Valverde, ma ci sono voluti anni di sforzi. I cambiamenti nell’allenamento e nell’alimentazione non sono stati gli unici. Doveva anche imparare ad affrontare il fallimento.

Quando i momenti di successo sono presenti, sembra che dietro non ci sia nulla. Tuttavia, l’uruguaiano ammette di aver attraversato l’oscurità e l’incertezza nella sua carriera. È la parte che non si vede e che molti altri nascondono.

Coppa per i vincitori.
Guadagnare un trofeo non è tutto: dietro c’è un percorso che solo i giocatori saggi apprezzano.

Il coaching sportivo di Federico Valverde

Federico Valverde ha ampiamente dimostrato un’innata abilità con la palla. Questo è indiscutibile. In ogni caso, il livello di domanda dei club di prima classe implica cambiamenti di abitudini che non tutti sono disposti a negoziare.

Per fare questo, l’uruguaiano ha utilizzato il coaching. Ammette di aver avuto momenti di sfoghi e di troppa passione, dentro e fuori dal campo, che ne limitavano la capacità decisionale. E, naturalmente, le sue prestazioni sportive sono state influenzate.

Con il coaching è stato in grado di riconciliarsi con i suoi fallimenti. Le date in cui non suonava e che non lo chiamavano per iniziare non erano più buie. Ha capito che doveva impegnarsi di più in allenamento. Ha cambiato le presunte sconfitte in opportunità.

Questo cambio di mentalità non è facile in una squadra come il Real Madrid. Il numero di stelle in giro, in uno spogliatoio vittorioso, intimidisce chiunque.

A volte non uscivo in campo per paura che i compagni di squadra pensassero di non essere bravi quanto me. Ma grazie allo sforzo e all’umiltà mi sono guadagnato una posizione e oggi mi sento molto importante. Penso che il coaching mi abbia aiutato ad aprire la mente e non mi abbia fatto sentire inferiore a nessuno.

Leggi anche: Metodo Pintus: il segreto del successo del Real Madrid

A cosa serve il coaching sportivo?

Il coaching sportivo che ha aiutato Federico Valverde non è nuovo, ma non è nemmeno una disciplina veterana. I club d’élite lo sanno perché lo applicano con le loro squadre, ma non tutti sono legati ad esso.

Di per sé, l’obiettivo del coaching sportivo è quello di aiutare l’atleta a raggiungere il suo massimo potenziale, liberandosi da alcuni ostacoli che appartengono all’orbita della sua personalità. Un allenatore non applica la stessa procedura a tutti coloro che lo assumono. Si adatta a particolari esigenze.

Non è uno psicologo, necessariamente, ma applica la conoscenza della psicologia. Anche l’ allenatore non è un medico, ma conosce le sane abitudini. Non è un nutrizionista, anche se sa guidare la routine dei pasti per migliorare il fisico.

Questa disciplina, nello sport, trascende la mera consulenza. L’atleta è guidato da un piano che stabilisce obiettivi, obiettivi, modalità per raggiungerli e un processo di conoscenza di sé.

Federico Valverde ha sottolineato molto questo aspetto del coaching sportivo che lo ha aiutato. L’uruguaiano è riuscito a sfruttare al massimo il suo potenziale fino a diventare tra i migliori calciatori al mondo.

Coaching sportivo per il Real Madrid.
Il Real Madrid è pieno di protagonisti e titoli. Entrare in un club come questo richiede forza mentale.

Leggi anche: Coach e psicologo dello sport: che differenza c’è?

L’allenamento per i giocatori professionisti

Fino a un decennio fa, i giocatori d’élite si allenavano durante la settimana e giocavano nei fine settimana. Si prendevano cura dei pasti e delle abitudini; ma non attribuivano tanta importanza all’esercizio fisico e all’alimentazione extra.

Oggi, essere tra i migliori calciatori significa massima dedicazione e professionalità. Ciò significa seguire i consigli nutrizionali e prendersi cura della propria mente per dare il 100% sul campo di gioco.

Il coaching sportivo che ha aiutato Federico Valverde considera l’uomo dietro il giocatore. Se la mente non è in grado di gestire lo stress, sarà difficile per i muscoli correre fino a segnare gol.

L’uruguaiano è sulla buona strada per rimanere tra i migliori. Il Real Madrid ci crede e lo fa schermare con una clausola risolutiva impagabile fino al 2027.

Con la presentazione nella classica contro il Barcellona ha prevalso con la sua forza. Il mese scorso è stato nominato miglior mensile della Liga. Ha già la Champions League al suo attivo. Ora punta al Mondiale del Qatar 2022.

Gli obiettivi che raggiunge sono possibili perché si allena in modo completo. Il tuo corpo, i tuoi desideri e la tua mente sono orientati a far emergere il massimo potenziale che hai. Oggi raccoglie i frutti.

Potrebbe interessarti ...
Mbappé: la rigorosa routine e la dieta di una futura stella del calcio
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Mbappé: la rigorosa routine e la dieta di una futura stella del calcio

La routine e la dieta rigorosa che segue Kylian Mbappé sono fondamentali nel suo obiettivo di diventare il miglior giocatore del mondo.



  • Griffo, Janelle M., et al. “A decade of research literature in sport coaching (2005–2015).” International Journal of Sports Science & Coaching 14.2 (2019): 205-215.
  • North, Julian, et al. “The professionalisation of sport coaching.” Professional Advances in Sports Coaching. Routledge, 2018. 3-21.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.