Mani screpolate dal freddo: come trattarle?

20 Febbraio 2020
D'inverno, le mani screpolate dal freddo sono una condizione piuttosto comune. Come qualsiasi altra parte del corpo esposta alle basse temperature, le mani subiscono l'inclemenza del clima. Scoprite di più in questo articolo.

Le mani screpolate dal freddo sono fastidiose e fanno male. Quando il clima invernale si fa sentire sulla pelle, le mani sono tra le prime a essere colpite per via della loro costante esposizione. Usiamo le mani per molte attività e non sempre possiamo indossare i guanti per proteggerle.

La cute è il tessuto che si screpola. La cute delle mani presenta alcuni follicoli piliferi sul dorso, caratterizzati dalla scarsa produzione di grasso. Il dorso delle mani, pertanto, è poco protetto dal freddo e si disidrata facilmente.

Diversa è la situazione dei palmi delle mani, che hanno più risorse per difendersi dal clima. La produzione di sudore in questa zona, inoltre, è maggiore, motivo per cui è più facile regolare la temperatura.

Le mani screpolate dal freddo sono direttamente legate al clima invernale che tende a essere secco, disidratando le cellule. La giunzione cellulare si rompe, il derma si secca e mostra pertanto segni di screpolatura all’esterno.

Le cause principali delle mani screpolate

Non è solo il freddo a screpolare le mani. L’inverno riunisce solo alcune delle condizioni scatenanti, infatti anche altri fattori non legati all’inverno possono esacerbare questo problema.

Gli sbalzi di temperatura sono tra le cause più comuni. Viviamo tutti in ambienti interni riscaldati, spesso troppo, e quando usciamo di casa o dal lavoro, la pelle subisce uno shock termico. Il passaggio dal caldo al freddo non fa affatto bene al derma.

Come anticipato, inoltre, il freddo è associato alla secchezza. Magari ci laviamo spesso le mani credendo che ciò serva a idratare la pelle. Tuttavia, non è affatto così. Al contrario, l’umidità associata al freddo ambientale può risultare controproducente, aumentando le screpolature.

Crema per le mani screpolate
Gli improvvisi sbalzi di temperatura o  il contatto con sostanze irritanti possono seccare troppo le mani e screpolare la pelle.

Oltre al freddo, alcuni prodotti che usiamo abitualmente a casa o al lavoro possono screpolare le mani. Si tratta di sostanze irritanti che favoriscono tale sintomo. Tra essi possiamo citare detersivi, insetticidi, calce e alcuni saponi. Per quanto riguarda questi ultimi, sono oggi presenti sul mercato delle versioni che prevengono le screpolature anziché peggiorarle, come i saponi tensioattivi.

Anche le malattie dermatologiche e autoimmuni possono screpolare le mani. I soggetti affetti da psoriasi, in inverno vanno incontro a un peggioramento dei sintomi. A ciò si aggiungono alcune malattie ormonali, come l’ipotiroidismo o il diabete, che colpiscono anche la pelle.

Leggete anche: Sostanze tossiche nei cosmetici che danneggiano la pelle

Misure per contrastare le mani screpolate dal freddo

Esistono alcune misure da applicare in inverno per prevenire le mani screpolate dal freddo. Vediamone alcune:

  • Lavarsi con acqua tiepida: le mani vanno indubbiamente lavate. Ma è meglio farlo con acqua non troppo fredda né troppo calda.
  • Indossare guanti: quando è possibile, proteggete le mani con dei guanti, sia dal clima che dalle sostanze irritanti. È importante evitare che la pelle non entri in contatto diretto con sostanze tossiche e che le dita vengano mantenute al caldo.
  • Idratarsi con le creme: non tutte le creme sono adatte alle mani in inverno. Consigliamo di utilizzare quelle specificamente formulate per idratare la pelle secca e prodotte a partire da derivati ​​dell’avena. L’applicazione del prodotto non va limitata solo alla pelle, ma va estesa anche alle unghie.
Mani fredde e screpolate
Durante l’inverno è fondamentale proteggere le mani con i guanti. Quando possibile, inoltre, è consigliabile lavarle con acqua tiepida.

Può interessarvi anche: Curare la pelle grassa in inverno

Rimedi utili da preparare in casa

Dal momento che non si tratta di una patologia da trattare con i farmaci, ma solo attraverso misure e abitudini, consigliamo alcuni rimedi fatti in casa per alleviare il fastidio. Queste formule sono volte a migliorare l’idratazione della pelle e impiegano sostanze non irritanti. Tra questi rimedi abbiamo:

  • Vaselina: usata da sola, senza altri componenti. La vaselina forma una barriera isolante sulla pelle, impedendo al freddo di entrare. Si consiglia di applicarla una volta alla settimana.
  • Grano: la crusca di grano tiepida è un altro prodotto benefico per la pelle delle mani. Preparate un decotto e poi lasciatelo riposare prima dell’uso. Immergete le mani ripetutamente, avendo cura di farlo quando l’acqua è tiepida.
  • Miele: il miele possiede svariate proprietà benefiche per la pelle. In questo caso specifico, forma uno strato isolante sulle mani. Per l’applicazione, in genere, viene miscelato con il burro, riscaldato e lasciato riposare. L’unico inconveniente di questo rimedio è che è molto appiccicoso. Si consiglia dunque di ricorrervi solo nei momenti in cui non bisogna usare le mani per realizzare altre attività.
  • Uovo: il tuorlo d’uovo è un idratante naturale. Si può applicare direttamente sulle mani, una volta sbattuto, e lasciato in posa per dieci o venti minuti. L’applicazione di questo rimedio per tre volte alla settimana è più che sufficiente per combattere le mani screpolate dal freddo.

In sintesi

Il clima freddo porta con sé alcune delle condizioni che seccano la pelle delle mani e che favoriscono la screpolatura. Per evitarlo, è sempre raccomandabile coprire le estremità quando possibile. Inoltre, si può sempre contare su alcuni prodotti naturali che aiutano a tenere le mani ben idratate.

  • Troconis Ganimez, J. E. “El lavado y cuidado de las manos.” Acta odontológica venezolana 41.2 (2003): 166-171.
  • Mañez, V. Muñoz, et al. “Dermatitis atopica (DA): hidratación y plan de cuidados.” Enfermería Dermatológica 1.1 (2007): 16-23.
  • Serjan, María A., and Liliana Saraceni. “Higiene en manos.” Revista del Hospital Materno Infantil Ramón Sardá 24.4 (2005): 158-163.