Curare la pelle grassa in inverno

24 Gennaio 2020
Il freddo e il vento hanno diversi effetti sulla pelle, in particolare la secchezza. Perché è così importante seguire una routine di bellezza invernale per pelli grasse?

C’è chi ritiene che la pelle grassa non richieda una cura maggiore durante le stagioni fredde, ritenute aggressive solamente per le pelli secche. Per mantenere vigore e freschezza, invece, è bene sapere anche come curare la pelle grassa in inverno.  

In presenza di freddo, la pelle grassa non reagisce come la pelle secca o sensibile. Tuttavia, ciò non significa che non vi sia bisogno di una routine di bellezza invernale con cui mantenerla idratata ed evitare che acquisisca un aspetto spento.

Ignorando come curare la pelle grassa in inverso, potrebbe verificarsi un effetto cosiddetto da rebound. Ciò significa che, in caso di secchezza ambientale, la pelle può reagire producendo più grasso, con tutti i problemi che ne derivano.

L’inverno e la pelle

Donna che applica una crema sul viso
Contrariamente a ciò che molti pensano, anche la pelle grassa richiede alcune cure speciali durante la stagione invernale.

Il freddo ha diverse conseguenze su ogni tipo di pelle, dal momento che tende a seccare la cute. La pelle grassa, contrariamente all’opinione di molti, risente molto delle basse temperature e degli alti livelli di umidità. In primo luogo, potrebbe presentare un pallore più evidente.

Ma non è questo l’aspetto più grave. Durante l’inverno, la pelle perde acqua e nutrienti. Il freddo fa contrarre i capillari, cosa che, a sua volta, provoca una diminuzione dell’ossigeno, dell’umidità e dei nutrienti. In queste condizioni, il volume delle cellule morte aumenta.

Quando sulla pelle è presente un alto numero di cellule morte, è più facile che i pori ne risultino ostruiti. È allora che può presentarsi il cosiddetto “effetto rebound”, che consiste in un aumento dei punti neri e dei brufoli sul viso. A causa di tutti i motivi citati finora, è fondamentale essere preparati su come curare la pelle grassa in inverno.

Vi consigliamo di leggere anche: Truccare la pelle grassa: 7 semplici consigli

Curare la pelle grassa in inverno

Una routine invernale per pelli grasse prevede l’adozione di varie misure, il cui scopo principale è ossigenare, idratare e proteggere la pelle. Quelle che seguono sono le azioni principali che devono essere realizzate per mantenere una pelle sana ed evitare l’effetto rebound.

  • Pulire la pelle nel giusto modo. L’ideale è lavarsi il viso due volte al giorno, utilizzando un tonico per il viso che, possibilmente, contenga un antibatterico di origine naturale. Ancor meglio se tra gli ingredienti è presente un estratto di menta o di tea tree oil. Questo prodotto rimuove le impurità e aiuta a chiudere i pori.
  • Eseguire una pulizia doppia. Per ottenere un risultato migliore, l’ideale è applicare una lozione priva di oli dopo aver lavato il viso. Le lozioni più adatte sono a base di amamelide, rosmarino, edera o aloe vera.
  • L’idratazione è fondamentale. Quando il viso è ormai pulito, è necessario applicare un prodotto idratante per pelli grasse. In genere, si tratta di acidi per la cosmesi, come l’acido ialuronico. Questi prodotti restituiscono alla pelle la sua idratazione naturale.
  • Bere acqua e proteggersi dal sole. È importante bere a sufficienza durante la giornata e applicare tutti i giorni la protezione solare.
  • Esfoliare. È bene esfoliare la pelle due volte alla settimana per rimuovere le cellule morte. L’ideale è impiegare esfolianti non abrasivi.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Rivitalizzare la pelle del viso con 6 maschere peel-off

Altre cure

Maschera viso per curare la pelle grassa in inverno
Le maschere per il viso aiutano a mantenere luminosa la pelle grassa. Inoltre, è bene esfoliare e adoperare i prodotti più indicati.

Oltre ad adottare le misure esposte, possiamo completare la routine di bellezza invernale per pelli grasse ricorrendo ad altre cure che ci permettono di ottenere risultati ottimali. Ci riferiamo a:

  • Applicare delle maschere. Le maschere sono molto utili per migliorare l’aspetto della pelle, soprattutto se appare molto spenta. Le migliori sono quelle a base di tè verde, agave azzurra e calendula. L’ideale è applicarle due volte alla settimana.
  • Peeling con acido salicilico. Se la pelle ha un aspetto molto luminoso o presenta un eccesso di grasso, nonostante le cure fornite, una buona opzione  consiste nel praticare un’esfoliazione profonda con acido salicilico. Contribuisce a eliminare i punti neri e riduce la lucentezza della pelle.
  • Utilizzare trucco opacizzante. Questo tipo di trucco migliora l’aspetto della pelle e in inverno presenta una durata maggiore; di conseguenza, non è necessario ritoccarlo di frequente.
  • Usare i prodotti adeguati. Come regola generale, i gel idratanti o i gel-crema idratanti sono i migliori. Ancor meglio se sono seboregolatori, non comedogenici e privi di oli. L’ideale è farsi consigliare dal dermatologo, e non dalla pubblicità.

In definitiva, in inverno è importante prendersi cura della pelle grassa alla pari degli altri tipi di pelle. Per prevenire la comparsa di problemi dermatologici durante questo periodo, è sufficiente potenziare alcune precauzioni basilari.

  • Baumann, L., Amini, S., & Weiss, E. (2005). Nueva clasificación de los tipos de piel y sus implicaciones en Dermatología Cosmética. Dermatología Venezolana, 43(4).
  • Top 5 fixes for itchy winter skin. A humidifier, moisturizer, and lukewarm water can help. (2014). Harvard Health Letter / from Harvard Medical School39(4), 4.
  • How to prevent and treat dry skin. Be proactive this winter by moisturizing often and avoiding hot water. (2015). Harvard Health Letter / from Harvard Medical School40(3), 7.
  • Endly DC, Miller RA. Oily Skin: A review of Treatment Options. J Clin Aesthet Dermatol. 2017;10(8):49–55.
  • Sakuma, T. H., & Maibach, H. I. (2012, August). Oily skin: An overview. Skin Pharmacology and Physiology. https://doi.org/10.1159/000338978
  • Sethi A, Kaur T, Malhotra SK, Gambhir ML. Moisturizers: The Slippery Road. Indian J Dermatol. 2016;61(3):279–287. doi:10.4103/0019-5154.182427